To call a mistake

Figure skating is a sport, and as a sport has his rules. We all agree on this? And the rules must be equal for all the skaters. It’s not important if a skater is nice or not, what is important is what he has done during the competition. Nothing more, nothing less.
The judges must give their marks according to the rules book. A skater can’t be happy to receive a bad mark, but if the bad mark is deserved, the judge must give it. Sometimes a bad mark is due to a mistakes, a fall, a step out, something that happened that day but that perhaps in the next competition it will not happen. Sometimes a skater has a bad technique, and not to give him bad mark for is bad technique is terribly wrong.

It’s wrong because to give a gift to a skater is, in fact, a penalization for a skater that has a good technique but that see his advantage disappear because his rival has received an immeritated gift. And it’s wrong also for the skater who has received the gift. If a skater see that he has a bad technique, he can work and improve it. An example? This is Yuzuru Hanyu’s triple flip at the Junior Grand Prix Final in 2009.

His jump has received a ! (but it deserved an e). In fact, the young Hanyu has received a lot of call on the edge of his flip. These are his junior and senior competition until his first Olympic season:

43 competition, 26 “e”, 6 “!”, only 11 flip without a call, an average GOE of -0,35. And the call were done even at the National Championship, or after he has done his first World record, or after his first Olympic gold medal. He knew that he has a problem on the edge of the flip and he has worked to fix it. In the last years there’s some call from time to time, usually when he’s tired, but his edge is almost always correct.

It’s difficult to find clear images, the replay are always done on the quads or on the triple Axels. This is Grand Prix of Helsinki 2018. He is coming on a clear outside edge, gradually changes inclination and at the take off he in on a slight inside edge. He has correct his tecnique. Now let’s see Nathan Chen’s triple Axel. This is the Olympic Games in 2018.

His take off is on a skid. For the ISU this is correct, even if the jump isn’t so good as from a clear forward take-off. In the fifth screenshot he is on the ice, in the sixth he is in air. Here his take-off is at 90° of prerotation.

World Championship 2019, SP. The take-off is among the third and the fourth screenshot, the skid is a little bigger. This jump has 3 second of preparation, is jumped from a skid, and in the landing the free leg go too high, so the jump isn’t effortless. And, regarding the dimension, the distance is 2.66 meters, the height 0.58 meters. Somewhere I’ve all the dimension of the triple Axels of the short program in this cometittion, but now I don’t have the time to search them in all my files. He is in the average.
Yuzuru Hanyu jump from a counter, exit with a twizzle, his jump is the biggest, 3.62 meters of distance, almost a meters more than Chen, 0,70 meters of height, 0,12 meters more than Chen.

Their marks must be really different. I remember the bullets:

Chen’s jump don’t deserves deduction (that aren’t visibile in my screenshot), but also don’t have the first 5 bullet. He don’t deserve more than +1. Hanyu’s jump have all the six bullet, he deserves +5. These are the protocols:

 

Only three marks on Hanyu’s protocol, and none in Chen’s protocol, are correct. Let’s see who has judged this competition:

  • Judge 1: Miroslav Misurec (CZE). The only one almost correct with Chen, but only +4 for Hanyu. What bullets the jump didn’t have for +4? According to the rules, the jump didn’t have two bullets among 4, 5 and 6. Two bullets missing, not only one. Which? The ISU should require to the judge to write which bullet are present and which not, only if all it’s clear we can be sure that judges’ valuation are correct. And if the judge must say why he has given a specific mark, probably he will think more carefully to the rules and he will do fewer mistakes.
  • Judge 2: Antica Grubisic (CRO). +4 for Chen and Hanyu. How on the Earth the two jumps deserves the same mark? Is she blind, or what? And she’s not the only one to have made this mistake.
  • Judge 3: Albert Zaydman (ISR). Same as judge 1.
  • Judge 4, Bettina Meier (SUI). Same as judge 2, second blind or…
  • Judge 5, Ariadna Morones Negrete (MEX). +5 for Hanyu, a correct score. But why +3 for Chen, where came from two bullets?
  • Judge 6, Cynthia Benson (CAN). Same as judge 5.
  • Judge 7, Anny Hou (TPE). +4 for Hanyu, ok, but where came from a +4 for Chen?
  • Judge 8, Saoia Sancho (ESP). Same as judge 2.
  • Judge 9: Philippe Meriguet (FRA). Same as judge 2.

So we have 4 judges totally blind and five that has made a mistake at least on Chen’s score. Chen’s 3A deserves 8.80 points, not 10.74, he has received a gift of 1.94 points. Hanyu’s 3A deserves 12.00 points, not 11.43. He was robbed of 0.57 point. Two different mistakes has given to Chen 2.51 undeserved points more respect Hanyu. I know, Chen has won with an advantage of 22.45 points, but this isn’t the only mistakes in the protocols, this is the only mistake that I watch now.

Ok, at the 2019 World Championship Chen’s skid was bigger than at the Olympic Games 2018. When a skid is too big? This came from an old ISU VHS seminar:

The first screenshot shows the momentum, with the alignment of the limbs. The last is the take-off, with the skater that hasn’t already rotated but is clearly going forward. Now let’s see also at the ISU rulebook.

A clear forward (backward for Axel type jump) take-off will be considered as a downgraded jump.

So the Axel can’t have a backward take-off. If the take-off is done when the skater is already backward, the jump must be downgraded. This is Nathan Chen’s 3A in the SP at the National Championship 2021.

This isn’t a skid anymore, this is a jump done going backward. The jump should be downgraded to a double. This is the protocol:

If an Axel of average quality Chen can earn +2.74 on GOE, why he should improve his technique? His coach’s philosophy is not to improve, but to find loopholes in the rules (I don’t remember where I’ve read the interview, if someone is so kind to send to me the link, I will add it to my post).

Now, with a jump that should be downgraded, he has earned +2.88. I wonder what the next step might be. If a bad technique isn’t penalized, not only the result of the competitions become a nonsense, figure skating itself don’t became better, but worst.

ISU must form better his judges, suspend the biased judges, do all with more transparency and give to the judges all the tools for a better judgments. They inlude slow motion also for take-off, more angles for the replay, but also a camera for the marks on the ice can be very useful. These screenshot are made from the same ISU seminar of before.

The first screenshot is from a perfect 3A, with the take-off fully forward. The second is also correct, but there’s a slight skid. With a slight release of the edge the blade begin the rotation on the ice, but there isn’t too much change of direction. The third is an Axel of poor quality (is the ISU’s DVD that talk about the poor quality, not I), as the Axel done by Chen in 2018 and 2019. The prerotation is almost 90°.
What mark can do a jump with a prerotation of 180°? Probably if the judge can see the mark, they can judge better. If ISU really want fair competitions and the improving of the discipline, the judges must give to all the correct marks.

Posted in pattinaggio | Tagged | 1 Comment

National bias: all the bias/5. From Joern Lucas to Tarja Ristanen

Fifth post about the national bias of all judges. If you want to konow why I’m publishing these screenshots, you can read here and here.

 

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

Intorno a Heaven and Earth di Yuzuru Hanyu

26 dicembre, programma libero della gara maschile al campionato nazionale giapponese. Quante gare, e quanti programmi di pattinaggio, ho visto, prima di quel giorno? Seguo il pattinaggio artistico dal Campionato del mondo del 1989, per la precisione dal libero di Midori Ito. Mi sono imbattuta per caso nella gara, mi sono fermata per curiosità, e mi sono innamorata all’istante della disciplina. Gli anni sono tanti, ma io non mi considero un’esperta. Le persone più competenti di me sono talmente tante che sono sempre restia a dire la mia. Chi sono io per giudicare? Io so cosa piace a me, al di là di questo… però su internet ho visto tanti di quei commenti assurdi da spingermi a scrivere.

Considerando quanto scrivo questa può sembrare un’affermazione contraddittoria, io non ho bisogno di una scusa per scrivere, al massimo fatico a trovare il tempo per scrivere quanto vorrei. Quello che non ho mai scritto, e che non scriverò neppure ora, è un commento tecnico. Questo è un commento emotivo.

Il giorno prima c’era stato il programma corto. Non lo avevo visto in diretta, il collegamento era saltato un paio di secondi dopo l’inizio del programma di Yuzuru Hanyu, ed era tornato solo negli ultimi trenta secondi. Ho recuperato dopo. Non ho neppure visto il quadruplo Salchow iniziale nel replay, ero troppo impegnata a scattare una foto e a caricare in relativo tweet:

Let Me Entertain You è un programma meraviglioso, dubito che ci sia (o che ci sia stato) un altro pattinatore capace di eseguire quella sequenza di passi e a quella velocità. E se qualcuno pensa che Yuzuru abbia scelto questa musica come risposta ai programmi presentati da qualcun altro, significa che non ha mai visto Let’s Go Crazy, il programma corto della stagione 2016-2017 (ed è un peccato che con quel programma non abbia stabilito nessun record del mondo), o Parisienne Walkways, un programma corto con cui di record del mondo ne ha stabiliti quattro, compreso uno all’Olimpiade, e questo senza considerare i programmi che ha presentato in esibizione. Il Salchow e la combinazione non sono stati perfetti, va bene, ma i quattro giudici che si sono permessi di assegnare un +4 su quel triplo Axel dovrebbero essere immediatamente mandati a studiare il regolamento, per non parlare del pannello tecnico che è riuscito ad annullare la seconda trottola e che, invece di riconoscere di aver fatto un errore, ha dato una spiegazione contraddetta in modo molto evidente dalle immagini.

Il libero, come abitudine per Yuzuru, è stato molto diverso dal programma corto. Da quel che ho letto su Twitter il programma è Ten to chi to, ma usiamo pure il nome inglese Heaven and Earth, anche se non è preciso. Un programma su musiche giapponesi, come già aveva fatto in passato, ma a differenza di quanto hanno affermato i critici più superficiali, questo programma non è la copia di nessun programma del passato. Quanto ne so io di musica? Nulla. E di Giappone? Ben poco. Nell’ultimo paio d’anni ho letto 13 saggi sul Giappone, e altri sei libri, fra narrativa, poesia e classici, di autori giapponesi, e quello che sento è la mia ignoranza. Quanto a Uesugi Kenshin, ho ordinato il romanzo di Eiji Yoshikawa, in inglese visto che in italiano non esiste, ma fino a neppure un mese fa se anche lo avevo incontrato nelle mie letture non avevo fatto caso a lui. Il programma per me è stato una scoperta, dal primo istante all’ultimo.

Per qualcuno non ci sono differenze fra i due personaggi, Abe no Seimei e Uesugi Kenshin, e il fatto che i due personaggi gli siano sembrati simili indica una scarsa capacità interpretativa da parte di Hanyu. Un po’ come se io provassi a leggere L’uomo senza qualità di Robert Musil in tedesco e accusassi lo scrittore di non saper scrivere perché non capirei nulla. Forse, più che l’incapacità dello scrittore, da un’esperienza di questo tipo emergerebbe la mia totale ignoranza della lingua tedesca. Paragonare Seimei a Uesugi Kenshin è un paragone più azzardato di quello che potremmo fare noi se provassimo a paragonare San Bernardo di Chiaravalle a Carlo V. San Bernardo, abate vissuto fra il 1.090 e il 1.153, e Carlo V, imperatore vissuto fra il 1.500 e il 1.558, sono separati da un arco di tempo più breve di quello che separa Seimei, mago e astrologo vissuto fra il 921 e il 1.005, e Uesugi Kenshin, capo militare vissuto fra il 1.530 e il 1.578. E i personaggi non sono separati solo dal tempo, ma anche da ciò che hanno fatto nella loro vita. Non usiamo la nostra ignoranza per porre un limite alle capacità espressive di qualcuno appartenente a una cultura diversa dalla nostra. Fra l’altro… io preferisco che i pattinatori scelgano musiche non troppo usate. Di Carmen, di Bolero, di La strada, ne ho visti un’infinità, di Seimei molto meno, e adoro quando un pattinatore sceglie una musica legata alla sua cultura. Quando una musica rappresenta davvero il pattinatore, l’interpretazione è più sentita.

La prima cosa che abbiamo visto è stata il costume. Per la verità avevamo visto gli allenamenti, ma non è la stessa cosa, e non solo per l’abbigliamento. Negli allenamenti ci sono in pista altri cinque pattinatori, che non solo distraggono noi nella visione, ma che ciascun pattinatore deve tenere presente, anche chi è impegnato nel run-trough, per evitare incidenti, e tutti tendono a saltare qualche elemento, perciò la visione non è mai completa.

Il costume. Per qualcuno sono due costumi molto simili. Vediamoli. Per SEIMEI Yuzuru ha modificato il costume più volte, io prendo la versione più famosa. Comunque le modifiche sono dettagli, quello che non cambia è lo stile dei costumi, e lo stile dei costumi di SEIMEI e Heaven and Earth è molto diverso, anche per qualcuno che non ha alcun interesse per la moda e nei vestiti cerca solo la praticità.

Ok, guardiamoli. Il tessuto del primo da l’impressione di essere più pesante rispetto a quello del secondo, più impalpabile. Il taglio del collo e la chiusura non potrebbero essere più diversi. È diversa l’attaccatura delle maniche, ed è diverso anche il modo in cui le maniche finiscono. Le cinture non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. Quanto alla linea inferiore del costume, se non sbaglio è orizzontale solo in uno dei due casi, e mentre nel primo ci sono due spacchi laterali, nel secondo non c’è traccia di spacchi.

E poi ci sono le decorazioni, astratte nel primo caso, naturalistiche (fiori e due passeri) nel secondo, e nel secondo non si tratta di semplici ricami visto che alcuni elementi sono in rilievo. Certo, entrambi questi vestiti ai nostri occhi dicono “abbigliamento orientale”, ma dovremmo essere in grado di vedere la differenza. È la stessa differenza che per noi passa fra l’abbigliamento di Bernardo di Chiaravalle e quella di Carlo V.

Quanto alle musiche, pur con tutta la mia ignoranza, possiamo amare sia Mozart che Beethoven, ma non possiamo dire che le loro musiche siano uguali. E come da un programma all’altro cambiano le misiche, cambia il modo in cui il pattinatore si muove su di esse. Non che sia vero con tutti i pattinatori, per alcuni di loro cambia il sottofondo – un sottofondo, non qualcosa da interpretare – ma non il modo di muoversi, per Yuzuru invece cambia profondamente da un programma all’altro, anche quando ripropone alcuni elementi tecnich che ha già usato in passato.

Va bene, passiamo al programma. La prima immagine che ho postato è quella della posa iniziale. Quindi inizia la musica. Io non conosco gli strumenti musicali. Qualcosa ho letto (dopo) e altro leggerò in futuro. In quel momento non ne avevo bisogno. Quello che arrivavano erano le emozioni. La musica è iniziata e Yuzuru è uscito dal suo mondo, dalle riflessioni in cui si trovava, e ha alzato la testa di scatto.

Lui in quel momento era già entrato pienamente nella parte. La determinazione con sui si è mosso, il suo dominio sullo spazio, anche in un gesto così semplice, erano assoluti. Provate a riguardare Chopin se non mi credete. Anche lì inizia con un movimento della testa, ma non subito, dopo quindici secondi, ed è morbido, fluido. Qui no, inizia subito e domina. L’incrocio delle braccia, fatto con gli stessi gesti precisi di chi pratica le arti marziali (ok, alcuni anni fa, per dieci mesi, ho preso lezioni di kodokan goshin jutsu, ricordo ben poco a parte i numeri fino a cinque in giapponese e il modo in cui l’insegnante faceva determinati gesti, i due kata che avevo in qualche modo imparato li ho dimenticati, ma qui ritrovo quel modo di muoversi), le spinte date con la punta del pattino e non con l’intera lama, e la gamba che va a incrociare l’altra spostandosi dietro portano in scena il guerriero che si sta preparando per la battaglia.

No, non ripropongo il programma movimento per movimento. L’ho già scritto che non faccio un’analisi tecnica. La musica cresce gradualmente d’intensità fino al quadruplo loop, poi si ritira, come le onde di una marea, lasciando dietro di sé il silenzio. Per la cultura giapponese gli spazi vuoti sono altrettanto importanti di quelli che contengono qualcosa, alludono, lasciano spazio all’immaginazione. Il Giappone non percepisce l’horror vacui come noi. Un paio di secondi, quindi… come si chiama lo strumento che suona in questo punto?

L’ho detto, non conosco gli strumenti, ma quel suono è perfetto, non poteva esserci altro in quel momento, così come, nella sua semplicità, è perfetto il gesto compiuto da Yuzuru. L’atmosfera è totalmente diversa da prima, e anche il quadruplo Salchow non viene preparato con la stessa maestosità, con lo stesso senso d’ineluttabilità, di qualcosa che arriverà a cambiare tutto. C’è, ed è ben eseguito, ma è inserito in modo più fluido nell’insieme, non cambia la visione del mondo, ma fluisce con tutto ciò che lo circonda. Qualcosa però in me lo ha cambiato: nel momento in cui Yuzuru ha atterrato il Salchow il mio nervosismo è sparito.

Servirebbe davvero qualcuno competente per commentare il legame fra la musica e ciò che ha fatto Yuzuru. Quindi è arrivata quell’incredibile sequenza triplo Axel-doppio toe loop, pure con le braccia alzate e, tre secondi più tardi, triplo loop. Ora so che per lui in quel momento soffiava il vento, e che la fluidità di quei gesti (i due tripli sono salti staccati dal filo, l’unico puntato è il doppio, che richiede meno potenza e che è stato addolcito dalle braccia che si alzavano) voleva richiamare proprio il vento. Io la fluidità l’ho percepita, e nel momento in cui Yuzuru ha atterrato il triplo loop ho saputo che sarebbe stato un programma perfetto. Non che avrebbe vinto, quello lo sapevo dal quadruplo loop, ma che avrebbe presentato un programma perfetto.

Ma quanto è bella questa sequenza di passi? Ok, i salti sono la cosa che assegna più punti, ma sono i passi la cosa che amo di più in un programma di pattinaggio, e questo è vero da sempre. Datemi un programma senza salti, ma con passi fatti come si deve, e io sono felice. Poi certo, anche il triplo Axel staccato dalla controvenda e seguito da una sgambata altissima ha un suo perché, ma forse ce l’ha non solo perché l’Axel è perfetto, ma perché fa parte di qualcosa che è più di un semplice salto, per quanto ben eseguito. Controvenda prima e sgambata poi, si tratta di una mini sequenza coreografica, anche se l’elemento centrale è un salto di tre giri e mezzo. Tre e mezzo, non all’incirca tre, rosicchiando qualcosa prima e dopo. Va bene, come al solito ho divagato. Non vado avanti con gli screenshot della sequenza di passi sia perché è un lavoro lungo che perché suppongo abbiate capito cosa ne penso. Quel loop sotto il naso dei giudici è meraviglioso, anche se mi sa che loro sono capaci di accorgersi di quello che avviene sotto al loro naso, quando in pista c’è un pattinatore giapponese, solo se si tratta dell’angelo all’indietro di Kaori Sakamoto.

Ho tagliato una parte della sequenza, ma potrei morire felice su questo gesto.

Se non riuscite a vedere la purezza, la perfezione, dell’unione della musica con quello che sta facendo Yuzuru, allora potete anche passare a un altro sport. Il pattinaggio artistico non fa per voi.

E poi la musica torna a salire, imperiosa. Prima sono solo piccoli tocchi, il tempo che scorre, una pace che si sta lentamente sfaldando, poi acquista sempre maggiore profondità. Con la combinazione quadruplo toe loop-triplo toe loop siamo nel pieno della battaglia. Nulla però dura per sempre, nemmeno lo scontro più cruento.

Ci sono gesti che non sono fatti in funzione del punteggio, ma in funzione dell’atmosfera.

Credo di aver iniziato a piangere sull’euler della combinazione. O forse no, forse l’ho fatto quando ha alzato il braccio, subito dopo l’atterraggio del Salchow.

Inserire un gesto così vicino a una combinazione aperta da un salto quadruplo significa avere una grande fiducia nella propria capacità di dominare il programma, perché è un attimo sbagliare il tempo e perdere la coreografia. Ma no, questo programma è la perfezione, e Yuzuru lo ha interpretato da quel campione che è. Non inserisco altre immagini, ormai eravamo arrivati all’apoteosi come poche volte è successo. C’era ancora un triplo Axel. C’era la sequenza coreografica, che comprende un hydroblade. Con molti pattinatori sono in grado di dire quale programma mi ha trasformato in una tifosa. Con Yuna Kim è stato El Tango de Roxanne al Campionato del mondo 2007, la prima volta che l’ho vista. Con Jason Brown è stato Riverdance al Campionato statunitense nel 2014. Con Yuzuru è SEIMEI all’NHK Trophy 2015, prima lo avevo visto qualche volta ma, per chissà quale strano scherzo del destino, avevo sempre mancato le sue prestazioni migliori. Nel dicembre del 2006 e nel giugno del 2009 sono nate le mie due figlie, per alcuni anni è stato quasi impossibile guardate pattinaggio. All’Olimpiade del 2014 tifavo per Javier Fernandez, visto in chissà quale gara. Non sempre so cosa mi ha resa tifosa di un pattinatore. In un solo caso sono in grado di indicare uno specifico elemento che mi ha fatto diventare tifosa di qualcuno. Si tratta dell’hydroblade eseguita da Shae-Lynn Bourne/Viktor Kraatz al Campionato del mondo 1996. Ecco, secondo voi se qualcuno inserisce un hydroblade in un programma, che effetto può farmi?

Lo so che avevo scritto che non avrei più inserito immagini, ma un hydroblade è un hydroblade, e oltretutto è arricchito dal braccio destro che si solleva di scatto sulla battuta musicale. E comunque non ho mai detto che non mi contraddico, di tanto in tanto.

Com’è che cinque giudici sono riusciti a non dare +5 a questa sequenza coreografica? Dove avevano gli occhi? Per la luna l’unico aggettivo che mi viene in mente è maestosa.

Avete presente quando qualcosa è così bello da togliervi il fiato? Ecco, io sono rimasta così, in riverita contemplazione. Eravamo nel programma tutti quanti, lui, io e tutti coloro che lo hanno guardato davvero, e ci è servito un po’ di tempo per uscirne. E, quando si è diretto all’uscita dalla pista, lo ha fatto con i cross roll all’indietro, perché il passato non si cancella e lui rimane comunque un mago. La prestazione non è legata solo a quei minuti in cui suona la musica, non quando è sentita davvero. In uno degli ultimi libri che ho letto, Push Dick Button’s, Button spiega che secondo lui anche l’uscita dalla pista fa parte dello spettacolo, e qui, come in altre occasioni in cui Yuzuru ha fatto un sigillo magico dopo la fine della musica e della coreografia, lo abbiamo visto con forza. Questo programma non è la brutta copia di SEIMEI, è la continuazione del percorso artistico del più grande pattinatore di tutti i tempi.

Posted in pattinaggio | Tagged | 1 Comment

Take-off

A clear forward (backward for Axel type jump) take-off will be considered as a downgraded jump. This isn’t my opinion, these words are written in the Technical Panel Handbook. The take-off of the Axel must be do going forward, if not the jump must be downgraded. So, look at two different Axel jumps in two different National Championship.

On the left in the first screenshot there’s a counter, then the momentum, and, in the fourth, the take-off. In the fifth he is already in the air, and he is going forward (look at his hips). The last screenshot is the landing.
On the right in the first screenshot there’s the exit of a spread-eagle, then the momentum, and, in the fourth, the take-off. He is alreay fully going backside. This jump must be downgraded and considered a double Axel, BV 3.30 points. And for the GOE’s…

Even assuming that there are all the other bullets, the 2, good take-off, is lacking. The jump can at best start from +3 before applying the deductions. Poor take-off? There it is. I’m kind, -1. Lacking of rotation? No, I’m not too strict, if a jump is marked with << for lacking of rotation in the landing, it receive the BV of the jump with one lap less and the negative marks. There isn’t a sign on the protocol (only because ISU hasn’t established a sign for the lacking of the rotation on the take-off). So I go with the smallest deduction, -1. This jump deserves at best +1, with the BV of a double Axel it means 3.63 points.

It’s not a big mistake, only 7.25 points gently gifted from the panel of judges in a single element.

Edit: Someone among my contacts has shared this tweet with a good slow motion of a jump that isn’t an Axel.

In case the tweet will be deleted, I’ve made some screenshot:

Really, good Backxel. Oh, a jump with this name don’t exist… A shame. So we must count it as a double Axel.

Now let’s watch the combo. The second jump, the toe loop, according to ISU, is the most commonly cheated on take-off. I watch the same two skaters.

For both skaters the first two screenshot are the take off of the first jump. Unfortunately for the skater on the left it’s impossible to see the foot, the camera is too close.
The third screenshot is the landing of the first jump, the fourth is the take-off of the second jump.
In the fifth screenshot the skater on the left is only a little turned forward, with his weight on the right foot and with the right shoulder much lower that the left shoulder. He is rotating, he isn’t yet fully rotated. Only in the last screenshot, when he is already in the air, he is fully turned forward.
In the fifth screenshot the skater on the right, fully on the ice, is almost completely forward. Even if I could not do a screenshot of when he is fully turned, it’s evident that, from this position, whith his weight fully on the ice, he can’t jump whithout rotating a little more. In the last screenshot he is in the air, over 180° after the take-off. This is a double toe loop. not a triple. BV, in the second half, 1.43. In combination with a 4F, BV 12.10, the BV of the combination is 13.53, with a GOE of 1.10 (+1) the skater deserve 14.63 points.

Other 6.27 points of difference, with the previous 7.25 is a total of 13.52 points. Instead of 113.92 points the skaters deserves 100.40 points, and this even not considering the stiffness in landings (effortless, what it means?) and the components.
Oh, I’m so silly. I’ve forgotten that the technical panel must watch the prerotation only in regular speed. They have the slow motion, they can use it for the edges of flip and Lutz, but they can’t use it for the prerotation. Why?

Posted in pattinaggio | Tagged | 1 Comment

National bias: all the bias/4. From Limin Jao to Elisabeth Louesdon

Fourth post about the national bias of all judges. If you want to konow why I’m publishing these screenshots, you can read here and here.

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

National bias: all the bias/3. From Igor Dolgushin to Deborah Islam

Third post about the national bias of all judges. If you want to konow why I’m publishing these screenshots, you can read here and here.

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

National bias: all the bias/2. From Diana Barbacci Levy to Oksana Dolgopolova

Second post about the national bias of all judges. If you want to konow why I’m publishing these screenshots, you can read here.

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

Jon Jackson: On Edge/6. Il Campionato del mondo 2002

Stavolta non copro neppure un intero capitolo, non ci riesco. Lo scandalo di Salt Lake City è stato chiuso con l’assegnazione di una seconda medaglia d’oro a Salé/Pelletier, quindi per il grande pubblico la cosa è finita lì. Per l’ISU, le varie federazioni nazionali e i giudici no. Quando si scopre che c’è qualcosa che non va bisogna rimediare per risolvere il problema, giusto? Secondo me sì, secondo qualcun altro è meglio lavorare per nascondere l’esistenza di eventuali problemi.

John [LeFevre] e Phyllis [Howard] argued that every person in figure-skating who has spoken out in the past has somehow been punished by the ISU. (Pag. 213)

Meno male che io non faccio parte dell’ISU, allora. Ma qualcuno nell’ISU lo ha letto questo libro? Se io ne avessi il potere mi interrogherei, farei partire indagini interne. Magari quello di Jackson è desiderio di vendetta perché è stato punito, ma magari in quello che ha scritto c’è una quantità di verità sufficiente a far saltare qualche poltrona, a livello di dirigenza così come fra i giudici. Certo, se le indagini non si fanno non è possibile cambiare nulla. In una situazione confusa, al Campionato del mondo 2002 sono presenti molti giudici, alcuni per giudicare, altri per fare politica.

Fabio Bianchetti, son of the much respected Italian and former Technical Committee Chair Sonia Bianchetti, was also there. He was politicking for a spot on the Technical Committee (the same spot LeGougne might have campaigned for a second time, having been turned away by an overwhelming vote against her the year before the Olympics). (Pag. 213)

Oh, ecco che entra in scena l’attuale presidente della commissione tecnica per il pattinaggio artistico, Fabio Bianchetti, colui che qualche mese fa ha affermato che la tecnica per eseguire un triplo flip e un triplo Lutz è la stessa:

Se è così, perché un pattinatore che esegue uno dei due tripli non incappa nella Zayak rule quando esegue il secondo? Non è che i due salti siano un pochino diversi? Giusto per chiarezza inserisco di nuovo il link a un thread di Elisa, bravissima in tutte le spiegazioni tecniche (proporrei lei a capo della commissione tecnica dell’ISU se avessi diritto di voto, mi sa che ne capisce più di tanti altri):

Perché ho notato la presenza di Bianchetti, che “was there, politicking for a spot on the Technical Committee”? Perché per un certo periodo la commissione tecnica aveva ritenuto giusto equiparare il valore base di quadruplo loop, quadruplo flip e quadruplo Lutz perché, secondo statistiche che non sono state diffuse,

the quad loop very likely s the most difficult quad

come affermato nel breve testo a cui ho dedicato lo screenshot. Non avendo statistiche ufficiali, tempo fa io mi ero fatta le mie guardando tutti i protocolli delle gare più importanti, junior e senior degli ultimi anni. Potete trovare le cifre complete su tutti i cinque tipi di quadrupli fino a ora realizzati qui. Ora mi concentro solo sui tre più difficili, loop, flip e Lutz, usando SkatingScores, che nelle schede dedicate ai singoli pattinatori elenca tutti gli elementi che hanno eseguito, quando li hanno eseguiti, e il relativo GOE. Non considero le competizioni nazionali, né quelle della stagione 2020-2021, queste ultime perché il teatrino dei valori dei salti è avvenuto prima, durante l’estate. E neppure il Japan Open, non riesco proprio a considerarlo una gara seria. Se non ho perso nessuno per strada nei miei controlli, in estate la situazione era questa:

Ho distinto, per i tre salti, se sono stati eseguiti con GOE positivo o negativo. Ma, anche se il diverso GOE ha un’influenza enorme sul punteggio e sul risultato finale delle gare, per me è più importante il numero di tentativi, il fatto che un pattinatore inserisca un determinato salto nel suo programma. L’esecuzione varia di volta in volta, il progetto ha una portata più vasta. In alto ho elencato i singoli pattinatori, in basso li ho raggruppati per nazionalità. Nella seconda tabella ho considerato Larry Loupolover bulgaro perché nelle ultime gare che ha disputato era tesserato per la federazione bulgara.

Bianchetti non ci ha detto in base a quali statistiche il loop sia il salto meno diffuso, ma dai miei calcoli sono stati eseguiti, con più o meno successo, 63 quadrupli loop (da sette pattinatori diversi), 102 quadrupli flip (da nove pattinatori, comprese due donne) e 220 quadrupli Lutz (da diciassette pattinatori, comprese tre donne), concordo con Bianchetti. Il quadruplo loop è decisamente il salto meno diffuso, il che significa che o è molto più difficile degli altri e ben pochi sono in grado di eseguirlo, o in rapporto alla sua difficoltà è pagato molto poco, e non vale la pena eseguirlo. In entrambi i casi il suo valore è troppo basso, infatti il comitato tecnico presieduto da Bianchetti aveva deciso di equiparare il valore dei tre quadrupli. Dopo poco, però, la modifica è stata cancellata, con la scusa ridicola che non era corretto un cambiamento di questo tipo perché con la pandemia in corso non tutti potevano allenarsi regolarmente. Vale a dire, anche se vediamo una stortura non la correggiamo, in compenso implementiamo la regola della q, quella secondo cui il pannello tecnico dovrebbe individuare i salti atterrati esattamente con un quarto di rotazione in meno, anche se quegli stessi pannelli tecnici sono capaci di giudicare corretti salti a cui manca mezza rotazione, non un quarto. Un esempio? Il triplo Axel del programma corto di Shoma Uno all’Internationaux de France 2019, atterrato completamente in avanti ma misteriosamente giudicato completo dal pannello tecnico, il Technical Controller Wendy Enzmann, il Technical Specialist Vanessa Gusmeroli e l’Assistant Technical Specialist Monika Kustarova.

Perciò non correggiamo un chiaro sbilanciamento nel modo in cui vengono calcolati i punteggi, ma richiediamo ai giudici una precisione maggiore rispetto a prima, pur sapendo che già prima non erano in grado di fare valutazioni corrette e senza fornire loro strumenti migliori che possano aiutarli nelle loro valutazioni.

I numeri della tabella che ho inserito in alto mi sembrano abbastanza chiari, ma visto che è parecchio che non inserisco nessun grafico lo faccio ora. Sì, amo i grafici.

Ora chiediamoci, fra le nazioni forti, quale poteva avere il maggiore interesse a continuare a considerare il quadruplo Lutz il salto più difficile, e il quadruplo loop il salto più semplice. Difficile da immaginare, vero? E io perché ho divagato così tanto? Perché il signor Fabio Bianchetti si dedicava alla politica cercando un posto all’interno del comitato tecnico nello stesso periodo in cui il russo Alexandr Lakernik diventava vicepresidente dell’ISU per il pattinaggio artistico.

Fabio made his allegiances clear when he gave Slutskaya the win over a near-perfect performance of Kwan, and he did so in the Presentation mark. (Pag. 214)

La vittoria è andata a Slutskaya per 5 voti a 4, della giuria faceva parte un giudice russo, mentre non c’era un giudice statunitense. Non conosco i nomi dei giudici al di là di quello dell’italiano Bianchetti, lo screenshot proviene da un video che mostra insieme entrambi i voti ricevuti da Kwan, che ha pattinato dopo la sua avversaria, e la classifica che le hanno assegnato i giudici. La nazionalità dei giudici l’ho aggiunta io copiandola da un altro video nel quale la grafica del punteggio era peggiore.

Fabio was not the only judge to give it to Slutskaya, as the Russian flexed their muscle for all to see. The freeskate made it obvious that Kwan should have won. Slutskaya’s win was an in-your-face flipping of the Soviet middle finger to anyone who questioned Russia’s involvement in the Olympic Pair scandal. (Pag. 214)

Io non mi sento abbastanza competente per dire quale, fra le due pattinatrici, meritasse la vittoria, anche perché le valutazioni vanno fatte con il regolamento dell’epoca, non con quello attuale. Però queste parole meriterebbero almeno un’indagine, no?

Chiuso il capitolo donne Jackson torna alle coppie, soffermandosi, fra l’altro, su Tamara Moskvina, allenatrice sia di Berezhnaya/Sikharulidze che di Ina/Zimmerman e, secondo lui,

former KGB agent (pag. 214)

Ah. Sapevo che Ingo Steuer era stato un informatore della Stasi – ho pure tifato per lui, scoprire qualcosa sulla vita degli atleti fuori dalla pista a volte può essere molto spiacevole – ma di Moskvina lo leggo qui. Agente del KGB. Questo sì che è tranquillizzante.

I watched in Salt Lake as she jumped into the spin campaign in defense of her Russian pair and ignored John and Kyoko. (Pag. 214)

Jackson ha la tendenza a esaltare gli statunitensi, che siano Kwan, Ina/Zimmerman o qualcun altro, e ad apprezzare meno i loro diretti rivali (ma va notato che all’Olimpiade del 2002 la lotta per l’oro era fra una coppia canadese e una russa, gli statunitensi lottavano per un posto sul podio), quindi le sue parole vanno sempre prese con una certa cautela, ma non possono essere ignorate. Moskvina ha difeso l’oro vinto dai russi anche contro l’evidenza, non ha fatto nulla per gli statunitensi che avrebbero potuto meritare un piazzamento migliore. Zimmerman è un altro la cui immagine si è deteriorata negli ultimi mesi, insieme a quella di sua moglie Silvia Fontana, per il loro ruolo nel coprire Morgan Ciprès, attualmente sotto indagine per abusi sessuali. Bleah.

Sperando che la giustizia faccia davvero il suo corso, torno al 2002, per la precisione al programma corto del Campionato del mondo. Nell’occasione Ina/Zimmermann hanno eseguito un programma notevole, al termine del quale Jackson, che era sul posto, ha notato che Moskvina si è voltata e

she shot a look of concern up into the stands, shrugging her shoulders as if to say, “What can I do?” […] I turned to look up into the stands to see who Moskvina might have been apologizing to, and saw the very stern look of Valentin Piseev, the president of the Russian Federation. The unpleasant look on Piseev face confirmed that the apology had not been accepted. (Pag. 214)

Ovviamente stiamo parlando dello stesso Valentin Piseev che ho citato più volte, e che è sposato con Alla Shekhovtseva. Perché Piseev non gradisce il risultato? Perché Ina/Zimmerman lottavano per un posto sul podio, forse anche per l’oro, oltre che con una coppia cinese, con due coppie russe. Questa la classifica finale:

Con questa classifica nel programma corto, chi fra Shen/Zhao, Totmianina/Marinin e Ina/Zimmerman avesse eseguito il miglior libero, avrebbe vinto la gara. Petrova/Tikhonov avrebbero potuto vincere solo se avessero vinto il libero e Shen/Zhao non si fossero classificati secondi. Ina/Zimmerman quindi non erano in testa, ma disturbavano la seconda coppia russa, e comunque se avessero fatto meglio della prima coppia russa nel libero, avrebbero concluso la gara davanti a loro. L’insoddisfazione di Piseev è comprensibile, ma perché Moskvina si sarebbe dovuta scusare per aver fatto il suo lavoro, insegnando bene a una coppia statunitense? Capisco il tifo per qualcuno quando non si è coinvolti direttamente, ma se quando si è coinvolti non si fa del proprio meglio per vincere, o per far vincere gli atleti con cui si collabora (ovviamente senza infrangere i principi di correttezza sportiva), significa che c’è qualcosa che non va.

La gara maschile, che non ho citato, è stata vinta dal russo Alexei Yagudin davanti allo statunitense Timothy Goebel e al giapponese Takeshi Honda, quella femminile ha visto la vittoria, non proprio incontestata, della russa Irina Slutskaya davanti alla statunitense Michelle Kwan e alla giapponese Fumie Suguri. Quella delle coppie di artistico, al termine di programmi liberi fallosi sia da parte dei russi che degli statunitensi, è stata vinta dai cinesi Shen/Zhao davanti a Totmianina/Marinin e Ina/Zimmerman. Resta la danza, di cui ho già parlato qui , con tanto di controllo sui voti dei giudici. Ho citato le polemiche, ma è interessante vedere come ne parla Jackson. L’oro è andato ai russi Irina Lobacheva/Ilia Averbukh davanti ai canadesi Shae-Lynn Bourne/Viktor Kraatz. I problemi sono arrivati più in basso, con il bronzo che è andato agli israeliani Galit Chait/Sergei Sakhnovski davanti ai lituani Margarita Drobiazko/Povilas Vanagas,

who many believed had had the performance of the night. (Pag. 217)

Più tardi in albergo i pattinatori hanno scritto una petizione per contestare il risultato. Ripropongo la classifica in modo da vedere chi ha partecipato alla gara, anche se non posso dire con certezza chi abbia firmato la petizione.

They prepared a petition challenging the result. The petition requested that the Ice Dance Technical Committee investigate the political deal. For the Ice Dancers, this event was their Salt Lake Pair scandal. So clear was the result, nearly every skater in the Ice Dance event signed the petition–except of course, the Israelis, as might be expected.

Later that evening, Galit’s father Boris got wind of the petition. […] When he heard about the petition, he went ballistic, stormed into a room of coaches, and allegedly made threats.

Later, in the wee hours of the morning, the American judge on the panel, ones of the judges who had placed the Lithuanians ahead of the Israelis, received a phone call from a male who threatened to cut of her head. (Pag. 217)

Il giudice americano è stato l’unico a piazzare i lituani al secondo posto, davanti anche a Bourne/Kraatz, perciò per lui la differenza era netta. Comunque considerando che non ho nemici, se io dovessi sparire o morire in circostanze misteriose suggerisco di indagare nel mondo del pattinaggio. La domenica dopo la gara il comitato tecnico, presieduto dal britannico Courtney Jones, vincitore di quattro ori e un argento nella danza con due partner diverse al Campionato del mondo fra il 1956 e il 1960, tiene un seminario. È in quest’occasione che i pattinatori presentano la loro petizione. Jones però

let it be known that he thought the petition was absurd, that there would be no investigation (pag. 218)

e che la carta su cui l’avevano scritta potevano usarla per… lo devo dire?

So at the 2002 Nagano Worlds, over the Ice Dance competition and final placement of the partecipants, there were threats to kill people and threats to cut off the heads of judges. And despite all that, Courtney Jones, a member of Cinquanta’s hand-picked minion-staff of Gucci loafer-lickers and much more literate yes-men, decided that there was no corruption and there would be no investigation.

Vanagas was outraged, quoted by the San Diego Union-Tribune as saying “It’s just unfortunate that the system kills the competitive nature of the sport. . . . It seems like [Chait] and some of the ISU think they are “The Godfather.”” (Pag. 218)

Anche a distanza di anni, io un’indagine la farei. Ci sono cose che non dovrebbero essere ignorate.

In the end, from the official standpoint, nothing untoward marred the final results of the 2002 World Ice Dance Competition. […]

The Olympic pair-judging investigation was evidently already one scandal too many for the ISU, and they were doing their best to get out of that one too! They certainly wanted to sweep both incidents collectively under a rug.

When I left Nagano, I had a sense that the corruption I had witnessed in Salt Lake was rampant thoughout the sport, and completely out of control. The power-hungry people in charge would do or say anything to keep the status quo. (Pagg. 218-219)

Purtroppo temo che non sia cambiato molto, la cosa più importante non è la correttezza delle gare ma evitare che ci siano scandali. Mi fermo di nuovo, questo libro si è rivelato davvero impegnativo.

Posted in libri, pattinaggio | Tagged , | Leave a comment

National bias: all the bias/1. From Maira Abasova to Yury Balkov

Until now I’ve published the number of the bias written in order of bias (only the most biased, from the 28.02 of Ece Esen to the 8.82 of Maira Abasova, with all the value of the bias but without the indication of the competition, so you need to work for link the bias to the competition, and finally with all the bias in all the competitions). In this way you can find easily the competitions in which there was the most biased judgments, but if you wanted to know id a judge was biased in only a competion or if for him is normal to give higher marks to his compatriotes, it’s difficult.

If you need an explanation on how I’ve calculated the bias you can read here.

More recently I’ve published the average bias for all the judges in the last four years. I’ve published the data in this way because with a summary can be easy to see who is the most biased, but also because I needed to work less if I published only the summary. But I’ve decided that it’s not enough. If I want that my data can’t be considered biased, I need that anyone can see them and, if he want, can check them number by number.

For all that I know, the numbers are correct, but it’s possible that I’ve made some unintentional mistakes. If you find one, I would like to know it in order to correct the tables.

I will make a lot of screenshots, so I don’t know how many posts I’ll need to publish all the data. These are the first judges, in alphabetical order:

Posted in pattinaggio | Tagged | 4 Comments

Intorno a Yuzuru Hanyu e al GOAT

Un recente articolo di Jack Gallagher per Japan Forward (no, non metto il link, non vale la pena leggerlo) si chiude con una citazione di un altro genio della tastiera, Philip Hersh. L’argomento è l’Olimpiade di Pechino.

“If Nathan skates two clean programs, Yuzu will need to be as good overall, with a bigger technical element score, as he was at the 2015 NHK Trophy and Grand Prix Final to win in Beijing,” Hersh said.

Hersh concluded his thoughts with a succinct statement.

“Should Yuzu win again, the GOAT (greatest of all time) question will be settled.”

Considerando che Yuzuru Hanyu è più completo di Nathan Chen (e di chiunque altro) in tutte le voci dei components, non avrebbe bisogno di un punteggio tecnico molto più alto rispetto agli altri per vincere. In teoria dovrebbe bastargli avere lo stesso punteggio tecnico dei più forti fra gli altri pattinatori e superarli nei components. La cosa più difficile è avere giudici che siano capaci di vedere la differenza fra i pattinatori e assegnare voti corretti, perché se facciamo un confronto in skating skills, transitions o interpretazione della musica quello che gli si avvicina di più (pur rimanendo a debita distanza) è Jason Brown, e la prossima volta che Brown eseguirà un quadruplo pulito sarà anche la prima. Un quadruplo, non quattro. Non che io stia criticando Brown, dal ritiro di Javier Fernandez è diventato il secondo pattinatore per cui tifo, ma sono in grado di riconoscere i suoi limiti. Quindi se con quasi tutti Hanyu vince senza problemi dal punto di vista tecnico, gli basta non fare troppi errori, con Chen a parità di punteggio tecnico dovrebbe vincere Hanyu. Che Chen qualche volta abbia avuto voti nei components superiori a quelli di Hanyu, o anche solo vicini, e sono successe entrambe le cose, è uno scandalo, e l’ISU dovrebbe provvedere urgentemente a una migliore formazione dei suoi giudici se non vuole scadere ancora di più nel ridicolo e perdere la poca attendibilità che gli è rimasta. La perla però è la conclusione. Davvero a Hanyu serve il terzo oro olimpico per poter essere definito il più grande di tutti i tempi? Forse, e dico forse, posso concedere qualcosa a Hersh. In effetti c’è un pattinatore che può essere accostato a Hanyu, anche se secondo me Yuzuru è superiore. È uno statunitense, con buona pace di Hanyu che è cresciuto con il mito del russo Evgeni Plushenko, e pure mia, che ho sempre amato il canadese Kurt Browning. Il suo nome è Dick Button. Ecco, quello di Button è l’unico nome che può essere accostato a quello di Hanyu senza profferire un’eresia. E anche se sono partita da un articolo che per me vale poco, faccio qualche considerazione sfruttando tutta la mia solita, inesistente, capacità di sintesi. Siete pronti per un testo lungo?

Vediamo di fare qualche calcolo. Considero solo le competizioni individuali, perché il pattinaggio è una disciplina individuale (o di coppia), e a volte anche un pattinatore di buon livello, ma non un campione, può vincere una medaglia importante se ha la fortuna di appartenere a una nazione forte. Prendiamo le statunitensi Ashley Wagner e Gracie Gold. Hanno vinto un bronzo olimpico a squadre nel 2014. La prima ha partecipato a sette campionati del mondo, vincendo un argento e piazzandosi cinque volte fra il quarto e il settimo posto, ha vinto un oro in una delle sue due partecipazioni al Four Continents Championship, ha vinto un argento e due bronzi nelle sue cinque finali di Grand Prix e ha vinto cinque ori, tre argenti e sei bronzi nelle varie tappe a cui ha partecipato. Nella gara olimpica individuale si è classificata settima. La seconda ha due quarti, un quinto e un sesto posto nelle sue quattro partecipazioni al Campionato del mondo, un quarto, un quinto e un sesto posto al Four Continents Championship, un quinto posto nella sua unica finale Grand Prix e due ori, due argenti e due bronzi nelle gare di Grand Prix. Nella gara olimpica individuale si è classificata quarta. Se vogliamo guardare le cose con i paraocchi, possiamo dire che entrambe hanno vinto un bronzo olimpico. Il loro bronzo olimpico (Wagner è stata quarta nello Short Program, Gold seconda nel Free Skate) vale tanto quanto il bronzo olimpico di Carolina Kostner? Nel 2014 Kostner ha vinto il bronzo individuale. Per lei cito solo le medaglie, perché sono tante. Un oro, due argenti e tre bronzi al Campionato del mondo, in una carriera che si è protratta per 16 stagioni (anche se ha gareggiato solo in 14), a dimostrazione di una longevità, e di una capacità di caratterizzare un’epoca, notevoli. Cinque ori, due argenti e quattro bronzi al Campionato europeo, è salita sul podio nelle sue ultime undici partecipazioni. Un oro, un argento e due bronzi alla finale di Grand Prix. Quattro ori, sette argenti e tre bronzi in gare di Grand Prix. (Edit: aggiungo un’immagine, così la differenza è più chiara):

Se parliamo di medaglie olimpiche, senza guardare altro, hanno vinto un bronzo a testa, se guardiamo le carriere, le pattinatrici non sono minimamente paragonabili. Questo significa che le gare a squadre, che siano il Team Event olimpico o il World Team Trophy, non entrano nel mio discorso.

La gara più importante è l’Olimpiade. Il valore dei pattinatori si misura principalmente da questo, anche se c’è qualche eccezione. Paul Wylie ha vinto un argento olimpico nel 1992, alla sua seconda partecipazione, ma al Campionato del mondo ha ottenuto un nono, un decimo e un undicesimo posto. Mi piaceva, ma certo non è stato importante per il pattinaggio quanto lo è stato Kurt Browning, con le sue zero medaglie olimpiche in tre partecipazioni ma anche con quattro ori e un argento nelle sue ultime cinque partecipazioni al Campionato del mondo e l’attestazione di essere stato il primo pattinatore a completare un salto quadruplo. Per quanto mi riguarda Browning è stato un pattinatore più importante anche di Viktor Petrenko, che ha vinto un oro (in una gara davvero mediocre, in cui quasi tutti hanno fatto disastri) e un bronzo olimpici, un oro, due argenti e un bronzo mondiale e tre ori, un argento e due bronzi europei, o di Alexei Urmanov, che al suo oro olimpico può accostare solo un bronzo in sette partecipazioni mondiali e un oro, un argento e tre bronzi europei. Un pattinatore che ha vinto due ori olimpici può essere paragonato quasi solo a chi ha fatto altrettanto. C’è qualche eccezione, qualcuno che per diversi motivi merita di essere preso in considerazione, ma non si tratta di nessuno dei pattinatori attualmente in attività. Questi sono i pattinatori che hanno vinto due o più ori olimpici:

3 – Gillis Grafstrom (1920, 1924, 1928)

2 – Karl Schafer (1932, 1936)

2 – Dick Button (1948, 1952)

2 – Yuzuru Hanyu (2014, 2018)

Sono pochini, vero? Anche nelle altre discipline i plurivincitori sono pochi, si tratta, fra le donne, di:

3 – Sonja Henie (1928, 1932, 1936)

2 – Katarina Witt (1984, 1988)

Nelle coppie di artistico di:

2 – Andrée Joly/Pierre Brunet (1928, 1932)

2 Ludmila Belousova/Oleg Protopopov (1964, 1969)

2/3 – Irina Rodnina/Alexander Zaitsev (1976, 1989, Rodnina aveva già vinto l’oro nel 1972 pattinando con Alexei Ulanov)

2 – Ekaterina Gordeeva/Sergei Grinkov (1988, 1994)

2 – Artur Dmitriev (1992 con Natalia Mishkutenok, 1998 con Oksana Kazakova)

Nella danza (disciplina che è entrata nel programma olimpico solo nel 1976):

2 – Oksana Grishuk/Evgeni Platov (1994, 1998)

2 – Tessa Virtue/Scott Moir (2010, 2018)

Tredici pattinatori o coppie di pattinatori in ottantotto competizioni (sto contando anche la gara delle figure speciali del 1908), evidentemente ripetersi è difficile. È impossibile confrontare davvero pattinatori di epoche diverse, c’era una diversa partecipazione degli atleti, le difficoltà tecniche erano diverse, le attrezzature anche e i regolamenti pure. Grafstrom ha partecipato al Campionato del mondo solo quattro volte, vincendo tre ori, e non ha mai partecipato al Campionato europeo, perché l’unica gara per lui davvero importante era l’Olimpiade. Nel 1932, alla sua quarta e ultima partecipazione olimpica, a 38 anni, si è distratto e ha eseguito una figura obbligatoria diversa da quella che gli era stato richiesto, e nel libero è finito contro a un fotografo. Con questi due errori è riuscito comunque a vincere l’argento. Secondo le testimonianze dei contemporanei Grafstrom era un pattinatore straordinario, e sicuramente il pattinaggio gli deve molto, ma sui pattinatori attivi così tanti anni fa io ho un forte dubbio. La classifica finale era data per due terzi dalle figure obbligatorie e, per quanto tecnicamente difficili, erano meno rischiose rispetto agli elementi attuali.  I pattinatori attuali rischiano spesso la caduta, e con le cadute le classifiche cambiano parecchio. Nelle figure era possibile sbagliare un becco, non ripetere perfettamente il tracciato, ma gli errori erano molto meno dannosi, i valori più definiti, tanto è vero che le classifiche erano molto più stabili. Per questo fatico a considerare allo stesso livello di Button e Hanyu pattinatori come Grafstrom o Karl Schafer, l’unico capace di superare Grafstrom in un’Olimpiade e vincitore di sette campionati del mondo consecutivi fra il 1930 e il 1936 e, considerando i precedenti due argenti e il bronzo, sempre sul podio nelle sue dieci partecipazioni. Dieci partecipazioni anche al Campionato europeo, un oro in più, un argento in meno. Pattinatori straordinari, ma difficilmente accostabili ai pattinatori attuali.

Una considerazione la merita anche Ulrich Salchow, vincitore di un solo oro olimpico, ma non per colpa sua. Salchow, il tizio che ha inventato l’omonimo salto, ha vinto la prima medaglia mondiale, un argento, nel 1987, il primo dei suoi dieci ori mondiali (un record) nel 1901. Purtroppo per lui il pattinaggio è entrato nell’Olimpiade nel 1908, quindi prima non poteva vincerla. Quando ha potuto ha vinto l’oro. Nel 1912 il pattinaggio non ha fatto parte del programma olimpico, nel 1916, con la Prima Guerra Mondiale in corso, l’Olimpiade non c’è stata. Salchow ha vinto quel che ha potuto. Va bene, loro tre e qualcun altro che ha vinto meno (tipo un certo Axel Paulsen che, in quanto professionista per aver vinto premi in denaro nel pattinaggio di velocità, non ha mai potuto partecipare a un Campionato del mondo nell’artistico) sono dei miti, e in quanto tali secondo me fanno categoria a parte. E se non si possono fare paragoni fra epoche diverse non si possono fare neppure fra discipline diverse. Fra i miti c’è anche Ernst Baier, che nel 1936 ha vinto l’oro olimpico nelle coppie di artistico pattinando insieme a Maxi Herber e l’argento, alle spalle di Karl Schafer, nella gara maschile. Qualcosa che ora non è più concepibile, l’ultima pattinatrice che ricordo che ha portato avanti contemporaneamente la carriera in due discipline ad altissimo livello, almeno per alcuni anni, è stata Kristi Yamaguchi, che nel 1990 si è classificata quarta al Campionato del mondo nella gara femminile e quinta in quella di coppia pattinando insieme a Rudi Galindo. Per vincere i suoi due ori mondiali e l’oro olimpico, però, ha abbandonato la competizione di coppia. Valentina Marchei, che ha partecipato all’Olimpiade in entrambe le discipline, non ha fatto la stessa cosa: fino alla stagione 2013-2014 era una pattinatrice di singolo, nel quadriennio successivo è stata una pattinatrice di coppia, non si è dedicata alle due discipline contemporaneamente.

Smetto di divagare nel passato e nelle altre discipline. Qualcosa più di una menzione la merita Evgeni Plushenko, vincitore di un oro e due argenti olimpici, di tre ori, un argento e un bronzo mondiali, e di sette ori e tre argenti europei. Tre medaglie olimpiche sono tantissimo (come detto, non considero la gara a squadre), anche senza considerare il loro colore solo Grafstrom ne ha vinte di più, quattro. Plushenko è l’unico fermo a quota tre, a quota due ci sono, proseguendo in ordine cronologico, Willy Bockl (due argenti), Karl Schafer (i già citati due ori), Dick Button (anche per lui due ori), David Jenkins (un oro e un bronzo), Patrick Pera (due bronzi), Brian Orser (due argenti), Viktor Petrenko (un oro e un bronzo), Elvis Stojko (due argenti), Philippe Candeloro (due bronzi) e Yuzuru Hanyu (due ori). Dodici pattinatori capaci di vincere più di una medaglia olimpica, a fronte di cinquantadue pattinatori che di medaglia ne hanno vinta una sola e di chissà quanti plurimedagliati mondiali che non sono mai saliti sul podio olimpico. Plushenko non ha vinto il secondo oro davvero per poco, e non sono troppo convinta che quell’oro non lo meritasse lui. Avrebbe anche potuto vincere di più Plushenko, se non fosse stato fermato da una sospensione legata alla sua partecipazione non autorizzata dalla federazione ad alcune esibizioni. La sua carriera è stata molto lunga, fra il 1998, anno del primo argento europeo e del bronzo mondiale, e il 2012, anno dell’ultimo oro europeo, ci sono 15 stagioni. In quattro di queste stagioni non ha gareggiato, ma quanti sono capaci di mantenersi ad alto livello, e di trovare le motivazioni, così a lungo? A livello tecnico è stato il primo uomo a eseguire una Biellman, ed è stato il primo a eseguire diverse combinazioni che per gli altri sono pura fantascienza, cose come quadruplo toe loop-triplo toe loop-triplo loop, o combinazioni con più di tre salti, cosa ora proibita dal regolamento. Eppure, per quanto forte tecnicamente, per quanto per un certo periodo abbia dominato – fra il Campionato del mondo del 2004 e l’Olimpiade del 2006 ha vinto tutte le gare a cui ha partecipato – il suo dominio era solo tecnico. Il suo pattinaggio non aveva la stessa completezza del pattinaggio di Hanyu. Lo stesso Hanyu, che in Plushenko ha uno dei suoi idoli, ammirava Plushenko per la potenza, il controllo sui salti, il dominio in pista, ma ammirava Johnny Weir per l’eleganza e le capacità espressive. Plushenko è stato straordinario, ma gli mancava qualcosa. Di Dick Button non abbiamo tante immagini, ma Button non si limitava a essere così forte su un elemento da rendere poco significativi gli altri, era il migliore della sua epoca in tutti gli aspetti del pattinaggio.

La musicalità di Button era notevole, lui sapeva anche suonare il piano, Hanyu non sa suonare nessuno strumento ma la sua sensibilità musicale non è inferiore. Quanto alle trottole, Button è stato l’inventore della trottola angelo saltata, chiamata dai commentatori Flying Button fino a quando lui stesso non è diventato un commentatore e non si è sentito in imbarazzo a chiamare la trottola con il suo nome. Se Plushenko è stato il primo uomo a eseguire una Biellman, Hanyu è uno dei pochi uomini in grado di eseguirla, e sa eseguire anche trottole doughnut. Guardando i pattinatori degli ultimi anni, al di là di Jason Brown fatico a ricordare qualcuno altrettanto bravo, per farlo devo spingermi indietro fino a Stephane Lambiel, che ho amato molto ma che non era esattamente il miglior saltatore. E per essere i migliori bisogna essere completi in tutti gli aspetti.

Fra Dick Button e Yuzuru Hanyu è possibile fare diversi paragoni. Sono gli unici nel secondo dopoguerra ad aver vinto due ori olimpici, e abbiamo visto che la cosa è difficilissima. Button è stato il primo pattinatore capace di eseguire in gara il doppio Axel (Olimpiade del 1948) e un salto triplo, il loop (Olimpiade del 1952), Hanyu, che ha il miglior triplo Axel di sempre, è stato il primo pattinatore a eseguire in gara il quadruplo loop. Vediamo, per quel che è noto, chi ha introdotto nelle gare maschile e femminile i singoli salti:

1T Bruces Mapes 1920 c. ? ?
1S Ulrich Salchow 1909 Theresa Weld 1920
1Lo Werner Rittberger 1910 ? ?
1F ? ? ? ?
1Lz Alois Lutz 1913 ? ?
1A Axel Paulsen 1882 Sonja Heine 1920 c.
2T ? ? ? ?
2S ? ? Cecilia Colledge 1930 c.
2Lo ? ? ? ?
2F ? ? ? ?
2Lz ? ? Alena Vrzanova 1949
2A Dick Button 1948 Carol Heiss 1953
3T Thomas Litz 1964 ? ?
3S Ronnie Robertson 1955 Petra Burka 1962
3Lo Dick Button 1952 Gabrielle Seyfert 1968
3F ? ? Katarina Witt e Manuela Ruben 1981
3Lz Donald Jackson 1962 Denise Biellman 1978
3A Vern Taylor 1978 Midori Ito 1988
4T Kurt Browning 1988 Alexandra Trusova 2018
4S Timothy Goebel 1998 Miki Ando 2002
4Lo Yuzuru Hanyu 2016 ———————– ——-
4F Shoma Uno 2016 Alexandra Trusova 2019
4Lz Brandon Mroz 2011 Alexandra Trusova 2018
4A ———————– ——- ———————– ——-

Per molti singoli e doppi non abbiamo informazioni, per il resto non sono molti i vincitori di un oro olimpico che compaiono in quest’elenco, giusto Salchow, Button e Hanyu fra gli uomini, Heine e Witt fra le donne. Nell’elenco che ho copiato mancano anche le informazioni relative a chi è stato il primo a eseguire un determinato tipo di combinazione, anche se essere il primo a eseguire una particolare combinazione non è qualcosa che marca la disciplina allo stesso modo dell’essere il primo a eseguire un determinato salto. Per Button mi baso su Figure Skating’s Greatest Star di Steve Milton:

He was constantly adding rare double-jump combinations to his repertoire and, at the 1948 Europeans, he landed five combinations of either two double jumps or a double jump with a spin. (pag. 14)

Secondo Milton l’unico tanto folle da provare la stessa combinazione salto-trottola è stato l’americano John Lettengarver, uno che ha partecipato al Campionato del mondo e all’Olimpiade una sola volta, nel 1948, ottenendo due quarti posti, e solo Button e un altro statunitense, James Grogan (bronzo olimpico nel 1952 e argento mondiale per quattro stagioni consecutive fra il 1951 e il 1954), eseguivano passi come parte delle loro coreografie. Mi fa pensare a qualcuno tanto folle da eseguire una combinazione triplo Axel-doppio toe loop (pure con braccia alzate) come movimento preparatorio per un triplo loop. Chi non sarebbe in grado di fare una cosa del genere? Comunque Hanyu, tanto per gradire, è stato il primo a eseguire la combinazione quadruplo toe loop-euler-triplo flip e continua a essere l’unico ad aver eseguito la sequenza quadruplo toe loop-triplo Axel, e pure il primo a eseguire un programma senza salti doppi ma con soli salti tripli e quadrupli (più un inevitabile euler) al Grand Prix di Helsinki del 2018.

Button per cinque stagioni ha dominato. Dopo aver vinto l’argento mondiale nel 1947, nell’anno della ripresa delle gare dopo la Seconda Guerra Mondiale, ha vinto tutte le gare a cui ha partecipato, due Olimpiadi, cinque Campionati del mondo, due (o forse tre, non ho idea se l’edizione del 1947 sia stata disputata prima o dopo il Campionato del mondo) North American Championship e un Campionato europeo. Sì, non è un errore, fino al 1948 al Campionato europeo potevano partecipare tutti i pattinatori, indipendentemente dalla loro nazionalità. Prima erano sempre stati i pattinatori europei a vincere, nel 1948 fra gli uomini ha vinto lo statunitense Dick Button, fra le donne la canadese Barbara Ann Scott, e prontamente il regolamento è stato cambiato per escludere i pattinatori non europei. Button (insieme a Scott) ha fatto cambiare un regolamento, e quando il regolamento cambia per qualcosa che ha fatto un pattinatore, la sua influenza sul pattinaggio è molto più grande rispetto al suo periodo competitivo. Quanti pattinatori, anche se in modo involontario, hanno spinto l’ISU a cambiare il regolamento? Vediamo quelli che conosco io.

I canadesi Frances Defoe/Norris Bowden hanno vinto l’argento olimpico nel 1956, due ori mondiali nel 1954 e 1955, due argenti mondiali nel 1953 e 1956. Sono loro gli inventori del lasso lift (o almeno di una sua prima versione) e dei salti lanciati. Eppure al loro esordio internazionale

they were criticized for being too athletic (Milton, pag. 129)

I loro programmi erano stati giudicati più adatti al circo che alle gare, ma dopo il loro ritiro molti degli elementi da loro creati sono stati inseriti nelle gare. Il regolamento è stato modificato per dare più spazio all’aspetto atletico.

L’importanza delle figure obbligatorie è stata gradualmente diminuita sia perché per eseguirle serviva tantissimo tempo, sia perché non erano adatte a una trasmissione televisiva. Troppo tecniche, da guardare erano noiose. La televisione non le trasmetteva e quel che gli spettatori vedevano spesso erano pattinatori bravissimi nel libero, che però concludevano la gara in posizioni arretrate perché erano rimasti attardati da figure obbligatorie mediocri. Non avendo modo di capire il perché di quel risultato, il pubblico ha iniziato a domandarsi se non fosse tutto combinato per far vincere un atleta piuttosto che un altro, indipendentemente dalle loro capacità. Probabilmente la gara più importante in questo senso è stata quella femminile del Campionato del mondo 1970. L’austriaca Beatrix Schuba, bravissima nelle figure, ha vinto il primo segmento di gara e, nonostante un libero non eccelso, il settimo, ha conquistato l’argento. La statunitense Janet Lynn ha eseguito il secondo libero, ma a causa dell’ottavo posto nelle figure è riuscita a risalire solo fino al sesto posto. Che effetto poteva fare per gli spettatori vedere la bravissima Lynn sesta, e la mediocre (per quel che è stato trasmesso) Schuba seconda? Al successivo congresso l’ISU ha deciso che dal successivo quadriennio olimpico le gare sarebbero state costituire da tre segmenti di gara, con l’aggiunta del programma corto.

Nel 1982 la statunitense Elaine Zayak è diventata campionessa del mondo eseguendo nel programma libero sei salti tripli, quattro toe loop e due Salchow. Con la maggior parte delle sue avversarie che non presentava più di due tripli, Zayak le ha superate in quantità, anche se la sua prestazione era priva di varietà. È al suo programma che dobbiamo la Zayak rule.

L’impatto di Jane Torvill/Christopher Dean nella danza è enorme. Dopo il loro ritiro l’ISU ha cambiato il regolamento per impedire che altre coppie potessero seguire la loro strada.

When Torvill and Dean turned pro, the ISU acknowledged, by formally tightening the regulations and insisting that all programs be danceable on a ballrom floor, that some of their moves had indeed been beyond the boundaries. (Milton, pag. 195)

Quanto al salto triplo o quadruplo (quello che una volta era il salto preceduto da passi) del programma corto, nel 1990 Kurt Browning ha inserito nel suo programma corto una combinazione triplo Axel-toppio toe loop, il doppio Axel (all’epoca era obbligatorio che fosse doppio, non c’era la scelta fra doppio o triplo) e… il triplo Axel. Lui odiava il Lutz, si è fatto male più volte eseguendolo, però l’Axel quasi sempre gli veniva bene, quindi perché non eseguirne tre? Inutile dire che l’ISU ha modificato il regolamento, il salto triplo non in combinazione doveva per forza essere diverso dall’Axel.

La Zagitova rule è piuttosto recente, solo l’ultimo elemento di salto nel programma corto, e gli ultimi tre nel libero, possono ricevere il bonus, a patto di essere eseguiti nella seconda metà del programma. Questo perché all’Olimpiade del 2018 Alina Zagitova ha collocato tutti i suoi elementi di salto, tre nel programma corto, sette nel libero, in posizione tale da ricevere il bonus. Io non sono sicura che un programma strutturato a quel modo potesse essere definito un programma ben bilanciato, così come non lo è un programma in cui tutti gli elementi di salto sono posti all’inizio in modo che il pattinatore li possa eseguire quando è riposato, comunque dopo che con i suoi programmi strutturati a quel modo (e pattinati bene) Zagitova ha vinto l’oro olimpico, l’ISU ha cambiato il regolamento.

Quanto a Hanyu, anche se non ci sono dichiarazioni ufficiali, sospetto che il regolamento sia stato cambiato sotto tre aspetti proprio in reazione a quel che ha fatto lui. Il cambiamento macroscopico è il passaggio dal sistema di giudizio +3/-3 al +5/-5. Secondo la versione ufficiale in questo modo vengono premiati i pattinatori che eseguono con maggiore qualità gli elementi ma, da quel che abbiamo visto, se questa era l’intenzione, è stata completamente disattesa. Quel che domina è la soggettività di giudizio, una cosa che  invece andrebbe ridotta il più possibile. È stato anche eliminato un salto. Il regolamento è entrato in vigore nella stagione 2018-2019, ma l’ISU ha iniziato a parlarne nella stagione 2015-2016, dopo il famoso NHK Trophy con cui Hanyu ha distrutto il codice dei punteggi. L’ISU poteva risolvere la cosa, equilibrare lo sbilanciamento, cambiando i valori di fattorizzazione dei components, ma evidentemente era una soluzione troppo banale, quindi ha optato per un cambio totale che rende difficile (non impossibile) confrontare il modo in cui i giudici assegnano i voti e che, appunto, rende il loro giudizio molto più importante. Con giudici onesti e competenti non sarebbe un problema, ma il condizionale è d’obbligo. E nella stagione 2015-2016 di pattinatori che potevano fare lo stesso numero di quadrupli e di tripli di Hanyu, con la sua qualità e anche nella seconda metà del programma, ce n’erano pochi, certo non nelle nazioni storicamente forti nel pattinaggio, quindi forse era meglio spuntargli un po’ le armi eliminando un salto.

Una modifica piuttosto recente è che ora non è più possibile ripetere più di un salto quadruplo. Non è che sia una regola nata dal fatto che per vincere a PyeongChang Hanyu ha sì eseguito un programma contenente quattro quadrupli, ma che erano di due soli tipi, Salchow e toe loop, entrambi eseguiti due volte? L’ultima modifica che probabilmente dobbiamo a Hanyu è la più vecchia. Ricordate la Cup of China 2014? In quel libero Hanyu è caduto cinque volte. Lui, in condizioni fisiche pessime a causa dell’incidente con Han Yan, sapeva che quasi certamente non sarebbe riuscito a completare i salti, ma sapeva anche che, se avesse completato le rotazioni, in termini di punti gli conveniva saltare e cadere piuttosto che rinunciare al salto. È stato folle. Ha tutta la mia ammirazione per quello che è riuscito a fare, ma se c’è una gara per cui sono felice di non essere stata sua tifosa all’epoca è questa, perché se lo avessi seguito in diretta sarei stata male. Ora sappiamo che è stato straordinario, ma all’epoca? Dopo questo programma l’ISU come reagisce? Dalla stagione successiva per la terza e quarta caduta i punti di detrazione non sono più 1.00 ma 2.00, dalla quinta in poi sono 3.00. Nel 2014 Hanyu ha avuto 5.00 punti di detrazione, l’anno successivo ne avrebbe avuti 9.00. Non solo, dalla stagione successiva per un quadruplo con GOE -3 il punteggio sarebbe stato abbassato di 4.00 punti, non di 3.00. Con 6.00 punti in meno, quello di Hanyu sarebbe diventato il quinto libero, non il secondo, anche se avrebbe comunque concluso la gara in seconda posizione (anche Han Yan, terzo dopo la prima fase di gara, ha pattinato male perché dopo l’incidente anche lui stava malissimo, gli altri erano troppo staccati) e si sarebbe comunque qualificato per la finale di Grand Prix perché ha superato Jason Brown per 22 punti a 20, e il punteggio delle singole gare non è stato determinante.

Il regolamento è cambiato in relazione a quanto fatto da Hanyu (e non certo per aiutarlo), perciò la sua influenza sul pattinaggio è più grande rispetto alle sole gare, o alle sole stagioni agonistiche, a cui partecipa lui.

Sono partita da Button per parlare dei cambi di regolamento, torno a lui per parlare delle gare vinte. All’epoca il Four Continents Championship non esisteva, Button ha partecipato a un solo Campionato europeo, e naturalmente lo ha vinto, e a tre North American Championship, e ha vinto pure quelli. Di fatto l’unica gara internazionale che non ha vinto è il Campionato del mondo 1947, quello d’esordio, dove si è accontentato dell’argento, poi ci sono state tutte le altre medaglie, compresi due ori olimpici e cinque mondiali. Il North American Championship era una competizione biennale fra pattinatori canadesi e statunitensi all’epoca ritenuta di primo livello. Non era l’equivalente dell’attuale Four Continents, a quest’ultima gara partecipano pattinatori di quattro continenti, se fosse stata una gara solo asiatica Hanyu avrebbe vinto l’oro sia nel 2013, quando è arrivato secondo alle spalle del canadese Kevin Reynolds, che nel 2017, quando ha ottenuto un altro secondo posto alle spalle dello statunitense Nathan Chen. Il Four Continents Championship è un pochino più difficile di come era il North American Championship. Button per cinque stagioni ha letteralmente dominato, Hanyu, anche nelle stagioni migliori, qualche volta si è dovuto accontentare dell’argento. Detto questo, all’epoca di Button le figure obbligatorie erano ancora importantissime, rendevano i risultati molto più regolari, e il rischio di infortuni era molto minore. Semmai i pattinatori dovevano combattere con problemi economici, visto che loro non potevano guadagnare nulla con il pattinaggio, pena l’esclusione dalle competizioni. Anche se Hanyu ha rinunciato a un solo Campionato del mondo e a due finali di Grand Prix, sappiamo bene che in parecchie gare, seconda Olimpiade compresa, le sue condizioni fisiche erano tutt’altro che ottimali.

Button è stato il primo non europeo a vincere l’oro olimpico e mondiale, Hanyu il primo asiatico a vincere l’oro olimpico e più di un oro mondiale, ed essere il primo di un intero continente non è mai facile, significa che apri nuove prospettive, che fai capire a tantissime persone che, anche per chi non aveva mai ottenuto prima determinati risultati, è possibile ottenerne. Questo è uno dei motivi per cui gli ori di Button e Hanyu sono più importanti delle medaglie di Plushenko. Plushenko è stato il quinto russo/sovietico dopo Viktor Petrenko (1992, Petrenko è ucraino, ma ad Albertville ha gareggiato sotto la bandiera generica dell’Unified Team perché ancora il mondo stava cercando di capire come rapportarsi con la disgregazione dell’Unione Sovietica in numerosi stati, e prima aveva gareggiato per l’Unione Sovietica), Alexei Urmanov (1994), Ilia Kulik (1998) e Alexei Yagudin (2002) a vincere l’oro olimpico, perciò tutti sapevano che i pattinatori russi erano forti, ma uno statunitense nel 1948 o un giapponese nel 2014?

Button per la verità un piccolo vantaggio su Hanyu lo ha avuto. L’ultima Olimpiade prima della guerra si è svolta nel 1936, la prima dopo la guerra nel 1948. L’ultimo Campionato del mondo prima della guerra si è svolto nel 1939, il primo dopo della guerra nel 1947. Quando ha vinto Button erano quasi tutti esordienti, pochissimi avevano gareggiato prima e, inevitabilmente, non erano più giovanissimi. Hanyu per trovare posto nella squadra giapponese ha dovuto confrontarsi con pattinatori più grandi di lui di diversi anni e con molta più esperienza alle spalle. Non pattinatori troppo avanti con gli anni e quindi non più competitivi a livello tecnico, semplicemente Hanyu è passato fra i senior giovanissimo, a 15 anni, perciò pattinatori che di anni ne avevano cinque o sei più di lui erano nel pieno della forma fisica e avevano molta più esperienza. Fra i suoi avversari c’erano pattinatori come Daisuke Takahashi (all’epoca del Campionato giapponese della stagione 2010-2011 aveva già partecipato a due olimpiadi, vincendo un bronzo qualche mese prima, e a cinque campionati del mondo, vincendo un oro e un argento, per limitarmi ai risultati principali), Takahiko Kozuka (aveva già partecipato a un’Olimpiade e tre Campionati del mondo, e proprio al termine di quella stagione avrebbe vinto l’argento mondiale) e Nobunari Oda (una partecipazione all’Olimpiade, quattro al Campionato del mondo, con un quarto posto come miglior risultato, due al Four Continents Championship, e in una di queste occasioni aveva vinto l’oro). E, una volta conquistato il posto, ha affrontato anche Patrick Chan (nel 2012, anno dell’esordio di Hanyu al Mondiale, Chan ha vinto il suo secondo oro. A Sochi, la sua seconda Olimpiade, Chan si è presentato forte di sei partecipazioni al Campionato del mondo, con al collo due argenti e tre ori consecutivi). Nel 2012 a Nizza c’erano anche Brian Joubert (nell’occasione è arrivato quarto proprio alle spalle di Hanyu, e stiamo parlando di un pattinatore che aveva già partecipato a tre Olimpiadi e dieci Campionati del mondo, vincendo un oro, tre argenti e due bronzi) e Denis Ten (già una partecipazione olimpica e tre mondiali, con il primo bronzo mondiale vinto nel 2013), ma tutti erano più grandi di Hanyu e praticamente tutti erano più esperti. Stesso discorso con l’Olimpiade: Hanyu ha superato pattinatori più esperti di lui, Button è stato il più forte con pattinatori che avevano la sua stessa esperienza, e che magari avevano avuto difficoltà maggiori ad allenarsi. In Europa c’era stata la guerra, la maggior parte delle strutture erano state distrutte e molti allenatori si erano trasferiti oltreoceano, non per nulla se prima della guerra il pattinaggio era stato dominato dagli europei, subito dopo la guerra a dominare sono stati i nordamericani. Vincere nell’Olimpiade d’esordio è difficilissimo, serve esperienza per riuscire ad affrontare al meglio la gara, non per nulla gli unici che nel dopoguerra hanno vinto nella loro Olimpiade di esordio sono stati Dick Button (ma era l’esordio per tutti), Ilia Kulik (a 20 anni e 9 mesi, era un po’ più grande di Hanyu con i suoi 19 anni e due mesi) e Hanyu.

I successi di Hanyu sono difficilmente paragonabili con quelli di Button, certo sono superiori rispetto a quelli dei pattinatori che sono arrivati dopo. Hanyu è l’unico uomo ad aver completato il Super Slam, cioè ad aver vinto tutte le competizioni più importanti sia nella categoria junior (Campionato del mondo e finale di Grand Prix) che nella categoria senior (Olimpiade, Campionato del mondo, finale di Grand Prix, campionato continentale, nel suo caso Four Continents Championship). Non è un risultato da poco, implica una costanza di rendimento notevole. Non per tutti era possibile, Alexey Yagudin ed Evgeni Plushenko hanno vinto tutto quello che hanno potuto, cinque di queste competizioni, ma quando loro erano junior la finale di Grand Prix junior non esisteva. Guardando tutte le discipline, sono in pochi ad aver completato il Super Slam:

Due donne, Yuna Kim e Alina Zagitova, due pattinatori nelle coppie di artistico, ma con partner diversi, Maxim Trankov (con Maria Murkhortova e Tatiana Volosozhar) e Aljona Savchenko (con Stanislav Morozov, Robin Szolkowy e Bruno Massot), una coppia di danza, Tessa Virtue/Scott Moir, e un uomo, appunto Yuzuru Hanyu. E in campo maschile (non ho controllato nelle discipline di coppia, fra le donne è possibile, anche se la pattinatrice in questione potrebbe vincere il Campionato del mondo solo dopo un eventuale successo olimpico) alla prossima Olimpiade è altamente improbabile che si aggiunga qualcun altro. A tutti gli statunitensi, i russi, all’unico cinese e a quasi tutti i giapponesi che potrebbero puntare a vincere il titolo manca almeno una delle due medaglie giovanili, ed è una medaglia che ormai non potranno più vincere. L’unica eccezione è Shoma Uno, che ha vinto entrambi i titoli giovanili ma a cui mancano, oltre all’oro olimpico, anche l’oro nella finale di Grand Prix e quello nel Campionato del mondo, se anche vincesse l’oro in Cina il suo cammino sarebbe ancora difficile.

Ultimo capitolo di un testo lunghissimo: i record del mondo. Prima della stagione 2004-2005 non esistevano perché il codice di punteggi era diverso, al massimo si poteva controllare chi aveva ottenuto più 6.0. In assoluto si tratta di Jane Torvill/Christopher Dean, se non mi sbaglio fra gli uomini Evgeni Plushenko. Vediamo quanti record del mondo sono stati realizzati e da chi da quando siamo passati all’ISU Judging System. Non considero i record stabiliti da qualcuno nel momento dell’introduzione del nuovo codice di punteggi se non ha vinto almeno una medaglia al Campionato del mondo. Troppo semplice fare il record del mondo se sei il primo a pattinare. Non facciamo come Ted Burton che, commentando la prova di Kana Muramoto/Daisuke Takahashi all’NHK Trophy ha detto “Wow! A personal best!”. Era la loro prima gara insieme, per forza hanno stabilito il personal best. Burton avrebbe potuto dire se quel punteggio era alto oppure no in rapporto alle coppie più forti, oppure anche stare zitto, avrebbe fatto una figura migliore. Guardo solo gli uomini.

20
19 Yuzuru Hanyu
18
17
16
15
14
13 Evgeni Plushenko
12
11
10
9
8
7 Patrick Chan
6 Nathan Chen
5
4 Takeshi Honda, Shoma Uno
3 Jeffrey Buttle, Daisuke Takahashi
2 Michael Weiss
1 Takahiko Kozuka, Mikhail Kolyada

Forse c’è qualcuno che ha stabilito qualche record in più rispetto agli altri. Se vogliamo fare paragoni fra Hanyu e qualsiasi altro pattinatore possiamo anche farli, ma se restiamo nel dopoguerra e il pattinatore non si chiama Dick Button (e secondo me anche rispetto a lui quel che ha fatto Hanyu è un pochino più difficile), non c’è dubbio su chi sia il più forte. Hanyu è ancora in attività, ma tutto quello che farà ora, tutto quello che ha fatto dopo PyeongChang, è un di più. Lui è il GOAT, indipendentemente da quale sarà il risultato della prossima Olimpiade.

Posted in libri, pattinaggio | Tagged , | Leave a comment