The Technical Panel

In his book The Secrets of Ice Alexei Mishin did an interesting consideration. It was something that already worried me, but to see tha someone who work in the figure skating world wrote

If earlier, five of the nine judges made up the majority of the panel and, by agreement, could ensure the victory of one or another athlete, now it is eunogh that two of three people sitting on the technical panel decide the outcome of the competition. […] In a singles competition, technical specialists can also consider that, say, a quad toe loop was rotated when they review it with bias or see an inside edge entrance to a Lutz and ignore it.

Of one elegant American figure skater, journalists wrote, “The farther she is from her homeland, the more under-rotations she receives.” And vice versa. (pag. 113)

is really worrying. When I’m worried, usually I do some check. Until now, the only programs I had watched of the men’s competition of the 2018 World Championship were those of Matteo Rizzo. How did the competition end?

We are used to thinking that only those who finished in the best positions fought for the title, or for a place on the podium, but what would have happened if the technical panel had made different calls? The Technical Controller was Yukiko Okabe, the Technical Specialist Olga Markova, the Assistant Technical Specialist Myriam Loriol-Oberwiler, and what they decided had a noticeable effect on the final result. I’m not criticizing their calls in the one program I watched on purpose to write this post, my impression is that their calls are correct. But what if their calls weren’t correct? I’m not accusing anyone of anything, mine is just a hypothesis to see what could happen if in a competition there is an incompetent or dishonest technical panel.

So, what if they didn’t do any call on a precise skater, Vincent Zhou? Zhou, as we can see, ended in 14th place. This is his protocol:

Seven underrotated and a flat edge. Obviously every call lowered his base value and his GOE. So I checked what would have been his score value without any call. I give to him the full base value for every jump, or, in two cases, for the jump fully rotated but with the call +REP. For the GOEs, in the +3/-3 system, for a jump marked with a <, or for a !, the deduction goes from -1 to -2.

To change the score as little as possible, I assumed that the judges always assigned the lowest deduction, -1, so I increased the real GOE by +1. In the case of the quadruple flip, there are two mistakes, so I assumed a -2. In three jumps, that I highlighted in bold, Zhou fell. For those jumps I left the real GOE. This is Zhou’s score, on the left what he actually received, on the right what he would have received without calls.

As we can see, his free skate score grows from 138.46 to 164.76 points, his final score from 235.24 to 261.54 points. Zhou would have finished fourth, not fourteenth. Off the podium, true, but much better than what happened in reality. And if it would have been Mikhail Kolyada who received two calls…

All hypothesis, I know, that need unfair judging on two skaters. Before watching another competition, I watch two other details. The first is on Zhou’s score, something I noticed looking at the calls.

At first the flip was called a triple, not a quadruple. If the jump would have been a triple, at the end Zhou would have broken the Zayak rule, we see that in the score there are the points only for the Lutz and the single loop. I don’t know if the Technical Panel suspected a mistake immediatly after the call or only when Zhou apparently broke the Zayak rule, but this is the proof that a Technical Panel can does mistakes and that the videos can aid them to do the right calls. And the better the technology, the better for the competitions.

The other detail is related to the time for evaluations. We saw the protocol, the technical panel called seven underrotations and one flat edge, it had to work a lot. He also had to rectify the call on the second jump. And then there were the falls. The first and last do not cause problems, Zhou did sit on the ice. But on both 4S Zhou got very unbalanced and had to get his hands on the ice. In one case the technical panel called a fall, in the other not. I suppose the technical panel needed to watch the jumps to decide how to make the calls. How long did it take him to make all these assessments?

In the first screenshot Zhou has just finished to skate, in the second he is coming off the rink, in the third the score has just been announced. A total of three minutes and 43 seconds pass from the first to the third screenshot, for a program that needed a lot of checks. When the judges takes longer to make their decisions, in my opinion it is a sign that something is wrong.

I stay on Zhou, for another competition that I have not watched. I have not even looked at it now, I have spared myself from this and I have watched only the protocol. This is the result of the Four Continents Championship 2019.

This time Zhou finished third. The Technical Controller was Deborah Noyes, the Technical Specialist Anett Potzsch, the Assistant Technical Specialist Shin Amano. This is Zhou’s protocol:

Having not watched Zhou’s program, I have no idea of the correctness of the calls. I just figured out what his score would have been without calls. In the 2018-2019 season, a jump marked with the sign < had to have the GOE lowered by a value between -2 and -3. I assumed that the judges always went in favor of the athlete and I calculated that they awarded a -2.

This time there were only three calls, the difference in terms of points is less, but it would have been enough for Zhou to win the silver instead of the bronze. And if Shoma Uno had received one call, that silver could have turned into gold.

So yes, only two people in the technical panel can determine the result of a competition. While on the one hand they should be given all the tools to work at their best, on the other their behavior should always be carefully monitored.

Posted in pattinaggio | Tagged | 2 Comments

Alexei Mishin: The Secrets of the Ice

La maggior parte dei libri che sto leggendo è stata scritta da autori nordamericani. Per questo quando ho visto la traduzione in inglese del libro di Alexei Mishin The Secrets of the Ice l’ho immediatamente comprato, perché volevo guardare il pattinaggio da una prospettiva diversa. Essendo un’autobiografia, Mishin ripercorre la sua vita, la scoperta del pattinaggio, gli anni che ha trascorso come pattinatore, la carriera da coach. Non mi soffermo sulla maggior parte delle cose che scrive per scelta. Nella maggior parte dei mei post io sto guardando gli aspetti meno belli del pattinaggio. Mishin ha avuto una carriera piena di soddisfazioni, e non ha nessuna intenzione di fermarsi. Buon per lui, ma se volete sapere come ricorda il passato dovete comprare il suo libro. Io mi limito ad alcuni passaggi che per qualche motivo mi hanno colpita.

La prima nota riguarda i diversi ruoli che si possono ricoprire nel pattinaggio, posti in una specie di scala gerarchica secondo la quale i pattinatori inizierebbero a pattinare in singolo, passerebbero alle coppie di artistico se non riuscissero a emergere nelle competizioni individuali, e poi alla danza su ghiaccio se avessero problemi pure nelle coppie di artistico. Capisco l’idea di provare un’altra disciplina prima di abbandonare il pattinaggio, ma se questo fosse vero dovremmo spiegare a Scott Moir che la disciplina a cui lui si è dedicato per la sua intera carriera è quella destinata a chi ha fallito nelle altre.

Battute a parte, legate probabilmente al fatto che lui è un allenatore di artistico e non di danza su ghiaccio, il discorso mi interessa perché Mishin prosegue dicendo che

if it does not work in ice dance, go and coach, if you cannot coach, become a judge, if you cannot judge, go and work for the federation. (pag. 20)

Noi li vediamo come ruoli diversi, in teoria sono ruoli diversi, ma l’ambiente è quello, una persona può passare da un ruolo all’altro, e mi domando quanto siano in grado di essere imparziali i giudici e i membri della federazione.

Con questo dubbio mi sposto su un episodio del 1983. È il Campionato europeo. L’Unione Sovietica ha già avuto diversi campioni in tre discipline, uomini, coppie di artistico e danza sul ghiaccio, ma nella gara femminile non è ancora arrivato nessun oro, al massimo due bronzi con Elena Vodorezova (ora nota con il nome da sposata, Elena Buianova) nel 1978 e nel 1982. La gara è strutturata su tre segmenti: figure obbligatorie, programma corto, programma libero. Una settimana prima della gara qualcuno ha rubato i pattini delle figure obbligatorie a Anna Kondrashova e ad Anna Antonova. La sparizione di questi pattini

was considered almost a disaster because such skates required special sharpening and adjustment and the athlete had to be fully adapted to them.

At that time, it was pratically impossible for an outsider to enter the arena, and especially to be in the locker room of the Soviet national team skaters. Only coaches and athletes had access to the dressing room. (pag. 21)

Questo per ricordare a chi dice che i pattinatori sono tutti amici che non è vero. Alcuni pattinatori sono amici, altri no. E quando in ballo ci sono titoli, fama e soldi, qualcuno è leale, qualcuno no. Mishin non ha idea di chi abbia fatto sparire quei pattini, ma è almeno la terza volta che mi imbatto in un commento su pattini scomparsi o danneggiati. Uno si è verificato nel 1949 contro Eva Pawlik, dell’altro non ricordo dove ne ho parlato. Dovesse tornarmi in mente, aggiungerò il link. In questo caso sembra sia probabile che sia stato qualcuno che voleva aiutare Elena Vodorezova, che poteva esserne informata come poteva non saperne nulla. Tutto ciò che sappiamo è che Vodorezova è stata la più brava nelle figure e alla fine ha vinto l’argento, le sue connazionali nelle figure non si sono piazzate fra le prime dieci e hanno concluso più in basso, recuperando qualche posizione con le altre due parti di gara.

Ancora più affascinante è un altro episodio che riguarda l’avvicendamento di due coppie straordinarie, Irina Rodnina/Alexei Ulanov e Ludmila Belousova/Oleg Protpopov. Mishin ha affrontato in pista entrambe queste coppie, lui e la sua partner Tamara Moskvina nel 1969 si sono laureati campioni sovietici davanti a Belousova/Protopopov e a Rodnina/Ulanov. Ho evidenziato le gare più importanti della stagione 1968-1969 per vedere a quale punto fosse la carriera delle tre coppie.

In Figure Skating’s Greatest Stars Steve Milton ha ricordato che Belousova/Protopopov (o i Protopopov, come viene scritto talvolta visto che Ludmila e Oleg sono stati coppia anche nella vita) hanno vinto i primi quattro ori mondiali, e i primi due ori olimpici, per l’Unione Sovietica in qualsiasi disciplina.

But, rather than feeling indebted, Soviet officials decided that the Protopopovs had outlived their usefulness on the world scene. They wanted to herald the dynamic Irina Rodnina (who, paired with both Alexei Ulanov and Alexandr Zaitsev) and similar pair types and felt that the Protopopovs’ unassailable refinement was in the way.

“They said, ‘You’re too theater-like, and we’re into athletic direction now,’ ” Oleg recalled during a Russian radio interview sole 30 years later. “We were taken out of competitions.”

The Protopopovs wouldn’t retire after their second Olympic gold in 1968, as their federation wanted them to, and without the important political support of their home country, they were ultimately relegated to third at the 1969 Worlds, behind Rodnina and Alexei Ulanov. The federation didn’t name them to the 1972 Olympic team, so they reluctantly retired. (pagg. 139-140)

Vincono due ori olimpici e la loro federazione li vorrebbe ritirati? Cosa mi ricorda? In questo caso c’è di più. Milton prosegue spiegando che anche dopo il ritiro la loro attività è stata stranamente intralciata, al punto che durante un tour all’estero loro hanno deciso di scappare e rifugiarsi in Svizzera. Per quanto le federazioni dovrebbero trattare allo stesso modo tutti i loro atleti, a volte fanno preferenze. Mishin racconta un simpatico episodio. Ricordate Valentin Piseev? L’ho già citato non so quante volte. Nel 1967 è stato eletto segretario esecutivo della federazione di pattinaggio sovietica, e negli anni il suo suolo è solo diventato più importante. Fra il 1972 e il 1977 ha ricoperto il ruolo di giudice in competizioni importanti quali Giochi olimpici, Campionati del mondo ed europei. Giusto per chiarire, alle Olimpiadi del 1972 ha giudicato la gara femminile e quella delle coppie di artistico (vittoria per Rodnina/Ulanov davanti a Liudmila Smirnova/Andrei Suraikin), a quelle del 1976 ha giudicato solo le coppie di artistico (vittoria per Irina Rodnina/Alexander Zaitsev). Non ho trovato indicazioni per il Campionato europeo, al Campionato del mondo nel 1972, nel 1973 e nel 1974 ha giudicato le coppie di artistico, poi si è preso una pausa per sospensione ed è tornato nel 1977 a giudicare gli uomini e le coppie di artistico. Fra il 1987 e il 1985 Piseev ha fatto parte del Comitato tecnico dell’ISU, nel 1989 è diventato presidente della federazione, prima sovietica e poi russa, di pattinaggio. Qualcosa mi dice che è stato potente per tanti, tanti anni. Però non lo è sempre stato e, prima di diventarlo un giorno Piseev si è presentato all’allenamento di Belousova/Protopopov

At that time, he was still an ordinary employee who was in the modest position of federation secretary. He brought standard forms with plans for the year and the annual reports, to which Protopopov, in a strong emotional outburst, replied that he was not going to report to any bureaucrats or present them with any plans.

The young Piseev remembered those words very well […]

Alla fine degli anni ’60, quando ancora internet e i social media non esistevano,

The most powerful channel for obtaining information and influencing the audience was television. The leading commentator of figure skating was Sergei Kononykhin […]. As a master of sports in pair skating, he had an excellent understanding of the material and subsequently, as an important media person, became a member of the executive committeee of the federation. […]

In his reports, Kononykhin clearly adhered to the general “line of party,” saying that Belousova and Protopopov were not the same anymore and did not fully meet the strict requirements for an extra-class pair.

Indeed, at that time the team was technically already objectively weaker than Rodnina and Ulanov. However, they were still strong enough and could well go to the main competitions as the second couple of the Soviet team and win medals. Neverthless, with the beginning of a new Olympic cycle, the federation embarked on a course toward a radical renewal of the national team. (pag. 27)

Quindi anche se Rodnina/Ulanov ormai erano i più forti, Belousova/Protopopov erano ancora in grado di vincere medaglie importanti, ma la federazione li ha affossati puntando su altre coppie. Guardando i risultati successivi, Liudmila Smirnova/Andrei Suraikin erano comunque un’ottima coppia, ma con Mishin/Moskvina che avevano scelto di abbandonare le competizioni, siamo sicuri che nell’Unione Sovietica non ci fosse più spazio per Belousova/Protopopov?

Per la federazione sovietica il fatto che il campionato nazionale del 1969 fosse stato vinto da Moskvina/Mishin ha reso più semplice accantonare Belousova/Protopopov, non erano più i campioni nazionali. Mishin ricorda la conferenza stampa, nella quale gli è stata chiesta un’opinione sul suo successo.

We won, but we did not surpass (pag. 28)

ha risposto. Anche i più grandi campioni a un certo punto smettono di vincere, ma Mishin, nel momento più importante della sua carriera, è stato capace di riconoscere che gli altri erano speciali, che lui e la sua partner potevano superarli nella singola occasione, come avevano appena fatto, ma che non erano alla loro altezza. Non sempre chi vince è il più forte, neppure nella singola gara, se le valutazioni dei giudici sono influenzate da considerazioni esterne a quanto avviene sul ghiaccio, come la propaganda di Kononykhyn che ho citato più in su, e in tanti casi non lo è in senso assoluto.

Finita la carriera da atleta, Mishin passa a quella di coach. Ricorda brevemente alcuni episodi che hanno visto protagonisti i suoi allievi, ma per leggere i suoi ricordi vi invito a comprare il libro. Mi limito a riportare una sola frase di pagina 45:

When Evgeni left the sport after his Olympic victory in Torino, many serious specialist breathed a sigh a sigh of relief — at last he would give way to the young.

Quindi se il campione olimpico si ritira (anche se poi Plushenko è tornato) gli altri tirano un sospiro di sollievo. E se non si ritira?

I ricordi di Mishin sono anche la ricostruzione di un mondo. C’è stata la Guerra fredda, lo sappiamo tutti, ma sappiamo davvero cosa significava? Sappiamo davvero cosa significava per un sovietico uscire dal suo paese? Nel 1972 Mishin, insieme al miglior pattinatore sovietico dell’epoca, Sergei Chetverukhin, è stato invitato negli Stati Uniti per quello che potremmo chiamare uno stage da Carlo e Christa Fassi. È uno dei primi timidi tentativi di superare la contrapposizione fra i due blocchi, ci sono goffaggini, incomprensioni su banalità, ma c’è la volontà di conoscersi meglio e di provare a costruire qualcosa. E a un certo punto salta fuori il problema del North American Championship. Se non ricordate di cosa si tratta, era una competizione biennale fra pattinatori statunitensi e Canadesi, ho già accennato alla sua cancellazione qui. Il problema della gara era semplice: i pattinatori provenivano da due sole nazioni, o vincevano gli Stati Uniti o vinceva il Canada. Con un numero di giudici dispari, quando la gara si svolgeva negli Stati Uniti c’era un giudice statunitense in più, quando si svolgeva in Canada c’era un giudice canadese in più. Quale poteva essere il risultato? Sì, non era così rigido, se un pattinatore era nettamente il più forte poteva vincere anche se la gara veniva disputata nell’altra nazione, ma i risultati erano lievemente condizionati dal fattore campo. Per risolvere il problema, gli statunitensi hanno pensato di aprire la gara a una terza nazione, l’Unione Sovietica. I giudici, secondo l’idea di chi ha fatto la proposta, sarebbero stati uno sovietico, uno nordamericano, e uno neutrale.

When I asked what is “neutral” the response was “well, France, Switzerland, the Federal Republic of Germany.” I said, “Well, then let’s go to Poland, Romania or the German Democratic Republic.” The Americans did not believe the seriousness of my proposal. “What? Are these neustral countries?” officials asked. (pag. 69)

A quanto pare non tutti abbiamo lo stesso concetto di neutralità, è bene ricordarlo, e non sto criticando la risposta di Mishin. Soprattutto, è bene ricordare che alcune nazioni possono contare non solo sul voto del loro giudice, ma anche su quello di giudici amici, e questo le aiuta a vincere e a mascherare il fatto che la vittoria più che in pista è stata decisa dal bordo della pista, in quell’area dove si siede il pannello dei giudici.

Con queste premesse di neutralità dei giudici, il North American Championship è stato cancellato. Forse dovremmo farlo anche con tutte le altre gare. E visto che abbiamo iniziato a parlare di giudici…

For a sophisticated figure skating fan, it is no secret that absolute objective judging is an unatteinable dream. (pag. 78)

E se lo dice una persona che conosce il pattinaggio come Mishin… Però no, secondo i fan dei pattinatori favoriti da giudizi non proprio limpidi, i voti vengono contestati solo da coloro che non sanno accettare la sconfitta. Il concetto che non sappiamo accettare una sconfitta quando è ingiusta non li sfiora neppure.

There are unspoken agreements in the field of judging. For example, the top skater of a country is judged more loyally than the second and third members of a national team who can skate at the same high level. (pag. 78)

Qui bisogna fare delle precisazioni. Il pattinatore su cui punta la federazione non è necessariamente quello che ha ottenuto i migliori risultati in passato. Belousova/Protopopov sono stati danneggiati non perché Rodnina/Ulanov erano diventati più forti, ma perché qualcuno nella federazione non li amava particolarmente, e in qualche altro post ho scritto del fatto che la federazione preferisce un pattinatore a un altro, anche se sono tutti connazionali. Comunque secondo me il discorso di aiutare un solo atleta, quello preferito dalla federazione, non è sempre valido. Alcune federazioni sono abbastanza forti da riuscire ad aiutare tutti i loro atleti, altre ne aiutano uno solo, altre ancora non contano nulla e non possono aiutare nessuno neanche se volessero farlo. E se il discorso di spingere un solo atleta vi sembra strano… no, qualcuno me he ha parlato direttamente. Qualcuno che è nel mondo del pattinaggio mi ha parlato di una federazione non tanto forte e che proprio per questo riusciva a spingere uno specifico atleta, e chi non era il prescelto… tanto peggio per lui. Sono passati poco più di quattro anni da questa conversazione, e la ricordo con chiarezza.

Va bene, torniamo a Mishin e ai bei tempi passati (passati?)

Quite recently, it was enough to look at the nationalities of the members of the judging panel in order to understand which the athletes at a particular competition would have it easier, and who would find it more difficult. Often at the Olympics, judges try to prevent the mass migration of medals to one country. (pag. 78)

Tutte le medaglie a una sola nazione non vanno bene e quindi ci si accorda per spartirsele? Perché questa frase mi fa venire i brividi? Cosa accadrà di qui a qualche mese?

Mishin ricorda che negli anni ’70 le cose si erano spinte così in là da provocare la sospensione dell’intera federazione sovietica, qualcosa di cui ho già scritto. Una sospensione che, secondo lui, era assolutamente meritata. Il ruolo dei giudici era quello dei kamikaze.

A judge went to a competition, where Valentin Piseev told him to “put this skater in the first place.”

The judge did as ordered and, of course, received a disqualification. Once home, he wrote a letter to the ISU, where he tried to explain the correctness of his decision. But a new kamikaze was already on his way to the next competition. (pag. 78)

Sospendere tutti i giudici di determinate federazioni per un decennio no? No, sono state cambiate le regole in modo che per l’ISU è diventato più difficile sospendere i giudici. Ammesso che voglia farlo, fino a quando arrivano i soldi dobbiamo davvero preoccuparci? E comunque, perché riconoscere che i propri giudici hanno fatto qualcosa di sbagliato? Quando ha dovuto giustificare l’operato dei suoi giudici nella sua nazione, Piseev ha affermato che, visto che i pattinatori sovietici partecipavano a tante gare, era normale che si parlasse molto di loro.

Of course, many did not like this, especially when the Soviet skaters occupied the entire podium. Representatives of international federations were jelaous of our victories and, literally under a microscope, examined all possibile mistakes of the judges. We could not help but notice the prejudiced attitude on the part of the ISU. (pag. 79)

Insomma, secondo Piseev i poveri giudici sovietici erano stati sospesi a causa di piccoli errori e dell’ostilità dell’ISU, soprattutto per colpa di quella maligna persona che era Sonia Bianchetti.

No, la parola maligna non l’ha usata Piseev, l’ho usata io perché mi divertiva l’espressione, ma il concetto è quello: secondo quanto ha spiegato ai suoi connazionali, Sonia Bianchetti ce l’aveva con i sovietici perché vincevano troppo e li ha ostacolati tutte le volte che ha potuto. Possiamo riavere Sonia nell’ISU al posto di suo figlio? Per favore…

Tornando alla difesa di Piseev davanti al suo paese,

Here it is necessary to make an important remark. Any international competitions, any self-respectiong judge, all other things being equal, will put an athlete from his country higher. Otherwise, the question is, why is he even on the team if he does not defend his own? The main tash is then to prove in the debriefing that you are right. (pag.)

the question is, why is he even on the team if he does not defend his own? Davvero? E io che avevo creduto che il compito dei giudici fosse giudicare e che dovessero farlo indipendentemente dalla nazionalità dei pattinatori. Per Piseev la cosa più difficile non è giudicare in modo corretto, ma trovare giustificazioni che aiutino a farla franca. Con lui a occupare posizioni importantissime per decenni, nell’ISU e nella sua federazione, possiamo stupirci se molte valutazioni non hanno alcuna attinenza con quanto fatto dai pattinatori?

Nel discorso di Piseev citato da Mishin, Piseev cita anche un episodio specifico, un 6.0 da lui assegnato a Rodnina/Zaitsev malgrado un errore di Irina su un Salchow. La gara, anche se nel testo non viene specificato, è il Campionato europeo, e Irina atterra in avanti, dopo un giro e mezzo e non due, e ovviamente fa uno step out.

Ok, il regolamento non era quello attuale, la coppia era davvero brava, ma 6.0 significa perfezione, e in questo caso non sono stati perfetti. Più avanti, a pagina 113, Mishin parla di salchow singolo invece che doppio per Rodnina, quindi evidentemente non c’era l’idea di step out, e al fianco del 6.0 per l’aspetto artistico che si vede nel video ricorda un 5.9 per l’aspetto tecnico. A quanto pare dopo questa gara Sonia Bianchetti ha immediatamente preparato le carte per sospendere Piseev per due anni, ma nel giugno dello stesso anno Piseev è stato eletto nel comitato tecnico, qualcosa che avevo già commentato nell’ultimo post di cui ho inserito il link.

It turned out, in spite of the disqualification document, they could not disqualify me as a new member of the technical committee. (pag. 79)

Quindi le regole dell’ISU sono così belle che anche se l’ISU sa che una persona è scorretta, esistono determinate circostanze che impediscono la sua sospensione. Spero che la regola sia stata cambiata, ma ne dubito. Piseev aveva tutto l’interesse a non cambiarla, non so se lo ha fatto chi ha preso il suo posto dopo di lui ma non sono molto ottimista.

Non potendo sospendere Piseev, l’ISU ha sospeso la federazione sovietica, spiegando in dettaglio quali regole avevano infranto e come. Perché ho l’impressione che uno come Piseev quel documento lo abbia studiato attentamente per capire come riuscire a farla passare liscia ai suoi giudici?

Andando avanti anche Mishin ricorda lo scandalo del 2002, è qualcosa di troppo grande perché possa essere ignorato da qualcuno che si occupa di quanto è avvenuto nel pattinaggio in quel periodo. Ma mentre per la maggior parte dei libri che ho letto la confessione di Le Gougne è vera e la gara è stata truccata in favore dei russi, ovviamente per i russi la loro vittoria è legittima. Questa è l’opinione di una giornalista, Marina Chernyshova-Melnik, e anche di un allenatore, Alexander Vedenin. Mishin è un altro per cui la vittoria di Berezhnaya/Sikharulidze è legittima, piuttosto lui punta il dito contro la gara femminile:

in pair skating, many Western media and experts considered that the victory of Elena Berezhnaia and Anton Sikharulidze was undeserved, which resulted in un unprecedented decision to award a second gold medals to their Canadian rivals. No less controversial was the referee’s verdict in the woman’s competition, where two 5.6 marks for artistry given to Irina Slutaskaya out of the general row, sent her to the second place. (pag. 112)

Wow! Posso capire che secondo lui i russi avevano meritato la vittoria, Anton ha fatto uno step out ma il loro programma era comunque notevole. Ma liquidare così, senza nemmeno citarla, la confessione di un giudice, non citare neppure i nomi dei canadesi, e dedicare altrettanto spazio alla gara femminile, nella quale ufficialmente non c’è stato nessuno scandalo, significa voler alterare la realtà. Nella gara delle coppie di artistico c’è stato uno scandalo noto in tutto il mondo, in quella femminile no. Mishin può dire che ha sospetti sulla correttezza di giudizio della gara femminile, ma dare lo stesso peso alle due gare non è onesto. Allora perché lo fa? Perché non tutti ricordano lo scandalo, e anche chi lo ricorda, lo ricorda come gli è stato raccontato. Mishin ha scritto in russo per lettori russi, anche se poi il suo libro è stato tradotto in inglese e posso leggerlo anch’io. E anche se non ho letto giornali russi, e le uniche opinioni russe in cui mi sono imbattuta fino a ora sono quelle di cui ho messo il link più in alto, sono convinta che in Russia abbiano ritenuto pienamente legittima la vittoria di Berezhnaya/Sikharulidze e si siano indignati perché Irina Slutskaya non ha vinto la medaglia d’oro. In Figure Skating. A Celebration Beverley Smith ha riportato un’affermazione di Peter Dunfield relativa al modo in cui i giudici del Blocco dell’Est valutavano le gare negli anni ’60:

“Intially, none of those countries had TV…. Whatever [the judges] did internationally didn’t really matter because they weren’t accountable in their own country. So when these people came back with these medals, they were really the world champions [it appeared].” (pag. 84)

Senza televisione, e con solo la stampa di parte a dare i risultati, i vincitori potevano vantarsi dei successi, soprattutto il regime poteva vantare il successo dei suoi campioni. Tanto, chi conosceva la verità? Persone di altri paesi, che per loro non contavano. E nell’albo d’oro c’è il nome del vincitore, la medaglia viene contata nel numero di medaglie ottenute nel corso del tempo, come è arrivata la vittoria dopo qualche tempo viene dimenticato. Ora è diverso perché c’è la televisione e certi giochetti non possono essere fatti? No, vengono fatti anche adesso. Il regolamento è complesso, solo chi si prende il disturbo di studiarlo capisce come si è arrivati a un determinato risultato e se quel risultato è legittimo. Gli altri si limitano a vedere il risultato, e se è quello che vorrebbero vedere non si pongono domande.

E… ops! Mi sembrava strano che Mishin citasse esplicitamente il referee della gara femminile. Perché il referee? Non è stato lui ad assegnare quei due 5.6. Con una pulce nell’orecchio sono andata a guardare chi era il referee, e ho trovato un nome che mi è ben noto, quello della svedese Britta Lindgren. Una di coloro che ha sentito la confessione di Marie-Reine Le Gougne e che si è adoperata perché il risultato della gara delle coppie venisse cambiato e venisse fatta chiarezza sull’intero episodio. Ancora a distanza di anni Mishin non ha dimenticato il ruolo di Lindgren nella vicenda e accusa lei di scorrettezza. I giudici che hanno assegnato il 5.6 sono la tedesca Sissy Krick e l’italiano Paolo Pizzocari, qui non menzionati.

Dopo lo scandalo, come ben sappiamo, il sistema di giudizio è stato cambiato. È stato migliorato? Per certi aspetti sì, per altri…

If earlier, five of the nine judges made up the majority of the panel and, by agreement, could ensure the victory of one or another athlete, now it is eunogh that two of three people sitting on the technical panel decide the outcome of the competition. This also happens in the ice dance discipline, when the difficulty levels of the steps of certain skaters can be determined even before going onto the ice, just by looking at the composition of the technical panel. In a singles competition, technical specialists can also consider that, say, a quad toe loop was rotated when they review it with bias or see an inside edge entrance to a Lutz and ignore it.

Of one elegant American figure skater, journalists wrote, “The farther she is from her homeland, the more under-rotations she receives.” And vice versa. (pag. 113)

Quindi un sistema nato dopo uno scandalo per rendere la valutazione delle gare più obiettiva è ancora più facile da manipolare del precedente. Non che la cosa mi sorprenda, me n’ero già accorta da sola, ma forse, di fronte a parole come queste dette da qualcuno che il pattinaggio lo conosce come Mishin, l’ISU dovrebbe prendere qualche provvedimento. Uno potrebbe essere l’introduzione di tecnologie migliori, sia sulla risoluzione delle immagini che sul numero di angolazioni disponibili per le telecamere, unito alla possibilità per gli atleti di rivedere i filmati e contestare le chiamate chiaramente assurde. Magari anche un controllo alle tracce lasciate sul ghiaccio non ci starebbe male, basta mettere le telecamere nel modo giusto e le tracce sono chiaramente visibili. Un esempio? Questo è lo stesso screenshot, in alto ho evidenziato la traccia lasciata sul ghiaccio dalla pattinatrice in modo da far vedere chiaramente dove si trova, in basso non ho fatto nulla e il segno è visibile così come è stato tracciato dalla lama.

Quest’altra serie di screenshot l’avevo fatta tempo fa. L’immagine è presa da più lontano, quindi la traccia si vede un po’ meno, ma sapendo dove guardare si vede. Hanyu atterra, scivola all’indietro, e solo dopo aver lasciato un segno piuttosto lungo (visibile così come lo ha fatto nel terzo screenshot, evidenziato da me nel quarto) curva.

Quindi la rotazione di un salto può essere vista con le telecamere. Una bella spiegazione è stata fatta da Chibura (che mi ha fornito anche il link al video da cui ho fatto lo screenshot di Zagitova):

Perciò se un pannello tecnico – due persone su tre – decide che un determinato pattinatore ha sottoruotato tre salti, anche se non è vero, e che un altro pattinatore non ha sottoruotato nulla, anche se è al limite con la chiamata di downgraded, altro che underrotated, ecco che si fa in fretta a variare i punteggi, e quando ci sono tante chiamate (e/o mancate chiamate) a influenzare il punteggio, si può far sembrare che la gara non sarebbe potuta finire in nessun’altro modo.

Questo è solo un esempio di salto dalla rotazione incompleta che invece è stato giudicato pienamente ruotato, e per il quale il pattinatore ha ricevuto un punteggio altissimo. Un esempio scelto appositamente su un pattinatore di cui non mi importa nulla in una gara di cui non mi importa nulla. Quello che mi interessava nel momento in cui ho scelto il salto era che la mancanza di rotazione fosse chiaramente visibile. In questo caso il risultato non sarebbe cambiato, ma se lo desidera una giuria può falsificare la gara, anche ora. Il pannello tecnico era composto dalla statunitense Wendy Enzmann, dalla russa tesserata per la federazione finlandese Olga Baranova e dall’australiano Robyn Burley, il referee era Fabio Bianchetti. Qualche mese più tardi Enzmann avrebbe fatto parte di un pannello tecnico che avrebbe giudicato come perfettamente ruotato questo triplo Axel atterrato in avanti:

e che avrebbe stabilito che questa non è una caduta:

Quanto ai fili errati, ne ho già scritto in altre occasioni e per ora lascio stare.

Se nel caso del 2002 sono convinta che Mishin stia facendo la vittima degli occidentali cattivi perché lui è russo come Berezhnaya/Sikharulidze e come Slutskaya, nel 2010 sono convinta che contro Plushenko sia stata fatta una porcata. Mishin ci ricorda che gli statunitensi non vincevano un oro nella categoria maschile da 22 anni. In effetti se guardiamo il dopoguerra, i vincitori sono stati questi:

1948 USA, Dick Button
1952 USA, Dick Button
1956 USA, Hayes Alan Jackson
1960 USA, David Jenkins

1964 EUA, Manfred Schnelldorfer
1968 AUT, Wolfgang Schwarz
1972 TCH, Ondrej Nepela
1976 GBR, John Curry
1980 GBR, Robin Cousins
1984 USA, Scott Hamilton
1988 USA, Brian Boitano

1992 EUN, Viktor Petrenko
1994 RUS, Alexei Urmanov
1998 RUS, Ilia Kulik
2002 RUS, Alexei yagudin
2006 RUS, Evgeni Plushenko

Ricordo che l’ucraino Petrenko, che nel 1992 ha vinto l’oro sotto la bandiera del Team Unificato, in precedenza aveva gareggiato per l’Unione Sovietica. Credo che nel 2010 gli statunitensi fossero un po’ stanchi di assistere ai successi dei russi, un po’ come ora sono stanchi dei successi dei giapponesi, anche se quelli dei giapponesi sono stati di meno. Però per alcuni anni anche se non vincevano la gara maschile gli Stati Uniti vincevano quella femminile, ora si sentono davvero in astinenza di ori, l’ultimo è stato quello di Lysacek del 2010. C’è stato un oro nella danza su ghiaccio nel 2014, ma fra il 2014 e il 2018 si è verificato qualcosa che nel dopoguerra non era ancora successo: due edizioni consecutive dei Giochi olimpici senza nessuno statunitense vincitore dell’oro nelle discipline individuali. Qualcosa da perderci la testa:

Se allarghiamo lo sguardo alle medaglie conquistate da pattinatori statunitensi nelle discipline individuali, qualcosa che ho già fatto qui (in inglese), vediamo che solo in due occasioni non è arrivata neppure una medaglia. Nel 2014 e nel 2018.

Se prima dei Giochi olimpici di Vancouver gli statunitensi hanno sentito il bisogno di fare qualcosa per aiutare il loro campione, possiamo solo immaginare come si devono essere preoccupati dopo PyeongChang. Bisognava correre ai ripari, e il più in fretta possibile.

Tornando a Mishin e a quei 22 anni senza oro maschile, lui scrive chiaramente che

all forces were involved in the fight for the Olympic victory — specialists, judges, journalists and even the public. (pag. 117)

Tutti? Specialisti? Se si riferisce ad allenatori specializzati in determinati aspetti del pattinaggio o a psicologi, o a nutrizionisti, insomma a persone che con le loro capacità professionali possono aiutare i pattinatori a migliorarsi, va benissimo. Giudici? Giudici??? ISU!!! CIO!!! Aiuto!!! Se qui Mishin sta effettivamente scrivendo quello che sembra a me, serve immediatamente un’indagine seria. Giornalisti? Certo, altrimenti perché parlerei così tanto della propaganda? Pubblico? Sì, in fondo è il pubblico stesso, influenzato dalla propaganda dei giornalisti, che difende l’operato dei giudici e risultati palesemente assurdi, portando chi lavora per cercare di avere gare valutate in modo corretto cosa dovesse provare Sisifo ogni volta che vedeva la sua pietra tornare a valle. Nel momento in cui fan che non conoscono il regolamento o che lo ignorando deliberatamente difendono l’operato dei giudici, per gli addetti ai lavori è facile far passare critiche serie come semplice guerra tra fan e sminuire la portata di qualsiasi critica, evitando scandali.

Nell’estate del 2009 alcuni tecnici dell’ISU hanno realizzato un video per giudici in cui veniva sottolineato come determinati programmi fossero poveri di transitions. Il video è stato realizzato dalla tedesca Sissy Krick, dai finlandesi Hely Abbondati e Mika Saarelainen, dagli statunitensi Charlie Cyr, Joe Inman e Gale Tanger, dall’italiano Paolo Pizzocari e dai canadesi Ted Barton, Louis Stong e Anne Shelter. Nel video comparivano tre pattinatori ancora in attività, Evgeni Plushenko, Johnny Weir e Carolina Kostner, questo quando i tecnici avrebbero dovuto concentrarsi solo su pattinatori già ritirati per non rischiare di falsare il risultato delle competizioni. E stavolta Mishin il dito contro Krik lo punta, e ha perfettamente ragione nel farlo. Di Gale Tanger ha provveduto a darmi un’immagine non proprio edificante Jon Jackson, Inman l’ho già citato più volte. I commenti di Ted Burton li sentiamo tutti. Chissà se mi capiterà di imbattermi in qualcuna di queste persone da qualche altra parte.

when attempting the most complex jumping contet, it is difficult to bother with step sequences. For those born in that era, this was not necessary, It was this topic that began to be pedaled by the Canadian and U.S. federations.

One of the authoritative ISU judges, Sissy Krick, showed particular toughtness in the implementation of the project: “We will defeat Plushenko with transitions.” (pag. 117)

Mi domando se il virgolettato di Mishin sia una citazione reale, e in questo caso sarebbe un’affermazione gravissima, o se stia solo dando voce alle sue impressioni. Per Plushenko Mishin indica due avversari, lo statunitense Evan Lysacek, campione del mondo in carica, e il giovane canadese Patrick Chan, che si sarebbe presentato ai suoi primi Giochi olimpici, quelli di Vancouver, in casa, da vicecampione del mondo. Chan si è eliminato da solo dalla lotta per il titolo con un triplo Axel sbagliato per programma (su quello del libero è anche caduto) e qualche altro errore, Plushenko e Lysacek hanno completato due programmi puliti. A fine gara il distacco fra loro è stato di soli 1.34 punti. Ai quadrupli era stato assegnato un valore troppo basso? Può darsi, ma Plushenko i numeri li conosceva, qualche somma avrebbe potuto farla lui prima della gara così come l’ho fatta io dopo. In fondo si giocava solo una medaglia d’oro, era nel suo interesse ideare il programma migliore.

Plushenko ha eseguito nella seconda metà del programma tre soli elementi di salto, e neppure troppo importanti (3Lz+2T, 3S, 2A), contro i cinque di Lysacek (3A+2T, 3Lo, 3F+2T+2Lo, 3Lz, 2A). Di solo bonus sul valore base Lysacek ha guadagnato 1.70 punti in più rispetto a Plushenko, un valore superiore al distacco che ha separato l’oro dall’argento. Il risultato di Vancouver è stato deciso da numerosi fattori come il codice di punteggi, che riteneva i quadrupli meno importanti rispetto a ora, i layout, e questo è un errore di Plushenko, e la propaganda, ed è su questa che mi soffermo ora. A partire da quella di Mishin, che parla dei giudici nordamericani cattivi e si chiede chi, all’epoca, sapesse eseguire oltre a Plushenko combinazioni quadruplo toe loop-triplo toe loop e triplo Axel-triplo toe loop. La combinazione quadruplo-triplo l’ha fatta solo Plushenko, vero, Stephane Lambiel si è limitato a quadruplo-doppio, cosa che nel programma ha fatto perdere a Lambiel qualche punto, nel libero no perché il triplo toe loop l’ha comunque eseguito in combinazione dopo il triplo flip. Lambiel di quadrupli nel libero ne ha fatti due, non uno, tre nell’intera gara, anche se Stephane con il triplo Axel non andava tanto d’accordo e infatti si è limitato al doppio. La combinazione triplo Axel-triplo toe loop però non l’ha fatta neppure Plushenko, non poteva altrimenti avrebbe infranto la Zayak rule. In compenso l’hanno fatta Nobunari Oda (male) e, bene, Takahiko Kozuka, Jeremy Abbott e Artem Borodulin. Suppongo che Mishin conti sul fatto che nessuno vada a controllare le sue affermazioni sul protocollo di gara. Va bene, sapendo di dover prendere ciò che ha scritto con cautela, vale comunque la pena riflettere su tecnici dell’ISU che realizzano un video che danneggia l’immagine di un atleta agli occhi dei giudici non troppo tempo prima dei Giochi olimpici e su un giudice dell’ISU, Inman, che una settimana prima della gara ricorda a tutti che i programmi di Plushenko non hanno transition.

Secondo Mishin assegnare un oro a Plushenko significava riconoscere che nei quattro anni trascorsi fra Torino e Vancouver il pattinaggio era regredito, perché a vincere era stato lo stesso pattinatore. Un pattinatore che per tre intere stagioni non aveva gareggiato, fermandosi dopo l’oro olimpico nel febbraio 2006, senza neppure andare al Campionato del mondo, e tornando solo nell’ottobre del 2009 alla Rostelecom Cup. I Giochi olimpici erano la sua terza gara dal momento del rientro. Tutto quello che era successo in questi tre anni e mezzo era scadente perché Plushenko non aveva gareggiato? Mishin fa capire che secondo lui l’ISU temeva una vittoria di Plushenko perché avrebbe screditato quanto era avvenuto nel recente passato, ed è possibile che effettivamente qualche giudice fosse di quest’idea. Un campione che si ripete, per qualcuno, è sinonimo non della grandezza dell’atleta, ma della stagnazione della disciplina.

Quello che è certo è che le gare possono essere falsate da giudici disonesti, che esistono persone interessate a far vincere determinati pattinatori indipendentemente da quanto i pattinatori fanno in pista, e che anche la propaganda può essere usata per condizionare i risultati.

Posted in libri, pattinaggio | Tagged | 1 Comment

Yuzuru Hanyu. Un’introduzione

Un anno e mezzo fa per motivi personali mi sono trovata a scrivere una breve biografia di Yuzuru Hanyu. Breve secondo i miei criteri personali, ma mi sembra giusto avvisare chi non mi conosce che ogni volta che mi è stato commissionato un testo ho sempre sforato sui limiti di lunghezza. Ogni. Singola. Volta.

Poi, lavorando di lima, sono sempre rientrata nei limiti che mi erano stati imposti, ma cosa può capitare quando non ho limiti? Va bene, divagazioni a parte, chi è Yuzuru Hanyu, e perché è tanto importante? Inizio con la biografia, riprendendo il vecchio testo e aggiornandolo dove mi sembra necessario. Il ritmo è il mio, il che significa che scriverò a lungo. Una traduzione in inglese della vecchia versione del testo, con qualche piccola modifica, l’ho pubblicata qui)

Hanyu è nato a Sendai, in Giappone, il 7 dicembre 1994, il che significa che compie gli anni a metà stagione agonistica, nel periodo della finale di Grand Prix. Quando ha due anni gli viene diagnosticata l’asma, a quattro inzia a pattinare per stare insieme a sua sorella maggiore, che si era iscritta a un corso di pattinaggio. Nel 2004, a nove anni, vince il suo primo campionato nazionale in categoria Novice B, alla prima partecipazione. Il suo allenatore è Shoichiro Tsuzuki, già allenatore di Minoru Sano, primo pattinatore giapponese capace di conquistare una medaglia al Campionato del mondo, un bronzo nel 1977.

Subito dopo la pista su cui si allena chiude per fallimento. Inizia ad allenarsi su una pista più lontana e affollata, con meno tempo a disposizione, e i risultati ne risentono, infatti l’anno dopo si deve accontentare dell’argento. Nel 2006 la conterranea Shizuka Arakawa (nata in una delle municipalità di Tokyo ma cresciuta a Sendai) vince l’oro olimpico e a Torino, nella conferenza stampa, parla della difficile situazione dei bambini di Sendai, che non si possono allenare. Nel giro di pochi mesi la sua pista viene riaperta. In autunno arriva terzo al campionato nazionale Novice A, risultato che gli consente di partecipare al campionato nazionale junior, dove si classifica settimo.

Nel 2007, sotto la guida di Nanami Abe, vince il campionato Novice A e arriva terzo nella categoria Junior, stabilendo un record di precocità. In teoria l’essere salito sul podio gli darebbe il diritto a partecipare al campionato senior, ma è troppo giovane per poterlo fare.

L’anno successivo, avendo appena raggiunto l’età per partecipare alle gare junior nel circuito internazionale, gareggia solo in questa categoria: arriva quinto in una gara di Grand Prix, vince il titolo nazionale e si classifica dodicesimo al Campionato del mondo (dove è quasi il più giovane, solo un altro ragazzino, che si piazza diverse posizioni più in giù, ha tre mesi meno di lui). Al campionato nazionale senior si classifica ottavo.

Durante l’estate stabilizza il triplo Axel, e la stagione 2009-2010 è un trionfo. Vince tutte le gare junior a cui partecipa: le sue due tappe del circuito di Grand Prix, la relativa finale, stabilendo un record di precocità che sarebbe durato nove anni, il campionato nazionale e il Campionato del mondo. Solo al campionato nazionale senior si deve accontentare del sesto posto. A 15 anni, non avendo più obiettivi fra i ragazzini, e avendo superato di alcuni mesi l’età minima, passa nella categoria senior, anche perché l’obiettivo è chiaro. Lui vuole vincere l’oro olimpico a Sochi, perciò è importante iniziare a fare esperienza nel circuito maggiore il prima possibile.

La pagina inglese di Wikipedia è curata molto bene. Per brevità io ho tralasciato molte gare, questi sono i risultati di Hanyu prima del passaggio nella categoria senior:

All’esordio in una gara di Grand Prix atterra il suo primo salto quadruplo e conclude al quarto posto, nella gara successiva si deve accontentare del settimo, suo peggiore risultato in carriera in una competizione senior. Al campionato nazionale arriva quarto, cosa non facile visto che all’epoca il Giappone oltre a lui aveva quattro pattinatori in grado di competere per il podio mondiale. Il risultato gli vale la partecipazione al Four Continents Championship, dove a 16 anni vince l’argento, ed è un record di precocità tutt’ora imbattuto.

Il mese dopo, l’11 marzo 2011, c’è il terremoto, quello che tutti ricordiamo perché ha danneggiato anche la centrale nucleare di Fukushima. Se ne potrebbe parlare a lungo, qui mi limito a dire che quando è avvenuto Hanyu era in pista, che nella fuga ha distrutto i pattini, che lui e la sua famiglia hanno trascorso quattro giorni in un rifugio per terremotati, e che la pista stessa è stata danneggiata ed è stata costretta alla chiusura. Senza pista per la seconda volta, per continuare a pattinare nei mesi successivi Hanyu si è esibito in 60 show.

Nelle gare di Grand Prix, in autunno, ottiene un quarto posto e, per soli tre centesimi, la sua prima vittoria, risultati che gli valgono l’ultimo posto fra i qualificati alla finale senior. I suoi coetanei partecipano alla gara junior. Nell’occasione arriva quarto, il terzo posto nel successivo campionato nazionale gli fa ottenere la possibilità di partecipare al suo primo Campionato del mondo. È il più giovane fra i partecipanti. Negli allenamenti prima del programma corto si sloga la caviglia destra, quella su cui vengono atterrati i salti. Aveva già avuto problemi alla caviglia, una frattura da avulsione da bambino, diverse slogature nel corso degli anni, stavolta per riuscire a scendere in pista deve prendere gli antidolorifici.

Settimo dopo il programma corto, si sente in colpa per aver deluso le aspettative di chi lo aveva aiutato nei mesi difficili dopo il terremoto, ed esegue un libero epico. Epico davvero, il punteggio tecnico più alto è il suo, il pubblico gli tributa una standing ovation, e nessuno di coloro che hanno visto quella prestazione la può dimenticare. Con il secondo libero risale fino al terzo posto, conquistando la medaglia di bronzo nel suo Mondiale d’esordio.

Due mesi più tardi, consapevole di non potersi allenare adeguatamente in patria, si trasferisce in Canada, anche se il suo inglese è pessimo. Il periodo iniziale è complicato: con il cambio di clima l’asma peggiora, fatica a mangiare – non che in precedenza mangiasse tanto – le comunicazioni sono difficili, l’allenamento è diversissimo e lo mette più in difficoltà di quanto credeva. Con il tempo costruirà rapporti umani importanti con il team di allenatori, Brian Orser, Tracy Wilson e Ghislain Briand, e con Javier Fernandez, compagno di allenamento, per alcuni anni suo più grande rivale e grande amico.

Alla prima gara di Grand Prix, Skate America, stabilisce il suo primo record del mondo per il punteggio più alto nel programma corto.

Nel libero, nel quale ha inserito un secondo quadruplo, il Salchow, combina diversi pasticci e scivola al secondo posto. Alla successiva gara di Grand Prix, l’NHK Trophy, stabilisce il suo secondo record del mondo, sempre nel programma corto, e vince la gara. Rimane in Giappone, senza allenatore, per sostenere gli esami scritti delle prove di ammissione alla facoltà di scienze umane della Waseda University, una delle più prestigiose università giapponesi, alla quale si iscrive senza sfruttare le facilitazioni concesse agli atleti. Da lì va direttamente in Russia per la finale di Grand Prix, dove arriva secondo. Il giorno dopo, in piena intossicazione alimentare, sostiene via Skype gli esami orali.

Ancora debilitato dall’intossicazione, a fine dicembre vince il suo primo campionato giapponese senior. In febbraio torna al Four Continents Championship. Dopo il programma corto è primo, ma la mattina del libero si ferma a parlare con alcuni fan vicino a una porta scorrevole, la porta si chiude e lo ferisce all’occhio destro. Nei video si vede un cerotto sulla palpebra, e nel galà del giorno dopo il viso è gonfio e c’è un ampio livido. Esegue un pessimo libero e scivola al secondo posto.

Dopo qualche giorno di riposo riprende ad allenarsi ma si ammala ed è costretto a fermarsi. Quando torna in pista cerca di recuperare il tempo perso, fa un movimento sbagliato in un cambio di direzione e la torsione gli provoca un infortunio al ginocchio sinistro. Arriva al Campionato del mondo in precarie condizioni fisiche e quasi senza allenamento, e con un pessimo programma corto si piazza provvisoriamente nono. È il 2013, anno preolimpico, nel pattinaggio questo significa che quel Campionato del mondo vale come qualificazione non solo per il mondiale successivo ma anche per i Giochi olimpici. Lui è nono, Daisuke Takahashi quarto, perché una nazione abbia diritto a tre posti la somma dei due migliori atleti deve essere pari o inferiore a 13. Il Giappone è al limite, non possono permettersi di perdere neppure un posto e lui, da campione nazionale, sente di dover sostenere la squadra. Negli allenamenti fra programma corto e libero, cercando di proteggere il ginocchio, si sloga la caviglia destra. Visto che la parola arrendersi non fa parte del suo vocabolario ricorre di nuovo agli antidolorifici (sotto stretto controllo medico, non ha mai avuto problemi di doping) ed esegue il terzo libero. A fine programma si accascia sul ghiaccio perché non ha più energie ed esce dalla pista zoppicando, ma risale fino al quarto posto complessivo. Con Takahashi sesto il Giappone ottiene i tre agognati posti.

Nella stagione olimpica la squadra giapponese viene sponsorizzata da una compagnia alimentare, che affianca un dietologo a ogni atleta. Il dietologo si accorge che Hanyu ha un problema gastrointestinale che gli impedisce di nutrirsi bene e studia per lui una dieta mirata. Se in passato troppe volte aveva finito le gare a corto di energie, l’aiuto del dietologo risolve quasi del tutto il problema. In autunno arriva secondo nelle due gare di Grand Prix dietro al tre volte campione del mondo Patrick Chan, il favorito per i Giochi olimpici. Perde, ma intanto capisce cosa deve fare per vincere, e infatti alla finale di Grand Prix di dicembre è lui a vincere, con tanto di terzo record del mondo nel programma corto.

Se il percorso di avvicinamento è culminato con il sorpasso in questa competizione, anche se questo diventerà evidente solo in seguito, c’è un dettaglio curioso che secondo me vale la pena sottolineare. Hanyu ha scelto di affrontare Chan nel circuito Grand Prix perché era lui che voleva studiare per capire come fare a superarlo. L’obiettivo erano i Giochi olimpici, non una qualsiasi gara di Grand Prix. Se si fosse accontentato di vittorie meno significative avrebbe scelto altre tappe. Ma perché ha potuto gareggiare contro Chan? Perché al Campionato del mondo è arrivato quarto. Per il circuito Grand Prix viene assegnata la testa di serie numero 1 a coloro che sono saliti sul podio al Campionato del mondo. Questi pattinatori non possono affrontarsi prima della finale. A coloro che si sono classificati fra il quarto e il sesto posto viene assegnata la seconda testa di serie. Non possono affrontarsi fra loro, e affronteranno certamente qualcuno che appartiene al primo gruppo. Quello che potrebbe sembrare un risultato deludente, l’unica volta in cui non è riuscito a salire sul podio in un Campionato del mondo, in realtà è stato un vantaggio, perché in questo modo lui (come Kevin Reynolds, quinto, e Daisuke Takahashi, sesto) ha avuto la seconda testa di serie, contro la prima di Patrick Chan, Denis Ten e Javier Fernandez. Se al Mondiale Hanyu fosse arrivato terzo, avrebbe avuto la prima testa di serie, e non avrebbe potuto affrontare Chan né in Canada né in Francia.

Si conferma campione nazionale, quindi contribuisce al quinto posto del Giappone nella prova a squadre dei Giochi olimpici con il miglior risultato fra gli uomini. Nella gara individuale stabilisce il suo quarto record del mondo, sempre nel programma corto.

Nel libero commette diversi errori ma Chan è più falloso di lui, e Hanyu realizza il miglior libero. Tutti ricordano gli errori, lui stesso, il suo critico più severo, è il primo a farlo, ma l’impegnativo contenuto tecnico fa sì che il suo punteggio sia il decimo più alto realizzato fino a quel momento, il quinto assoluto nella somma dei due punteggi. Un libero deludente è comunque uno dei migliori liberi mai realizzati, e il suo 280.09 finale non è superiore solo al punteggio realizzato da Chan nella stessa gara, ma anche al 267.68 con cui Chan aveva vinto il Campionato del mondo nel 2013, o al 266.11 con cui lo aveva vinto nel 2012. Conquista l’oro a 19 anni, il più giovane pattinatore a riuscirci dal tempo di Dick Button nel 1948. Button, però, ha vinto quando tutti erano esordienti perché le gare erano appena ricominciate dopo la guerra, lui ha vinto superando pattinatori molto più esperti di lui.

In marzo, nonostante una caduta nel programma corto e problemi alla schiena che limitano la sua prestazione, pattina un libero notevole e, in rimonta, vince il suo primo Campionato del mondo, con soli 33 centesimi di vantaggio sul connazionale Tatsuki Machida.

La stagione 2014-2015 è la più sofferta da un punto di vista fisico. Avrebbe dovuto esordire in settembre in una gara minore, ma problemi alla schiena – è uno dei pochi uomini in grado di eseguire movimenti per i quali è necessaria una grande flessibilità, e che di solito eseguono solo le donne, e neppure tutte – gli hanno fatto rimandare il debutto a ottobre, nel circuito Grand Prix, in Cina. Nel riscaldamento prima del libero si scontra violentemente con un altro pattinatore. L’incidente è impressionante.

È ferito, dopo gli daranno sette punti di sutura sotto il mento e tre sopra l’orecchio, e ha una lesione al muscolo sartorio della gamba sinistra e una slogatura alla caviglia destra. Il video fa impressione. Non dovrebbe gareggiare, ma visto che i medici escludono una commozione cerebrale e che il regolamento non gli impedisce esplicitamente la partecipazione, lui scende in pista, puntando a un piazzamento che possa consentirgli di rimanere in corsa per la qualificazione alla finale di Grand Prix. Sa che non riuscirà a completare i salti ma li esegue tutti, anche se cade cinque volte. È la dimostrazione più incredibile di forza di volontà che abbia mai visto da parte di un atleta. Con il regolamento dell’epoca quello che fa è sufficiente ad assicurargli il secondo posto. Una delle cose incredibili di questo programma è che fra i tre elementi di salto che esegue bene c’è la combinazione triplo Axel-euler-triplo Salchow, ed è la prima volta nella storia del pattinaggio che qualcuno esegue questa combinazione.

Tre settimane dopo partecipa alla seconda gara di Grand Prix, tutt’altro che guarito, infatti arriva solo quarto, e per soli 15 centesimi (il suo vantaggio sul quinto classificato) si qualifica per per la finale. È l’ultima volta che non sale sul podio in una gara: nelle successive 26 competizioni internazionali (a cui vanno aggiunte quattro gare nazionali e tre a squadre) è sempre arrivato sul podio, e quasi sempre primo o secondo, striscia ancora aperta.

Vince la sua seconda finale con due programmi straordinari.

Già durante la gara, però, ha iniziato a sentire dolori allo stomaco che si evolvono in un grumo sporgente sopra l’ombelico. Qualche giorno dopo il grumo esplode emettendo pus e sangue. È un residuo dell’uraco, un canale di collegamento fra l’ombelico e la vescica esistente nel periodo fetale che in genere si dissolve dopo la nascita dando origine al legamento ombelicale mediano. Quando, come nel suo caso, non si dissolve, possono nascere diverse patologie, tumore compreso. Stringe i denti e il 27 vince il campionato nazionale, il 30 si opera, con tutta una serie di complicazioni legate all’alcol usato per la disinfezione prima dell’anestesia, che gli provoca l’orticaria, e agli antibiotici, a cui risulta allergico. Quando torna in pista si allena forsennatamente, errore che ha fatto più volte, da giovane, quando si sentiva in ritardo nella preparazione, e sloga la caviglia per l’ennesima volta. Al Campionato del mondo, dove arriva con poco allenamento, vince l’argento. Il mese dopo partecipa al World Team Trophy. Si piazza primo fra gli uomini, complessivamente il Giappone arriva terzo. Subito dopo si opera di nuovo per togliere i residui dei punti di sutura dell’operazione di dicembre che non si sono dissolti.

Nella nuova stagione, dopo il secondo posto nella prima gara di Grand Prix, è protagonista di una prestazione epica. Sbriciola – non si limita a superare, li sbriciola letteralmente – tutti e tre i record del mondo, nel programma corto, in quello libero e nella somma dei due punteggi. Il programma corto:

Il libero è SEIMEI; sulle musiche di Shigeru Umebayashi. Qui ho deciso di pubblicare un testo sintetico, non cito tutte le gare e fino a ora non ho scritto una parola sui programmi, non ne ho mai indicato neppure il titolo, ma i programmi andrebbero tutti analizzati. Quando Hanyu era un bambino le musiche le sceglievano i suoi allenatori, e un’analisi degli elementi tecnici consentirebbe di vedere la sua crescita. Ora è lui a scegliere le musiche, e quelle del libero sono sempre musiche importanti, che meriterebbero di essere approfondite. Per molti, me compresa, il giapponese è una lingua ostica, per fortuna diverse persone hanno sottotitolato in inglese numerosi documentari realizzati in giapponese. Vale la pena guardarli, perché consentono di capire un po’ meglio un percorso sportivo e umano incredibile. Per SEIMEI è fondamentale l’incontro fra Mansai Nomura e Hanyu, ma tutta l’ideazione di questo programma è notevole.

Per lui sono i record cinque, sei e sette, per il pattinaggio è una gara che cambia la disciplina. I suoi avversari capiscono che se lo vogliono battere devono cambiare completamente il loro modo di pattinare, la federazione internazionale decide di cambiare il regolamento, cosa che avverrà dopo i successivi Giochi olimpici. Probabilmente non esistono singoli programmi nella storia del pattinaggio che hanno avuto un impatto maggiore rispetto a quello dei due da lui pattinati in quei giorni. E se fino a ora ho inserito solo video di gara, anche quelli di esibizione sono straordinari.

Qualche giorno dopo vince la finale di Grand Prix ritoccando tutti e tre i record, anche se il piede sinistro fa un po’ male. Subito dopo si conferma campione nazionale, ma il piede peggiora, al punto che non riesce più a eseguire nemmeno salti singoli. Gradualmente, con riposo e cure, riesce a recuperare parzialmente. Al Campionato del mondo va in testa con un programma corto che sfiora il record del mondo, poi il suo piede cede, sbaglia due salti nel libero, e arriva secondo. Alla fine arriva la diagnosi: lesione di Lisfranc, un infortunio piuttosto serio, che se non curato può portare anche all’amputazione. Il problema è legato al movimento che esegue con un salto specifico, il toe loop, e all’impatto dei suo piede sul ghiaccio.

Dopo essersi curato Hanyu modifica il suo modo di saltare per evitare il ripetersi del problema, e visto che un altro salto, il loop, gli aveva creato meno problemi, inserisce nei suoi programmi il quadruplo loop. In autunno diventa il primo pattinatore capace di eseguilo in gara. Nelle gare di Gran Prix ottiene un secondo e un primo posto, poi vince la sua quarta finale consecutiva, raggiungendo Evgeni Plushenko come numero di successi, ma lui ha vinto quattro titoli di fila, Plushenko lo ha fatto nell’arco di sei anni. Salta il campionato nazionale perché ammalato, al Four Continents Championship sbaglia la combinazione nel programma corto e la prima combinazione nel libero. A questo punto decide di improvvisare, cosa difficilissima e non solo per un discorso di stanchezza, ma anche perché deve modificare abitudini consolidate in infiniti allenamenti. E non deve sbagliare i calcoli: nel pattinaggio esistono regole precise sulla ripetizione dei salti, infrangere la regola significa vedersi annullare un salto anche se è stato eseguito alla perfezione. Lui modifica completamente il programma, aggiunge salti impegnativi, recupera una parte dei punti che ha perso in quell’unico errore, ma riesce a risalire solo fino al secondo posto.

Il Campionato del mondo inizia in modo complicato, con un programma corto esaltante penalizzato in modo eccessivo per un errore.

Nel libero sfoga la sua frustrazione per risultati per lui deludenti eseguendo un programma perfetto che gli vale il suo secondo titolo mondiale, e il nuovo record del mondo nel segmento di gara. Per lui è l’undicesimo, un record fissato per sempre perché quando, dopo i Giochi olimpici, la federazione ha cambiato il codice di punteggi, ha fissato i vecchi record come storici ed è ripartita da zero.

Chiude la stagione vincendo l’oro al World Team Trophy con il Giappone. Nel libero diventa il primo pattinatore capace di completare tre salti quadrupli nella seconda metà di un programma.

Stagione olimpica. All’Autumn Classic International stabilisce il suo dodicesimo record del mondo, questo nel programma corto, e anche questo, come quello nel libero del Campionato del mondo 2017 e nel totale alla finale di Grand Prix 2015, è stato fissato per sempre come record storico. Il giorno dopo sbaglia il libero e arriva secondo. Alla sua prima gara di Grand Prix aggiunge un altro quadruplo ai suoi programmi, il Lutz, ma commette troppi errori e di nuovo si deve accontentare del secondo posto. Alla gara successiva si presenta con 39° di febbre, in allenamento sbaglia l’atterraggio del quadruplo Lutz e si distrugge la caviglia. Per quasi due mesi si cura e basta, quando torna in pista, poco più di un mese prima dei Giochi olimpici, la caviglia non regge, così lui si affida agli antidolorifici, sapendo che il rischio di farsi male e non poter più neppure camminare è altissimo. Dieci giorni prima dei Giochi riesce ad atterrare i primi due quadrupli dei quattro che eseguiva prima, il giorno prima di partire atterra per la prima volta anche il loop. I due programmi che presenta a PyeongChang sono epici, il corto è perfetto.

Nel libero sbaglia l’atterraggio di due salti, nel primo fa uno step out, un passo, e perde una combinazione, perciò modifica la combinazione successiva per recuperare qualche punto, nel secondo in qualche modo riesce a rimanere in piedi. A quel punto capisce di avere vinto. Non ha ancora la certezza matematica, ma lui lo sa, e la successiva sequenza coreografica è un’apoteosi.

Il mese successivo rinuncia a difendere il titolo mondiale perché la sua caviglia non è ancora guarita.

Autunno 2018, con il nuovo regolamento e il desiderio di fare ancora una volta la storia portando in gara il quadruplo Axel, arriva alla prima gara deconcentrato e vince pattinando male. Punto nell’orgoglio arriva alla gara successiva molto più preparato e stabilisce tre nuovi record del mondo. Nel libero esegue per la prima volta nella storia la sequenza quadruplo toe loop-triplo Axel e diventa il primo pattinatore capace di completare un programma privo di salti doppi (quattro quadrupli, sei tripli e un euler).

Nel programma corto della seconda gara di Grand Prix stabilisce il suo sedicesimo record. La mattina del libero cade male e si sloga di nuovo la caviglia. Decide di pattinare lo stesso e vince la gara. Sul podio, per una cerimonia di premiazione che si svolge il giorno dopo, sale con le stampelle, perché durante la notte la caviglia si è gonfiata.

Dopo un’altra pausa forzata di alcuni mesi, torna per il Campionato del mondo, e solo dopo dirà che sta ancora prendendo gli antidolorifici. Con il libero stabilisce il suo diciassettesimo e diciottesimo record del mondo, nel libero e nel totale.

Subito dopo di lui Nathan Chen supera entrambi i punteggi, gli strappa i record e lo relega al secondo posto. Il nuovo regolamento è molto più sbilanciato del vecchio, con determinati cambiamenti che sembrano studiati appositamente per metterlo in difficoltà, e in più casi le valutazioni dei giudici sono state sbagliate, ma per una vera spiegazione dovrei dilungarmi sull’aspetto tecnico. Hanyu chiude la stagione qui, rinunciando al World Team Trophy perché è ancora infortunato.

Nella stagione 2019-2020 inizia vincendo le prime tre gare. La seconda in particolare, Skate Canada, è importante. Sul triplo Axel del programma corto riceve la valutazione massima, a tutt’oggi è l’unico elemento di salto che è stato ritenuto perfetto con il nuovo codice di punteggi:

Nel libero diventa il primo pattinatore capace di completare la combinazione quadruplo toe loop-euler-triplo flip.

Nella finale di Grand Prix sbaglia la combinazione del programma corto. Fra il suo errore, e le valutazioni errate dei giudici, che stanno diventando la norma e che hanno quanto meno raddoppiato il distacco che avrebbe dovuto avere dal primo posto, dà per persa la gara. È solo, al suo allenatore hanno rubato il passaporto fra un volo e l’altro e non è riuscito ad arrivare in Italia, ci riuscirà solo dopo il venerdì pomeriggio, dopo che al mattino, fra la prima e la seconda parte della gara ha provato il quadruplo Axel, un salto che ancora nessuno ha mai eseguito per quanto è difficile e che è diventato il suo obiettivo. Nel libero di sabato progetta un programma difficilissimo, con cinque quadrupli, qualcosa su cui non si era più allenato dall’infortunio di due anni prima. I quadrupli riescono, quella che era prevista come sequenza conclusiva di due tripli Axel no, i giudici assegnano voti troppo bassi a lui, troppo alti al suo avversario, e conclude al secondo posto con un distacco enorme e non giustificato dal primo.

Nel campionato nazionale, stanchissimo per i cinque voli intercontinentali affrontati in un mese e mezzo per colpa dell’assurdo programma di gare che gli è stato imposto, e nuovamente danneggiato da voti assurdi, conclude al secondo posto. A questo punto decide di cambiare. Abbandona i programmi che ha presentato nell’ultimo anno e mezzo, Otonal e Origin, che erano un omaggio ai suoi due idoli d’infanzia, Johnny Weir ed Evgeni Plushenko, e torna ai suoi programmi: Chopin e SEIMEI. Nel programma corto del Four Continents Championship stabilisce il suo diciannovesimo record del mondo. Al momento è l’ultimo record che chiunque abbia stabilito, tutte le discipline considerate.

Prima del programma corto si accorge che nel ghiaccio c’è un buco enorme. Segnala il problema al presidente di giuria, che lo fa tappare sommariamente, ma ormai la concentrazione è sparita. Nel libero fa un paio di errori, ma è comunque il migliore. La vittoria gli consente di diventare il primo pattinatore a completare il Super Slam nella categoria maschile, cioè a vincere tutte le gare più importanti sia nella categoria junior (finale di Grand Prix 2009, Campionato del mondo 2010) che in quella senior (finale di Grand Prix 2013, 2014, 2015, 2016, Giochi olimpici 2014 e 2018, Campionato del mondo 2014 e 2017 e Four Continents Championship 2020).

A questo punto il mondo si blocca causa pandemia e il Campionato del mondo 2020 viene annullato. Hanyu torna in Giappone, senza allenatore, e rinuncia all’NHK Trophy. In compenso si laurea, con una tesi che potrebbe rivoluzionare il sistema di pattinaggio rendendolo molto più attendibile, se solo l’ISU decidesse di applicare quanto ideato da lui. Dopo nove mesi di totale solitudine la sua prima gara è il campionato nazionale. Il programma corto è notevole, il libero, sulle musiche di Ten to Chi to, un capolavoro.

Al Mondiale esegue il miglior programma corto, ma un attacco di asma prima del libero lo porta a eseguire un programma sottotono, che contiene diversi errori, e lo fa scivolare al terzo posto. È la sua prima medaglia di bronzo dall’autunno del 2014 e dalla finale di Grand Prix dopo lo scontro con Han Yan, il 26° podio consecutivo in una competizione individuale internazionale, una striscia ancora aperta. A questo totale possono essere aggiunti tre podi di squadra – il terzo arriverà a breve – e quattro nel campionato nazionale. Il bronzo è anche la sua settima medaglia in un Campionato del mondo, nel dopoguerra solo Jan Hoffman ne ha vinte altrettante.

La stagione si chiude al World Team Trophy. I primi due elementi di salto del programma corto, perfetti ma che non ricevono il voto massimo, sono la conferma della tendenza al ribasso presente nei suoi punteggi dopo il secondo oro olimpico. Quanto al triplo Axel, l’errore non fa che confermare l’incredibile controllo che lui ha sul suo corpo.

Lui è il migliore per la sua nazione, il Giappone vince il bronzo. Questi sono i suoi risultati nella categoria senior:

Già che c’ero ho deciso di segnare su questa tabella in quali gare ha stabilito il record del mondo. Non ho indicato diciannove gare perché in un caso (Campionato del mondo 2019) di record ne ha stabiliti due, in tre occasioni (NHK Trophy 2015, finale di Grand Prix 2015 e Grand Prix di Helsinki 2018) di record del mondo ne ha stabiliti tre.

Questi sono solo alcuni dati, i risultati delle gare e una rapida menzione degli infortuni peggiori, non dicono nulla di chi è lui come persona, e per quanto possa sembrare incredibile la persona è molto più straordinaria dell’atleta. La forza di volontà si intuisce dai successi, dal continuo tornare più forte di prima nonostante tutti gli infortuni; il talento, la bellezza dei suoi programmi, possono essere capiti solo ammirando ciò che fa in pista; l’allegria, la generosità, l’empatia, l’attenzione nei confronti degli altri, l’intelligenza, emergono da infiniti piccoli episodi che richiederebbero tantissimo tempo per essere narrati e che lo rendono una persona speciale. Per capire il suo impatto sulle persone basta guardare quanto è avvenuto nel gala del World Team Trophy. Negli anni il numero di omaggi lanciato dagli spettatori al termine di un suo programma è cresciuto fino a diventare impressionante. Ora il lancio di omaggi è stato vietato e lui, prima di scendere in pista per Hana wa Saku, ha detto che sperava di essere la luce capace di illuminare almeno un po’ i momenti bui per coloro che lo avrebbero guardato. E il pubblico gli ha restituito la luce, accendendo spontaneamente le luci dei cellulari e creando un effetto di cielo stellato che non si era mai visto su una pista di pattinaggio.

In passato c’erano stati premi vari, il People Honor’s Haward, due monumenti collocati in suo onore a Sendai, due parate, l’invito al ricevimento imperiale di primavera, per citare solo le cose più importanti. Del suo impatto su di me ho scritto brevemente, in italiano e in inglese, qui. Quanto al perché lui è il più grande pattinatore di tutti i tempi, ne ho scritto in italiano e in inglese, e ho aggiunto altre considerazioni qui.

L’ultima apparizione pubblica è per uno spettacolo che raccogliere fondi per la ricostruzione dopo il terremoto, un impegno a cui lui non è mai venuto meno in tutti questi anni con donazioni personali e la partecipazione a numerose iniziative legate alla ricostruzione.

Chi è Yuzuru Hanyu? Dire che è il più grande pattinatore di tutti i tempi è riduttivo. Lui è la luce.

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

Push Dick’s Button/3

Ultimo sguardo a Push Dick’s Button, il libro scritto da Dick Button di cui ho già parlato qui e qui. Mi ero fermata al passaggio dal codice di punteggi 6.0 all’ISU judging system, riprendo da qui e dai giudici che lo applicano. Cominciamo con una frase che condivido in pieno.

If you are a skating judge convicted multiple times of cheating, or if your country (Federation) is convicted of multiple offenses, you should be out! (pag. 184)

Non sono (solo) io a dirlo, qui lo dice un grandissimo campione, in termini che non potrebbero essere più chiari, e visto che lui ha commentato a lungo per la televisione statunitense sono sicura che lo abbia detto anche lì. Com’è che l’ISU non lo capisce? Lo aveva capito in passato, quando a controllare la correttezza dei giudici c’era Sonia Bianchetti, ora su alcuni aspetti il pattinaggio è tornato indietro. Button ricorda che fra il 1970 e il 1977 tredici giudici dell’Unione Sovietica sono stati sospesi (sul loro comportamento mi soffermerò commentando il libro di Alexei Mishin, che sto leggendo ora), che l’Unione Sovietica controllava le federazioni del Blocco dell’Est, e cita esplicitamente Bulgaria, Cecoslovacchia, Germania dell’Est, Ungheria, Polonia, Romania, quindi si limita a un eccetera lasciandoci immaginare qualche altro nome, e che nel 1978 la federazione sovietica è stata sospesa per un anno, un tempo secondo lui non abbastanza lungo (e io concordo, ma per capire perché vi rimando al commento sul libro di Mishin che pubblicherò a breve).

It was also well known that many judges were honest but were totally under the thumb of their Federation, which could many times be under the thumb of their government and had to bow when asked to bow. (pag. 184)

Se l’ISU sospendesse determinate federazioni, nessuno farebbe pressioni. Che senso avrebbe per una federazione costringere i suoi giudici a votare in modo scorretto per vincere una gara ma poi non potessero più giudicare? Non sospensioni di un anno, una federazione può anche accettare di barare ad anni alterni invece che mai, considerando un anno un prezzo da pagare per un determinato titolo. Barerebbero ancora con la stessa facilità se la sospensione fosse di quattro anni e due edizioni dei Giochi olimpici? Mi sa che in questo caso ci penserebbero un po’ di più. Certo, potrebbero trovare altri modi per barare, i modi si trovano sempre, ma almeno gli si potrebbe rendere la vita più difficile, avremmo qualche gara un po’ più corretta.

Sorvolo su tutti i commenti di Button sul sistema di giudizio e sui ruoli dei vari personaggi, e passo alla propaganda. Lui non la chiama così, in realtà non è necessario che sia sempre propaganda, ma la propaganda nasce da queste considerazioni.

The Kiss and Cry is what had developed from a long history of pursuing what ABC always felt was the essence of sports coverage. That was “The Up Close and Personal” features on athletes–revealing elements of who they were, the story around them, their emotions, their fears, their likes and dislikes.

This principle existed long before television was invented. Sports coverage in newspapers always wanted the story behind the story, the personalization of the great stars. It was about creating heroes every man, woman and child could relate to, admire, envy, applaud, and emulate. (pag. 192)

It was about creating heroes. La televisione ha bisogno di eroi per attirare il pubblico che guarda le gare, solo così gli sponsor pagano. I giornali hanno bisogno di eroi, così il pubblico li comprerà per leggere le loro storie.

Lasciamo stare i libri dedicati agli aspetti meno belli del pattinaggio, quanti libri incentrati su famosi pattinatori ho letto? Io leggo tantissimo, forse ve ne siete accorti. Forse vi siete accorti anche che ogni tanto divago. Questo paragrafo è una divagazione, se non vi interessa potete saltarlo. Ho letto i libri generali, che mi hanno fatto conoscere pattinatori di altre epoche, Figure Skating’s Greatest Stars e Skate Talk di Steve Milton, Figure Skating. A History di James Hines, Figure Skating. A Celebration di Beverley Smith, e poi ci sono le biografie/autobiografie di singoli pattinatori, Forcing the Edge di Kurt Browning, The Passion to Skate di Sandra Bezic, Landing It di Scott Hamilton, Our Life on the Ice di Jane Torvill e Cristopher Dean e Tessa & Scott, scritto da Virtue e Moir insieme a Milton. E, al di fuori del pattinaggio, ho letto il primo libro di Alex Zanardi, l’autobiografia di Jury Chechi, La squadra che sogna, dedicato alla squadra di pallavolo allenata da Julio Velasco. Le maggiori attenzioni le ho riservate al tennis con tre libri di Gianni Clerici, 500 anni di tennis, Divina, su Suzanne Lenglen, e Wimbledon, e poi ci sono state le autobiografie di Martina Navratilova, Monika Seles, Andre Agassi e Arthur Ashe, ma anche Terribile splendore di Fisher e Game set match di Holm e Roosvald, oltre a vari libri trasversali a diversi sport. Questo per dire che anch’io voglio conoscere il campione. Voglio che mi venga narrata la sua storia. Per me il punto è che voglio una storia vera, che non mi importa della nazionalità dell’atleta – i libri monografici che ho citato solo dedicati ad atleti britannici, canadesi, una ceca, una francese, (un giapponese, le parentesi sono dovute al fatto che ho comprato i libri in giapponese, quindi non avrei dovuto essere in grado di leggerli, anche se poi li ho letti lo stesso grazie alla generosità di qualche fanyu), italiani, una serba, statunitensi, svedesi (anche se ero interessata solo a uno dei tre tennisti, quello a cui l’autore ha dedicato meno spazio), e se avessi trovato libri su determinati atleti ci sarebbero state altre nazionalità nel mio elenco – e che il numero di vittorie non è ciò che mi spinge a tifare per un determinato atleta. Per intenderci, io ho tifato per Jana Novotna, non per Steffi Graf. Lo so anch’io che Graf ha vinto molto di più, so contare il numero di titoli, ma la pur bravissima Steffi non mi ha mai emozionata come Jana. Mi sono divertita di più in partite ben giocate, e perse, dai giocatori per cui tifavo, che in partite giocate male, ma vinte.

Fino a quando l’arbitraggio, o la valutazione, di una gara è corretto, non sono felice per una sconfitta ma la accetto. Io le storie le voglio, ci spendo anche soldi, ma le voglio se sono vere, e non voglio la vittoria a tutti i costi, ma non per tutti è così. Per la massa, che segue lo sport distrattamente, contano gli slogan, contano i numeri di vittorie, il totale dei punti, anche se non capisce come si sia arrivati a quei punti. È davvero necessario capire? Per molte persone no, è sufficiente poter dire che è stato vinto un certo numero di medaglie, che è stato ottenuto un certo punteggio, che sono stati fatti tot salti.

Il Kiss and Cry serve per narrare le storie. Tutto bene fino a quando ci fa conoscere gli atleti, quello che mi interessa è che per noi la conoscenza degli atleti è importante. Certo, possiamo appassionarci anche solo ai programmi, ma se di un atleta conosciamo la storia ci appassioniamo di più. E se quella che viene narrata è solo la storia, anche a costo di forzare la realtà sugli aspetti tecnici? Da qui è un attimo che la narrazione di una storia diventi propaganda, e possa avere anche effetti importanti. Un esempio in questo senso ci viene dai Test Skate russi che si sono svolti qualche giorno fa.

Non è una gara, quindi non c’è un pannello di giuria con voti ufficiali, anche se i giudici erano presenti, è solo un sistema usato dalla federazione russa per valutare il livello di preparazione dei suoi migliori atleti. Nell’occasione Alexandra Trusova ha presentato un libro con cinque quadrupli, roba che in campo maschile hanno fatto solo Nathan Chen (che è pure arrivato a sei, se non mi sbaglio in due occasioni), Vincent Zhou (basta che non guardiamo le rotazioni) e Yuzuru Hanyu. A livello atletico è stata incredibile. A livello artistico ci sarebbe molto da ridire, al di là di Performance con i components io sarei rimasta sempre sotto l’8.00. Transitions non pervenute. Però tanto di cappello per ciò che ha fatto, e per come è tornata dopo un anno difficile. Se fosse stata una gara, il suo punteggio sarebbe giustamente stato altissimo, e nessuna sarebbe in grado di starle vicino pur con una maggiore completezza nell’aspetto artistico. ISU, ti sei accorto che la fattorizzazione per le donne è ancora 0.8, vero? Non noti un po’ di squilibrio? Non è il caso di cambiare il valore di fattorizzazione?

Comunque, pur riconoscendo che quel che ha fatto Trusova è incredibile, come andrebbe valutato il suo programma? Qualche atterraggio non mi convince, in un caso per me c’è un sottoruotato. E il flip ha il filo esterno. Il regolamento è chiaro in proposito, per un filo esterno la detrazione va da -2 a -4. Anche supponendo di essere generosi con lei e assegnandole tutti i bullet e la detrazione minima, con un filo errato non si può partire da un voto superiore al +3 perché manca il bullet 2, Very good take off (and landing, ma in questo caso l’atterraggio non è stato un problema). Dal +3, con la detrazione minima, il voto finale è +1, ma anche il -1 che ho visto assegnare da qualcuno su Twitter sarebbe corretto. Un po’ severo, secondo quella persona manca qualche altro bullet oppure ha applicato la detrazione massima, ma il regolamento sarebbe stato rispettato. Ho visto anche quella che sarebbe stata la valutazione di un non meglio identificato giudice internazionale, +4. Un giudice internazionale. Forse quel giudice dovrebbe studiare meglio il regolamento, perché a questo salto non è possibile assegnare un +4. A questo punto è partita una piccola discussione.

Il livello di molte persone è questo: esaltarsi per un numero di salti cool and impressive, indipendentemente da ciò che dice il regolamento.

No, se vogliamo che siano gare e non farse, il regolamento deve essere rispettato. Nelle esibizioni i pattinatori possono fare tutto ciò che gli pare, nelle gare se non rispettano il regolamento devono ricevere le relative detrazioni. Non assegnargliele significa fare un torto a tutti quei pattinatori che pur eseguendo movimenti corretti ricevono gli stessi punti, quando non meno. Trusova esegue un quadruplo flip? Valore base 11.00 punti, con un +1 salirebbe a 12.10 punti, con un -1 scenderebbe a 9,90 punti. Sempre più di quanto sia possibile ottenerne con un triplo flip perfetto (5.30+2.65=7.95). Nessuno, uomini compresi, esegue un quadruplo flip perfetto? Allora non assegniamo a nessuno un voto alto. Non è mica obbligatorio assegnare voti alti, i voti devono essere adeguati a quanto fatto dai pattinatori. Perché con un quadruplo flip dal filo errato, che da regolamento potrebbe prendere al massimo 12.10 punti, chiunque dovrebbe riceverne di più? Fra le avversarie di Trusova ci sono diverse pattinatrici capaci di eseguire un quadruplo toe loop. Con un valore base di 9.50 punti e un +5 si arriva a 14.64, per quell’anonimo giudice internazionale (e per questo fan) Trusova avrebbe meritato 15.40 punti. Un salto che comprende un errore che, da regolamento, va penalizzato, avrebbe meritato un voto più alto rispetto a un altro salto perfetto, e in questo caso sto confrontando due quadrupli. Per qualcuno è importante elogiare, rispettare il regolamento è un optional.

Ecco, se questo è l’atteggiamento di tante persone, non stupisce che quando la televisione costruisce il personaggio, quando lo avvicina al pubblico, il grande pubblico ne viene affascinato e accetta tutto. Il regolamento è complesso, perché qualcuno dovrebbe prendersi la briga di studiarlo? Quindi ci esaltiamo per il numero di quadrupli, rimaniamo affascinati dalle storie che la televisione ci racconta, e non chiediamoci altro. Applicare il regolamento? A chi importa? Quindi contiamo il numero di salti, senza preoccuparci di come sono stati eseguiti, contiamo il numero di titoli vinti, senza guardare da vicino come sono stati assegnati i voti, e andiamo avanti così, con miopia. Tanto all’ISU importa che ci sia un pubblico pagante, non la correttezza e neppure la coerenza.

Poco più avanti Button ricorda la vicenda di Tonya Harding, qualcosa che ha portato un grandissimo interesse sul pattinaggio ma che non è esattamente un grande esempio di sportività. Dopo aver sottolineato come non è possibile perdonare qualcuno che ferisce intenzionalmente un avversario, Button ha scritto che

Tonya Harding was later banned for life by the ISU. Judges who have been convicted of cheating are, after a short suspension, often back judging. How about that for consistency? (pag. 202)

Prima che qualcuno possa dire che sono due situazioni diverse, Button non dice che Harding non meritasse una sospensione a vita. Ma, per quanto l’aggressione a Nancy Kerrigan non è perdonabile, è un fatto isolato. Un giudice che assegna regolarmente voti assurdi condiziona la carriera di numerosissimi atleti. La portata distruttiva di ciò che possono fare i giudici è molto più ampia di ciò che ha fatto Harding. Perché i giudici non vengono puniti con la stessa severità?

Button ha scritto il suo libro a ruota libera, salta spesso da un argomento all’altro o torna su qualcosa che ha già trattato. A lui l’ISU judging system non piace – o almeno, non gli piaceva nel 2013, non so se poi abbia cambiato idea – e ogni tanto ne parla. E alcune considerazioni sono interessanti.

the new rules are increasing neither the quality nor the standarsd of figure skating. The new rules reward what a few speed skaters think constitutes quality and standards. The sole aim of speed skating is to go faster (pag. 217)

Questa è una semplificazione, per esempio con questo codice di punteggi i pattinatori hanno iniziato a prestare più attenzione alle trottole e alle sequenze di passi. Però il go faster è vero, anche se non è espresso così. Cosa è contabile? Il numero di rotazioni dei salti (anche se quelle rotazioni dovrebbero essere fatte in aria e non sul ghiaccio, sul ghiaccio si chiamano trottole). Perciò ecco che arrivano tanti punti per i salti, e più rotazioni ci sono meglio è. La qualità con cui sono fatti i salti? Ecco, volendo possiamo tornare a quel quadruplo flip di Trusova, o anche a tanti altri salti che prendono voti alti perché sono quadrupli, indipendentemente da ogni altra considerazione. E il modo in cui sono assegnati i components, altissimi se un pattinatore esegue tanti quadrupli, ne sono la conferma. Sempre per quel programma di Trusova il giudice internazionale avrebbe assegnato un 9.50 in skating skills e un 8.25 in transitions.

Per quanto io riconosca che bisogna essere davvero bravi per fare tutti quei quadrupli, i quadrupli hanno un valore base e un GOE, fanno parte del punteggio tecnico, e non dovrebbero avere nessuna rilevanza nei components. Escludendo la sequenza coreografica e quella di passi, quante transitions ha fatto Trusova? Però sì, in effetti si muoveva velocemente da una parte all’altra della pista. Possiamo darle valutazioni alte per questo?

Il regolamento è sbilanciato, sarebbe ora che l’ISU se ne rendesse conto. Ma ancora più urgente è una migliore formazione dei suoi giudici, l’uso di migliori tecnologie per aiutarli a giudicare con più precisione e la squalifica per chi assegna i voti in modo chiaramente partigiano. Invece no, tutto quello che sembra importare è esaltarci per il numero di quadrupli ed evitare scandali. Tutto pur di attirare pubblico pagante che possa far andare avanti la baracca. E qual è il pubblico più importante? Quello statunitense.

Personally, I don’t like that I coudn’t see the 2013 World Championship live on network television. That’s probably because the ratings in the U.S. have dropped into the cellar where the doggies are sent when they are bad.

The 2014 World Skating Championship are held in March right after the big hoopla of the Olympic Winter Games and won’t be seen live, except as a two-week delayed summary show in April. (pagg. 224-225)

Non credo che la televisione americana abbia gradito il calo degli spettatori. Stando così le cose, perché non rimediare con un po’ di propaganda? E guardate che i giudici sono esseri umani, come tutti si fanno influenzare dalla propaganda. Ne ho parlato più volte, probabilmente il testo in cui ho affrontato in modo più serio l’argomento è stato in un commento in inglese su Pensieri lenti e veloci di Daniel Kahnemannn.

Stavolta la televisione americana trasmetterà le gare, la loro storia da narrare ce l’hanno. Pattinatori fortissimi atleticamente, che completano un numero incredibile di quadrupli, e che sono pure bravi ragazzi. Non c’è nemmeno la guerra fredda, possiamo esaltare lo spirito di fratellanza fra nazioni che in passato sono state su diversi schieramenti, perché ora il mondo ha bisogno di armonia e perché tanto non c’è una concorrenza diretta. Quanto allo spirito sportivo e all’applicazione del regolamento… avete visto quanti quadrupli? Wow! Incredibile! Record del mondo!!! History!!!!!

Grazie, no. Non è questo ciò che voglio vedere.

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

Push Dick’s Button/2

Dopo un paio di post dedicati ad altro, torno sul libro di Dick Button riprendendolo da dove mi ero fermata, la difficoltà nel controllare che i giudici votino in modo corretto. Visto che con il codice di giudizi 6.0 ci sono stati imbrogli, Ottavio Cinquanta ha creato l’ISU judging system. Ricordiamoci che fino alla stagione 2015-2016 compresa noi non sapevamo quale giudice avesse assegnato un particolare voto, le identità erano segrete. Se i voti fossero stati ancora segreti, non ci sarebbe stata l’evidenza per sospendere Salome Chigogidze (1, 2 e 3). Altro particolare importante, e che continua a esserlo, è che noi non sappiamo quali siano i bullet e le detrazioni assegnati dai giudici a ciascun elemento, quindi alla fine ciò che abbiamo sono comunque numeri arbitrari. Button decisamente non è un fan del nuovo codice di punteggi, ma vale la pena di riflettere un attimo sulle sue parole.

the purpose of this new system was to try to solve the frequent judging disaster, such as cheating and “bloc judging,” (multiple judges from different countries voting as a unit). Everything was to be based on points and little on subjectivity. The real purpose, however, was to make everything as secret (invisible) as possible and thus prevent the occurrence of another scandal like one in 2002 Salt Lake City. (pagg. 154-155)

Questo è ciò che è sempre interessato a Cinquanta: evitare altri scandali. Nel 2002 il CIO ha fatto pressioni su Cinquanta perché risolvesse in fretta lo scandalo legato alla confessione di Marie Reine Le Gougne, e Cinquanta ha deciso di non trovarsi più nella stessa condizione. Come risolvi il problema? Io controllerei attentamente tutti i giudici, indagherei in modo approfondito ogni volta che ho il sospetto che qualcosa non va, e sospenderei o squalificherei i giudici, e magari anche la loro federazione, ogni volta che riuscissi a provare che c’è stato un comportamento scorretto. Poi il sistema di giudizio si poteva cambiare come si poteva non farlo, ma è sui giudici e sulle federazioni che bisogna agire. Invece per Cinquanta i giudici non sono un problema suo. Come ha spiegato a Phil Hersh parlando del pannello di giuria nella gara femminile delle Olimpiadi del 2014,

“I can’t suspend a person for life for a minor violation. (Balkov) is a matter for the Ukraine federation because they chose to send him.”

La violazione minore a cui si riferisce Balkov è bloc judging, e non me ne vengono in mente molte di violazioni peggiori, probabilmente solo lo stupro e l’aggressione, fisica o psicologica. Il doping, per quanto grave (per gli atleti dopati io sono per la squalifica a vita), secondo me lo è meno del bloc judging. A ulteriore conferma che ciò che conta è evitare gli scandali, c’è la recente proibizione per la televisione di inquadrare i giudici durante le gare. Vengono presentati all’inizio, e poi basta. Abbiamo avuto casi di giudici filmati, come Sviatoslav Babenko e Alfred Koritek, che si scambiavano segnali, o di Walter Toigo, che allungava il collo per controllare i voti assegnati dagli altri giudici, che sono stati sospesi proprio perché esistono filmati che provano il loro comportamento scorretto, ma se i giudici non possono essere filmati, e ora è così, non abbiamo speranza di liberarci dei giudici scorretti. E comunque non è una priorità dell’ISU.

Lasciamo in pace i giudici (per ora) e passiamo a un’affermazione di Oleg Protopopov. Se non sapete chi è cercatelo, ne vale la pena. Lui e sua moglie Ludmila Belousova hanno vinto due ori olimpici e quattro mondiali nelle coppie di artistico fra il 1964 e il 1968. L’aspetto atletico non era importante come ora, e loro erano arte allo stato puro. Di Belousova/Protopopov parlerò quanto meno in un testo che sto scrivendo per commentare il libro di Alexei Mishin The Secrets of the Ice, mi sono imbattuta in un episodio… interessante. Per ora mi limito a riportare un’affermazione di Protopopov:

You cannot have technical merit without artistry, but neither you have artistry without technical merit. (pag. 162)

I grandi campioni concordano, chiedere per conferma a tal Scott Moir (se qualcuno mi farà avere il link del suo commento lo aggiungerò). O, se c’è ancora qualche dubbio, si può sempre chiedere per conferma a tal Yuzuru Hanyu.

Per riferimento, il giornalista che fa la domanda a cui Hanyu sta rispondendo si presenta al minuto 13:25 di questo video:

Guardate il video su youtube, e mettete anche il like. Se non ci sono altri modi per ringraziare chi ci ha donato la traduzione dell’intervista, almeno questo possiamo farlo.

Oh… mi ero dimenticata che anche Button ha scritto di Babenko&Koritek. Visto che lui li cita, come potrei io non citare lui?

In the 1999 World Championship in Helsinki, Canadian TV caught on camere two judges, Yuri Babenko of Russia and Alfred Koritek of the Ukraine, signaling to each other, by tapping their feet with the placement numbers they would give. I quickly referred to them as the “tap-dancing judges.”

Both were suspended by the ISU. Both suspensions were short (one and two years). Both suspensions were later reduced. Both judges were back judging in no time at all.

Hello!!! (pagg. 175-176)

A volte trovo eccessivo il tono colloquiale di Button, qui è perfetto. E, visto che non vi ho ancora esortati a farlo, comprate il suo libro. Io commento alcuni passaggi, ma ci sono tante altre considerazioni interessanti per cui vale la pena spendere qualche euro (e vale la pena, se ve lo potete permettere, spenderli anche per i passaggi che sto citando. Li leggete da me, lo so, ma se qualcuno scrive qualcosa, a meno che non decida di regalarlo come sto facendo io pubblicando le mie considerazioni e una gran quantità di statistiche su un blog, è giusto che ne abbia un guadagno).

Appena più sotto Button ricorda che

Judges who lived in Moscow frequently judged for other smaller countries (like Belarus) that might not have had any creditable judges but needed to keep their Federations alive. This also allowed the mother country (Russia) to control more votes. (pag. 176)

E se più giudici danno compatti voti assurdi, i voti assurdi non spiccano, e diventa più difficile sanzionare i giudici scorretti. Noto che Button, da statunitense, punta il dito contro la Russia, e secondo me ha ragione a farlo, ma altre nazioni possono comunque allearsi fra loro e votare in modo compatto, anche se sono nazioni diverse. Sto lavorando in questo senso per cercare qualche voto particolare, ma non so se riuscirò a provare qualcosa, ci sono troppi fattori di mezzo che possono sfasare le statistiche. Se troverò qualcosa, ve lo farò sapere.

Poco più avanti Button ci ricorda che Ottavio Cinquanta proviene dal mondo del pattinaggio di velocità. Nulla di male in questo, le due discipline hanno la stessa dignità, però mi domando se l’unione di due discipline così diverse nella stessa federazione porti la federazione a interessarsi ugualmente di entrambe. La prossima frase non è nulla di sconvolgente, però mi ha fatto ridere e quindi la leggete pure voi.

I would like to dedicate this chapter (but not the whole book) to Mr. Cinquanta for his

HONESTY!!!

in stating repeatedly,

“I am a speed skater. I know nothing about figure skating.” (pag. 177)

A proposito delle due discipline,

Some countries needed the skaters to get high rankings to get their government’s financial support (no money if they did not have a skater who qualified for the Olympics). Some countries needed to get money from the ISU from television income for their own sport’s operations. Some individuals just wanted income to pay for their own support.

Figure skating had considerabli more income than speed skating. Guess which organization provided the support for the other organization? Guess which sport OC came from? (pag. 180)

In un modo o nell’altro si arriva sempre ai soldi. Soldi che servono alle federazioni per far funzionare il pattinaggio artistico, ma anche quello di velocità. Sul rapporto fra le due discipline si è dilungata anche Sonia Bianchetti Garbato in Crepe nel ghiaccio (e ricordo che il libro esiste anche in inglese con il titolo Cracked Ice). Questo problema lo tralascio, purtroppo tanti discorsi li lascio solo accennati perché non ho materialmente il tempo per scrivere tutto. Poco dopo Button spiega come è stato approvato l’ISU judging system, qualcosa di cui si sono occupati sia Bianchetti Garbato che Jon Jackson in On Edge. Per farla breve, essendo norme tecniche avrebbero dovuto essere discusse nella riunione riservata al pattinaggio artistico, invece Cinquanta ha portato il suo progetto nella riunione generale, dove sapeva di avere i voti del pattinaggio di velocità. Lì ha ripetutamente affermato che il suo era solo un progetto, e cio che è stato approvato è un progetto su cui si sarebbe dovuto lavorare ulteriormente per valutarne l’applicabilità. Peccato che quando è stato pubblicato il nuovo regolamento ufficiale, il progetto era diventato una regola. Anche se riconosco che se i voti fossero assegnati in modo corretto il nuovo codice di giudizi sarebbe migliore di quello vecchio, questo codice è stato approvato con l’inganno. E quando chi è al vertice di una federazione inganna i suoi stessi collaboratori, quanta onestà possiamo aspettarci da quella federazione?

Non mancano molte pagine per la conclusione del libro, ma le rimando a un’altra occasione.

Posted in libri, pattinaggio | Tagged , | 5 Comments

Cambio di programma

Ho riguardato il SEIMEI del Four Continents perché mi stavo interrogando su alcuni GOE, e durante i replay un elemento di salto ha attirato la mia attenzione, la prima combinazione. E… niente, mi sono ritrovata a fare uno screenshot dietro l’altro. Cominciamo con la puntata del quadruplo toe loop. Puntata fatta con la punta del pattino e non con tutta la lama, un gesto in via di estinzione.

Stacco

Nel prossimo screenshot è in aria.

Le rotazioni le ho ignorate, mi limito a notare l’ampiezza del salto guardando di quanto si sposta rispetto al tabellone pubblicitario che si trova alle sue spalle.

L’atterraggio non è dei migliori. Si sbilancia così tanto che dovrebbe cadere. L’inclinazione del pattino, il peso del corpo così spostato… una persona normale cade. A volte però nelle discussioni con la forza di gravità è Yuzu ad avere l’ultima parola.

Guardiamo anche la mano destra. Quasi tutti sarebbero caduti, un pattinatore bravo avrebbe messo giù la mano per restare in piedi. A volte la mano la mette giù anche lui, non sempre.

Ok, pericolo passato, stavolta ha vinto lui. È tempo di raddrizzarsi e andare avanti con la combinazione.

Quale combinazione? Il layout prevedeva 4T+3T, il che significa che è ora di fare la puntata. E infatti il piede sinistro va all’indietro.

Il piede è vicinissimo al ghiaccio. Ce lo ricordiamo cosa ha detto? Che temeva di non riuscire a completare la rotazione del triplo toe loop. Eccolo qui il cambio di programma. Non il mio, che non pensavo di scrivere nulla su questa gara, e che l’ho fatto solo perché questa combinazione mi ha fatta ridere. Il suo. È meglio rischiare un triplo toe loop sottoruotato, o cambiare tipo di combinazione una frazione di secondo prima che diventi troppo tardi per farlo? Ok, euler.

E adesso è il momento di un triplo salchow.

Le rotazioni le ho tralasciate e sono passata all’atterraggio.

Si stava ammazzando sul quadruplo toe loop, ha improvvisato un euler al posto di un triplo toe loop, come può concludere? Senza sforzo, come se quanto ha appena fatto sia la cosa più normale del mondo.

Guardate l’inclinazione della schiena, questo salto è davvero efforltess.

L’unico peccato è non aver mai visto questa versione di SEIMEI pattinata in modo perfetto, anche se con Ten to Chi to Yuzu ha compiuto un ulteriore passo in un cammino straordinario.

Posted in pattinaggio | Tagged | Leave a comment

Alexander Vedenin: the judges and the choice of the champion

The wonderful Lys, my favourite source of interesting articles, stroke again. This time she find a Russian article, this:

“THEY OVERTHREW THE GYMNASTS FROM THE PEDESTAL. NEXT IN LINE IS FIGURE SKATING AND SYNCHRONIZED SWIMMING. ” THE JUDGE IS ABOUT HOW CHAMPIONS ARE CHOSEN

I don’t know Russian, so I can read the article only thanks to an automatic translation Russian-English. If anyone who know Russian find some mistake, I would like to know them. [Edit: now exist an english translation].

Who speaks is Alexander Vedenin, an ex figure skater, now a coach and one of the founders of the Development Program at ISU and moderator of international and national seminars in 12 countries of the world. I didn’t knew him before, but I can be sure of a thing: he knows figure skating very well. So, what he said? A lot of interesting things, I focus only on some of them.

Vedenin started talking about the competition of the rhythmic gymnastics at the last Olympics. I didn’t watched the competition. I read some polemics about the result, but I don’t know so well the rules and I’m not able to say which move is more difficult or better done, so I can’t say anything. I limit myself to write that there were polemics.

Vedenin do an example that isn’t in the article I linked, about the psychological mood using the example of two skaters, A and B.

It is important to create an atmosphere for the judges to accept the possibility of a leadership change.

What this mean? If a skater is really strong, barring a really bad program, this skater is expected to be first at the end of the competition, or at least on the podium. Another skater can beat him, and it should be able to beat him in a fair competition, if this other skater skated better. But what if this strong skater continues to skate well, and someone wants someone else to win?

In the competitions are involved a lot of other things beside what the skaters actually do. Things as the mind of the judges and their ideas, and the schemes of the federations. The federations aid their skaters. Some aid are licit, as a financial aid for the costs of the training, or campus with the best coaches for all the strongest and most promising skaters of the nation.

What about propaganda?

I read another article written by Marina Chernyshova-Melnik, the journalist that interviewed Vedenin. This article is on the 2002 scandal. She is Russian, obviously for her the result of the Pair competition was fair whith the win of Berezhnaya-Sikharulidze. For her Marie-Reine Le Gougne was forced to do a false confession. I’m sure that she was truly forced to give the first place to the Russian by Didier Gailhaguet, but I already wrote about this competition several times, so now I’m not going back to the details of this scandal.

I write only one more thing: that a Russian judge (Alla Shekhovtseva) put in the first place the Russians and not the French, don’t prove that there wasn’t an agreement. The scandal exploded before the Ice Dance competition, so the judges, knowing they were under observation, may have decided to vote honestly. And apart from that… rumors have always said that the Russian judge should have helped the French skaters by placing them ahead of the Italians, and that’s exactly what Shekhovtseva did. That she then placed the Russians ahead of both the French and the Italians could be simple national bias, which in any case has no influence on a possible agreement to place the French ahead of the Italians. In the free dance Barbara Fusar-Poli and Maurizio Margaglio fell, so it’s normal that they ended up behind the other two couples, but in the other stages of the competition the Russian judge may have awarded the placements in an honest way, but she may have been influenced by the national bias, and/or may have complied with the agreement entered into with the French federation. The president of the ISU, at the time Ottavio Cinquanta, prevented any investigation in this sense. For him the most important thing was to stop the scandals, not to do justice. Now, beyond the final result of the competitions, I am interested in several statements in this article.

Everything was done by the press, which in those years played a huge role in North America.

For this journalist the result of the Pair competition, Russians first and Canadians second, was right. So the scandal was made by the American television for his interest. Beyond what everyone can think about the result of that competition, the affirmation that in North America the press had a big role in everything is important. When I write that some journalist doesn’t do information but propaganda, is because journalists themselves say it.

It began with the fact that the American television company NBC bought the rights to broadcast the Olympic Games and planned to make good money. But the frenzied broadcasts did not work, and the media managers began to think: how to attract the viewer?

According to Chernyshova-Melnik for the American television the only important thing is the ratings, so if they don’t have another system to attract viewers, they create a scandal. But a scandal as the Kerrigan-Harding story mentioned by her attract the interest because there is a struggle among a wonderful princess and an evil rival. A scandal on manipulated results can lead the spectators to go away from the sport. If the public can’t trust the best athlete has won, why should they like the sport? There are so many injustices in the world that we all want to believe that there is at least one area where honesty, fairness and personal commitment triumph.

The thing that mostly attract the public are the wins. The television know that. Several months ago I saw a list of the GOAT of a lot of sports. The list must have be done by an American, because it started with the affirmation that the American are the strongest because in every sport the GOAT is an American. The list contained at least a mistake (Wayne Gretzky was labeled as American but he is Canadian), often was questionable (Dick Button is really one of the best skaters of all time, but for me he is the second, not the first, and I’m not the only one to think so) and was incomplete (the only sports listed are the sport in which there was a really strong American. But why a male figure skater and not a woman? Because the doubt can be among the Norvegian Sonja Henie, the Deutsch Katarina Witt and the Korean Yuna Kim and no American enter in the question? On the other hand, for tennis on the list was Serena Williams, but there wasn’t a male tennis player. Why? And in figure skating there are also Pairs – no really strong American detected – and Ice Dance, and no, none can convince me that Davis/White have ever been on the same level of Virtue/Moir).

The list say to us only one thing: the Americans (most of the Americans, not all of them but enough for the television purpose) are interested in the sport only if the Americans win. The American television, who pay a lot of money to broadcast the Olympic Games, want strong Americans. It’s the only way to attract public, that attract sponsor, that give money to the television. So for the television the question is: we have strong athletes? If we don’t have any, how can we make our athletes stronger? When there is money at stake, for a lot of people ethics goes outside the window. If a propaganda can aid an athlete, why the television (but the press in general) should not do propaganda?

Supporting an athlete is not prohibited, so they do not break any law. And if the judges are unwittingly influenced by propaganda and assign the marks not on what has been done by the skaters, but because the press has convinced them that one skater is stronger than another, no crime has been committed. But is the competition result correct? And here we return to the opening quote:

It is important to create an atmosphere for the judges to accept the possibility of a leadership change.

If the American press need a strong American skater they do propaganda in order to influence the judges. Judges should not be influenced by propaganda, but they are human, they can do mistake and can be manipulated. We all let ourselves be influenced, some more, some less. If this were not the case, advertising would not exist. So it’s up to the individual judge, some can be more influenced than others. The Olympic season has just started, propaganda started several years ago.

Speaking of gymnastic, Vedenin say that the scoring system is not so different from the ISU scoring system, but that there isn’t a public protocol.

rhythmic gymnastics has a similar refereeing system, but there is no document. Everyone says that Lina’s program was more complicated, but there is no trial without the transcript.

Protocol is fundamental to telling us that the final score is not arbitrary. We know the base value of the elements, the marks of the individual judges, the GOE and the PCS. It’s enough? No. In the short program of the 2020-2021 Japanese National Championship one of Hanyu’s spins received 0 points. No BV, no GOE. Only when the competition was over did the technical panel deign to make known the reason for the cancellation, and only because the press insisted on knowing it. Here it is again the importance of the press, in this case to check the correct running of the competitions. There is a lot to say about that invalidated spin, but not now. What interests me now is something else.

If a skater has a deduction for a fall, we know the reason for the fall. The same if he does a time violation. The same if part of his costume fall on the ice. If in the short program he does a single jump, we know why the jump is invalidated. The same if in the free skate he broke the Zayak rule. So, if a spin is invalitated the reason should be explained in the protocol. And also the GOE… why 4 of the 7 judges didn’t give a +5 on Hanyu’s combination in the short program of the World Team Trophy? I’d like that in the protocol every judge should explain which bullet he gives, which deduction he subtracts. Otherwise, I can’t trust in the fairness of the competition.

What can Russia expect from the judges at the next Winter Olympics?

We need to strain hard. The backstage process has begun – and where will it lead? Recently, Russian artists who seemed invincible were overthrown from the pedestal. The following sports are figure skating and synchronized swimming.

Vedenin focuses on Russian figure skaters. The interview is done by a Russian journalist to a Russian coach in a Russian newspaper, it is obvious that the focus is on the Russian skaters. However, I remain on the general speeches. The backstage process has begun. Here comes the importance of propaganda, which I spoke of earlier. And not just that of the press.

Everything will begin to happen long before the Olympics – at the beginning of the season. It is important to keep track of who will be unleashed an information war, who will be rotten by the ribs and underwhelmed, as in his time to Medvedev. It is necessary to closely monitor what is being discussed in the ISU and the panel of judges. What’s in the air? The process of overthrowing the leaders will begin just from this invisible air.

I wrote about American skaters, propaganda and television here. Everything will begin to happen long before the Olympics – at the beginning of the season. No, actually this is not correct, well done propaganda starts even earlier. And the same goes for wrong marks. M.G. Piety in a really interesting article about Davis/White’s gold wrote

I’m a member of a Yahoo group of skating fans. […] Davis and White didn’t need any help to win the gold was the constant refrain of most members of the group. They’ve been winning everything in the last few years. That is sadly true, but it begs the question of whether Davis and White needed help by tacitly assuming that they had not had help with these other wins.

Some wins are prepared for several years, not only from the beginning of the Olympic season.

On Evgenia Medvedeva I’ll return later. But… The process of overthrowing the leaders will begin just from this invisible air? To me this sentence gives the impression that the victory does not always go to the best skater. Sometimes it goes to whoever has the best judges in political games. Try reading the posts I’ve written in the past, the ones on Jon Jackson’s book in particular, to see some of these discussions.

Before the start of the competition, the referee (senior referee) holds a closed meeting of the judges, where he recalls the basic rules, focuses on some important points. The Referee never mentions the names of specific athletes, but can allow himself to be hinted when referring to certain trends promoted by individual athletes. These hints are easily picked up by the judges.

So if, for example, the referee says that the prerotation is not a serious error, the prerotation will not be sanctioned. If he asks you to pay particular attention to the edge of the flip… you can say many things without naming names. How many names did I mention among the skaters that are still competing? Two, that of Medvedeva, only because Vedenin specifically mentioned her, and that of Hanyu, on two specific episodes. But how many skaters have you thought of? How many episodes of which I haven’t said anything about? If I can hint some names without write them, so a referee can hint some names without saying them. The judges are able to pick them. But it’s a fair competition?

[Edit: about pre-event meeting among judges, read the first comment on this post].

Speaking of the judges, they do not earn much money. Do you remember that in October I wrote that a judge asked to me (not in a pleasant way) what a judge can earn from the competitions?

The amounts of fees are so ridiculous that I will not even voice them. Something close to the daily allowance on a business trip – enough for sandwiches or a trip to the local bar. It will not be possible to earn money by refereeing, but this is a very honorable position for which people are eager. You are shown on TV, announced before the start of the competition, to which the attention of millions of spectators is riveted. And also a purely human sense of vanity: you decide the fate of the best athletes on the planet! Plus, many consider these trips around the world as prestigious tourism: you are placed in five-star hotels and accepted as a VIP guest.

So for them it is a way to see the world, to go free of charge to wonderful places and luxurious hotels and to feel important. They can decide the fate of the athletes. They are famous and powerful. In the article on the 2002 scandal, the journalist wrote on Marie-Reine Le Gougne

when the result of judging looks like 5: 4, everyone is looking for who personally was this decisive fifth vote. The French judge knew that the deciding vote was hers. And she smiled, very proud of herself.

In such a situation, it is easy to grow your head and place your desires, sometimes even your ambitions, ahead of the fairness of the competitions.

– How is the relationship between judges and coaches built? I think it’s not in vain that the words “your judge” often appear in conversations about behind the scenes.

– Leading referees of the country often go to trainings with the leading athletes of the national team and give advice: here the element does not correspond to the rules, it is better to start this support from a different position, and so on. This is how the referees help to “clean” the skaters’ programs from doubtful moments before the start of the season, so that everything complies with the current rules and for each movement it is possible to get maximum points. Of course, the referees give feedback at test skates and all domestic tournaments.

I wrote about this both when commenting on Jon Jackson’s On Edge and Christine Brennan’s Inside Edge. Judges work closely with the skaters with whom they share the nationality, how can they be impartial when judging them? And the rule that a person cannot be a judge in a competition at the same time and team leader of the team of his compatriots was only approved in 2018. I could be wrong, but the ISU does not seem very quick to change their rules even in the case of clearly absurd situations.

– How is the world-class figure skating policy formed? It’s no secret that the most influential federations are Russia, Canada and the United States.

– Yes, and between them there is a usual political struggle for the results of athletes, team classification, etc. Pressure on judges is a typical practice. It’s worse when athletes and coaches feel it. 

See the names? Russia, Canada, and United States, but I think that the journalist should have said Russia and United States, and Canada. If Russia and United States are tied, the Canada comes third. Other nations? Do they matter to anyone? And there is a usual political struggle for the results. The results above all. And if a judge is honest, Pressure on judges is a typical practice.

And what happens in the elections for leadership positions in the International Skating Union! I can cite an example of 5 years ago, when the new president of ISU was elected. Ottavio Cinquanta spent more than 40 years there, reaching the full Mr. Alzheimer’s and Parkinson’s. In general, he gathered all these English gentlemen: he had so many scandals with him! But he continued to hold his post. One of the candidates was the president of the French federation, Didier Gayage. He was the first in 100 years of ISU history to come to the polls with his work program. Didier proposed a lot of reforms, for which he was not elected. Because the leaders of the ISU and many national federations have been sitting well in their posts for a long time and do not want to move.

I wrote in the past on some elections, Valentin Piseev at the Technical Committee when he was suspended in the 1974, of other elections I wrote here. I have no words on Ottavio Cinquanta. If this was the situation, why not replace him sooner? I have no idea what Gailhaguet’s program was, which according to this journalist is just a poor victim of circumstances, but already at the time I wanted him away from skating, and after reading Un si long silence by Sarah Abitbol I am even more sure that he must stay away from figure skating.

The article focus on some old competitions and Chernyshova-Melnik mentions two ice dancers that I liked a lot, the Lithuanians Margarita Drobiazko and Povilas Vanagas. These are their results:

They were strong but, according to the results, not so strong. In their best years the strongest Ice dancer were Marina Anissina/Gwendal Peizerat, Barbara Fusar-Poli/Maurizio Margaglio, Irina Lobacheva/Ilia Averbukh and Shae-Lynn Bourne/Victor Kraatz (my favourite Ice Dance couple at that time). A French team (but the lady was a Russian with a French passport, and France is probably the fourth nation for importance after Russia+United States and Canada), an Italian team (with Ottavio Cinquanta president of the ISU, about the importance of this I’ll write soon), a Russian team and a Canadian team.

The judges know from the beginning that such and such athletes need to bet more, and these – less. Moreover, they are not told directly, but a psychological mood is created. Imagine the situation: you know that skater A skates at 5.8-5.9, and skater B skates at 5.0-5.2. Suddenly skater A is skating unsuccessfully, and you give him a mark much lower than his usual level: 5.5-5.6. Skater B skated great for himself, and you bet more than his usual level: 5.3-5.4. You encouraged him super, but still he was left behind athlete A, who performed unsuccessfully this time. This is approximately what happened with the magnificent Margarita and Povilas. They were beautiful, interesting and unusual, but did not receive medals at the World Championships. There was no one to stand up for them. The main role was played by this psychological mood of the judges, which even rarely anyone formulates in specific words.

Here Vedenin did a mistake, Drobiazko/Vanagas won a bronze in the 2000 World Championship, but his words are equally disturbing. None stand for them, so they were left out of the podium? And the fairness of the competition where is it? Remember a thing: at the 2002 Olympics, Fusar-Poli/Margaglio, with a fall, won the bronze. Bourne/Kraatz, with a fall, were 4th. Drobiazko/Vanagas, without mistakes, were 5th. A judge, if he really want to, can give to a skater marks lower than usual, to another marks higher than usual, and equally have the result that he want. When Hanyu was first after the short program at the last World Championship several people, I among others, complained that his marks were too low, that he deserves a higher score. For someone our complain was a nonsense because he was anyway first. None could have imagined that his free skate would be full of mistakes. But if his short program had received the score that deserved, at the end of the competition Hanyu would have won the silver, not the bronze.

– At the same time, British dancers Jane Torvill and Christopher Dean won despite their nationality.

– There are two important factors here. Great Britain is the birthplace of ice dancing, which has dictated fashion for 20 years. Plus, at that time, the vice-president of ISU was Laurence Demme – the world and European champion. It was easier for his compatriots to get into the top. 

Torvill and Dean were wonderful, but again we can see the politics. I hinted before of Ottavio Cinquanta and Fusar-Poli/Margaglio. I know nothing, but now some questions come in my mind. And now the vice-president of the ISU is a Russian, Alexander Lakernik. Not someone in which I trust, I wrote about him a lot in my blog.

I skip some paragraphs and go to the Battle of the Brian at the Olympic Games in 1988.

The International Federation in those years just welcomed the expressiveness and plasticity on ice. The judging panel was made clear that with ideal skates for both leaders, Brian Orser should win – as a symbol of the development of the artistic direction in figure skating. Nobody said this directly, but remember my words about psychological work!

– As a result, after the “required pieces” stage, Orser gets points clearly higher than usual. These figures were just his weak point. I see that the process has begun.

Definitely the Compulsory Figures weren’t Orser speciality. He may have worked on them and may have improved, but the impression is that the judges had given the marks thinking of the final placements of the skater. They won a win for Orser? They awarded them the third place at the 1987 World Championship and at the 1988 Olympic Games. After the Olympics, it’s best to give the gold medal at the World Championship to the Olympic winner or to the Olympic silver medallist? So, 5th place and not 3th in the Compulsory Figures for Orser.

Do you know how the rank worked in 1988? Different rankings for every segment of the competition. Every segment has his ranking. The compulsory Figures counted for the 30% of the final score, +0.60 points for every position (the percentage was changed several times, don’t use there percentage for other years). The Short Program counted for the 20% of the final score, +0.40 for every position. The Free Skate counted for the 50% of the final score, +1.00 for every position. The points earned in the three rankings were summed, the lower sums means a better position.

So for Boitano a 3 – 1- 2 result mean 1.80+0.40+2.00=4.20. For Orser a result 5 – 2 – 1 mean 3.00+0.80+1.00= 4.80. At the Olympic Games Orser’s Compulsory Figures were evaluated the 3th, Heiko Fischer’s figures were evaluated the 4th. Orser skated better than Fischer. What would have happened if even at the World Championship Orser’s figures were judged better than Fisher’s figures? Fourt place for Orser in the first segment of the competition, so 4 – 2 – 1. This mean 2.40+0.80+1.00= 4.20. Same points as Boitano. And in 1988, if the points were the same, would have won the skater who skated better in the free skate. If Orser’s Compulsory Figures would have judged the 4th and not the 5th, he would have become the 1988 World champion.

According to Vedenin, the result at the Olympic Games was decided rightly, notwithstanding the pressure put on the judges by the ISU, by the skaters themselves. Boitano was perfetc, Orser “made two gross and obvious mistakes“. No, Orser did only one mistake, a step out on the 3F, but Boitano did eight triple jumps, among them two 3A, Orser did seven triple jumps, among them one 3A. The result was the right one, but the disturbing episode remain.

But only 5 judges from the brigade put Boitano ahead. The other 4 people did not dare to go against the wishes of the management. I am happy that I acted honestly and professionally. Although a couple of years later, the former general director of the Canadian federation David Door came to the ISU leadership, who then took revenge on me for my position in Calgary for the rest of my life.

A pity that he doesn’t say any more. I’d liked to know what David Dore did.

[Edit: When my post was published, I spoke to several people on Twitter about it. One of them noticed a strange alliance, the poor Americans and Russians were pressured by the evil Canadians. Curious that there is a nation capable of mistreating the two most influential nations. With this I am not saying that Canadians are exempt from all guilt, but one wonders how much truth there is in Vedenin’s words, also because I have just noticed a detail that I had not noticed before. Vedenin says that he voted for Boitano, but in truth he awarded first place to Orser, not to Boitano. Does he remember badly, or is he insinuating suspicion for a very specific reason related to some current event? At the next Olympic Games, Russia will compete for gold in the Women’s competition, with perhaps one or two Japanese skaters to disturb their plans, a medal for an American is unlikely. In the Pairs’ competition, the fight for gold will be between China and Russia, not even the shadow of a strong American pair. In the Ice Dance competition it will be between France and Russia, probably the Americans will fight for the bronze with the second Russian team, the Canadians and the Italians. In the team competition, unless a collective suicide, Russia will win gold, they are the strongest (or the second strongest, but China and France will not fight for a medal, so a possible placement behind them would not be particularly harmful) in almost all disciplines, and probably the silver will win by the United States. The fight for the bronze should involve three nations. The United States will fight for a single gold, the only one that Russia is sure will not win. Perhaps Russia will win a medal, but they struggle for the bronze, not for the gold. Russia and the United States with different interests and therefore allies? It’s possible? Even this interview is propaganda?]

-Canadian functionaries generally know how to organize everything cleverly. At one time, they fought through the press with Zhenya Medvedeva, who won every tournament. Closer to the Olympics, the Canadians have a star – Caitlin Osmond. An active, emotional girl. Heavy, it is true, but so she flew in accordance with her weight. Videos often appeared on the Internet about how badly Zhenya jumps – with “undercool” and “wrong ribs”. We compared the marks for quality with Yuna Kim, although there are generally different eras and judges. 

The comment about Kaetlyn Osmond’s weight could have been avoided, it’s not that all the female skaters has to be as thin as a breadstick. These are the results of Evgenia Medvedeva and Kaetlyn Osmond before the Olympic season.

With a silver at the last World Championship, obviously Canada hoped in a medal for Osmond. There was also Gabrielle Daleman, World bronze medallist in 2017. But Medvedeva was a lot stronger. I too remember the videos comparing Medvedeva’s technique with Yuna Kim’s technique. A war fought also against video on youtube. What I said earlier about propaganda?

Probably Canada did propaganda promoting Osmond but at least on a thing Vedenin is wrong. Vedenin is Russian, and if he can warn us about Canadian propaganda, at the same time he is doing propaganda for the Russian skaters. He said although there are generally different eras and judges, and on this Lys came to aid me.

This is a premeditated action, which ultimately affected Zhenya’s assessments.

So the two eras can be compared. The Canadians do propaganda? Sure. These are two example. The most blatant case perhaps is this protocol at the 2018 Canadian Championship, and remember that I really love Virtue/Moir.

The name of the judges were:

Leslie Keen, Controller Canada (national bias as a judge in my calculation from 2016-2017 to 2019-2020, 9.28 points)
Marie Bowness, Technical Specialist
Rock Lemay, Assistant Technical Specialist
Janice Hunter, Referee (national bias 5.32 points)
1 Pam Chislett, Judge (national bias 6.21 points)
2 Sabrina Wong, Judge (national bias 8.53 points)
3 Sylvain Guibord, Judge (national bias 9.79 points)
4 Erica Topolski, Judge (national bias 9.57 points)
5 Ron Conacher, Judge (national bias 7.89 points)
6 Patty Klein, Judge (national bias 4.42 points)
7 Nicole LeBlanc-Richard, Judge (national bias 8.48 points)
8 Leslie Lawrence, Judge
9 Jean Senft, Judge (national bias 5.96 points)

Virtue/Moir were the favourite for the Olympic gold together with the French Papadakis/Cizeron. Another example?

These are the average marks in the PCS for Patrick Chan’s short programs. I didn’t find the protocols of two Canadian Championship, the site of Skate Canada is really bad. I highlighted the seasons when Chan was still in the junior category with a gray background. There is nothing in a column because Chan took a season off. In blue there are his marks in the international competitions, in light blue there are his marks in the National Championship.

Almost always his marks in the National Championship have been higher than in previous competitions, and very often his marks after the National Championship, while lower than those in the National Championship, are higher than those he received at the beginning of the season. I suspect that the propaganda, the high marks awarded by the national judges, has influenced the international judges.

I’ve done other schemes like this for different skaters (only for the Men’s competition), both for PCS and GOE. I will probably publish them sooner or later.

Anyway, here we see some of the Canadian propaganda in action. I haven’t done anything similar for the ladies, a check would require time. Even without a check, I’m sure that Canada did propaganda trying to aid Osmond. Did it worked? Poor Medvedeva was damaged by bad Canadians? At the Olympic Games Medvedeva won the silver, Osmond won the bronze.

I’m not saying that Canadian propaganda is right, simply at least for now I don’t check in other Canadian propaganda, but I know that it exist. Instead I watched only one thing in the programs skated by Medvedeva at the Olympic Games, the edge of her lutz.

Not the best angle, but in the first screenshot she is tilted towards us, with an outside edge, in the second she has changed inclination, and now the edge is inside. Is it too hard to tell from these images? The doubt to the Technical Panel came, in the third screenshot we see that for the element they called a review.

Who was in the Technical Panel?
Technical Controller: LYNCH Susan
Technical Specialist: CHUNG Jae-Eun
Assistant Technical Specialist: MARTYNOV Yevgeny
I’ve already noticed that sometimes Martynov (a Russian-Ucrainian Specialist that lives in the United States) has some problems with the edge. He can see a wrong edge on a flip, not so much on a lutz.

How was Medvedeva jump?

According to her marks, perfect or almost perfect. Really? This is the replay.

This jump deserved an “e” and a deduction comprised among -2 and -3. So, Osmond can be aided by propaganda, but also Medvedeva received some undeserved gift.

What Vedenin said is really disturbing and should be indagated, but we also must remember that if someone highlighten the fails of the system, perhaps at the same time he is doing propaganda. Of one thing I’m sure: I don’t trust in judges and want a better technology and an AI that can judge the competitions.

Posted in pattinaggio | Tagged | 5 Comments

Push Dick’s Button/1

Sono trascorsi parecchi mesi da quando ho letto Push Dick’s Button, ma per qualche motivo l’ho sempre lasciato da parte, dando la precedenza a qualcos’altro. Rimedio ora con qualche citazione.

Dick Button ha pubblicato il suo libro nel 2013, e in alcuni passaggi è importante ricordare l’anno di pubblicazione. Il tono è un po’ troppo colloquiale per i miei gusti, spesso a livello di chiacchierata, ma molte considerazioni sono interessanti. Non dimentichiamo che Button è uno dei più grandi pattinatori di tutti i tempi. Ha vinto due oro olimpici, nel dopoguerra ci sono riusciti solo in due nella categoria maschile, lui nel 1948 e 1952, Yuzuru Hanyu 66 anni più tardi, nel 2014 e nel 2018. Button è stato il primo pattinatore capace di eseguire un doppio axel, e il primo pattinatore capace di eseguire un triplo loop. Hanyu è stato il primo a eseguire un quadruplo loop e potrebbe diventare il primo a eseguire un quadruplo axel, direi che amano gli stessi salti. Button è stato anche l’inventore della trottola angelo saltata, a livello tecnico era molto superiore rispetto ai suoi avversari sia nei salti che nelle trottole, e secondo le cronache dell’epoca anche la sua sensibilità musicale era notevole. Dopo il ritiro dall’agonismo per moltissimo tempo Button ha commentato le gare per la televisione statunitense, quindi ha contribuito a influenzare la percezione del pattinaggio. Si possono non condividere alcune sue affermazioni, ma è un peccato che i commentatori arrivati dopo di lui non abbiano la stessa competenza e la stessa onestà.

Questo scambio di battute, in termini un po’ diversi, l’ho trovato citato anche da Sonia Bianchetti Garbato in Crepe nel ghiaccio. Il riferimento è a una prestazione di Janet Lynn, medaglia di bronzo olimpica nel 1972 e d’argento mondiale nel 1973.

Years earlier, Jacques Favart, then President of the International Skating Union (ISU), when challenged by someone as to the minimum quantity of jumps and spins, replied, “But she skated, sir”. (For the record, Jacques Favart was the last president od the ISU who was a figure skater–and thad was more than forty years ago!)

Pag. 40

Jacques Favart, in coppia con sua moglie Denise Favart, si è classificato 14° alle Olimpiadi del 1948 e decimo al Campionato del mondo nel 1947 e nel 1949. È morto nel 1980. L’ISU è guidato da decenni da persone che provengono dal pattinaggio di velocità, e mi domando se chi governa l’ISU sia capace di dare le stesse attenzioni, e abbia le stesse competenze, per tutte le discipline di cui si occupa.

Il regolamento dell’epoca era diverso da quello attuale, ora ci sono indicazioni precise sul numero e il tipo di trottole e di salti, ma la frase di Favart, “But she skated, sir continua a essere importante. Lynn era un disastro nelle figure obbligatorie, e questo è il motivo per cui non ha mai vinto l’oro. Ha anche fatto diversi pasticci nei suoi liberi, alcune cadute le sono costate care, ma era espressiva. I suoi programmi erano belli da guardare. Ecco, Favart ha puntato l’attenzione sull’importanza di pattinare, non solo sugli elementi tecnici. Qualcosa che dovrebbe valere anche ora. Con il regolamento attuale gli elementi tecnici sono confluiti nel TES, la capacità di pattinare nel PCS, e assegnare PCS alti a qualcuno che si limita a saltare è un errore enorme e contraddice lo spirito del pattinaggio artistico (oltre che la lettera del regolamento).

Button, ho scritto più in su, era dotato di una sensibilità musicale notevole.

My point here is that the skater should know what the music is about. What is it saying? What is its history, its emotional impact, for both the skater and for the audience? Is the skater merely skating in spite of the music and thinking about launching into the first jump (which is probably the most difficult move) and to heck with the music?

Pag. 44

Queste parole dovrebbero essere scritte in caratteri cubitali sulla copertina di tutti i manuali forniti ai giudici. Il pattinatore deve capire la musica e interpretarla, non limitarsi a cercare su Google in quale lingua sta cantando chi ha composto il pezzo su cui si esibisce. E ciò che fa deve avere un senso per la musica, per il programma nel suo insieme, non essere semplicemente la rincorsa preparatoria per un salto.

Poco più avanti Button si formalizza sulle musiche più usate, Carmen, Lago dei cigni e via dicendo. Siamo in una stagione olimpica, saremo sommersi da musiche di questo tipo. Perché?

Because they’re easy to skate to, have lyrical, sweeping melodies that support edging, and mostly because they’re familiar. The skaters feel comfortable with the familiar

Pag. 46

Penso non solo i pattinatori, ma anche i giudici. La cosa curiosa è che quando un pattinatore europeo o nordamericano propone una musica orientale è esotico e affascinante, quando a farlo è un asiatico è incomprensibile. Anche se il coreografo è un occidentale e quindi il programma riunisce le due diverse sensibilità. Io mi limito a poche frasi, ma Button non potrebbe sottolineare di più l’importanza della musica e del fatto che il pattinatore la deve interpretare, non limitarsi a usarla come sottofondo per i suoi salti.

the music will lead the skater to create a “painting” (and lead us to see it). It can tell a story, set a mood, provide highs and lows, and places for starts and stops. It can aslo provide “negative space”–which can be silence, or a change in dynamics that allows the skater to frame an element, a move, a separate choreographic sequence, or an idea

Pag 52

Giusto per chiarire quanto possa essere espressivo uno stop, basta pensare a questo momento:

Jumps should be important and in years past always were. But they were balanced by a greater emphasis on the marks given for artistic impression […] and by marks in the Compulsory Figures

Pag. 75

Non dimentichiamo che chi scrive è il primo uomo che ha eseguito un doppio axel, e il primo che ha eseguito un salto triplo. E per lui era importante il bilanciamento fra tutto ciò che compone il pattinaggio, e se le figure obbligatorie sono state eliminate nel 1990, i salti non sono tutto, non lo sono mai stato, e la componente artistica, che ora si chiama Components, è importante perché i programmi siano validi e la loro importanza deve essere riconosciuta nel punteggio.

A perfect jump lifts up first; then the skater rotates for however many revolutions; and then a really good the skater will pause for a very shor hang time and then land […]. Also, a good jump should not only have height, but distance as well.

[…] the jump should impact the audience. It should inspire a small burst od exhilaration in us.

Pag. 78

Detto in tempi non sospetti, quando la prerotazione non era la norma. Prima si salta, poi si ruota. Button lo sapeva. Perché l’ISU non ha penalizzato le prerotazioni? Ormai i salti che compiono in aria il numero di rotazioni dichiarate sul protocollo di gara stanno diventando una rarità. Rotazioni, altezza, ampiezza e impatto sul pubblico. Non basta rimanere in piedi per eseguire un buon salto. I GOE dovrebbero tenere presenti tutte le caratteristiche elencate da Button. Button non è un fan di questo codice di punteggi, o almeno non lo era nel 2013, non so se abbia cambiato idea. Ma era perfettamente in grado di riconoscere la qualità dei salti, e anche del pattinaggio nel suo insieme.

A questo segue una considerazione di tipo diverso. Abbiamo sempre sentito dire che l’axel è un salto particolare. Elisa, da cui sto imparando tanto dal punto di vista della tecnica e della fisica legata al pattinaggio (grazie! i tuoi tweet sono sempre preziosissimi) ci spiega perché l’axel è un salto particolare:

L’axel crea un’altra difficoltà, il cambiamento di fronte. Per questa considerazione ringrazio Alessandra Montrucchio, che ha scritto degli interessantissimi post in un gruppo facebook. I post sono stati ripubblicati da Elena C. nel suo blog, con testo in italiano e traduzione in inglese e in giapponese. Vale davvero la pena leggerli. Sull’axel Alessandra ha sottolineato

è anche questa la difficoltà del triplo Axel: staccare in avanti e atterrare all’indietro significa cambiare spot di centoottanta gradi. È un potenziale sbilanciamento, perché in pochi attimi gli occhi, e con loro tutta la testa, devono focalizzarsi su un punto, abbandonarlo, sceglierne un altro.

Quindi abbiamo una difficoltà legata alla tecnica necessaria a effettuare il salto, la difficoltà del cambiamento di fronte, e il problema sottolineato da Button:

Our bodies are built to curl inward toward our stomach, not backward. […] So if we fall while doing a forward edge jump, it can be dangerous! When we fall from a back jump the body curls in and we most likely land on one more soft cushions

Pag. 79

Le cadute sugli axel hanno la tendenza a essere più dolorose rispetto alle cadute sugli altri salti. Sarà anche per questo che il doppio axel è ritenuto molto più difficile degli altri doppi? Sarè per questo che il triplo axel è ritenuto enormemente più difficile rispetto agli altri tripli? Sarà per questo che il quadruplo axel… ok, scherzavo. Il quadruplo axel non è così difficile, anche se al momento nessuno lo ha mai atterrato. Aggiungo solo un’ultima considerazione, legata a un’altra situazione, un infortunio dello stesso Button avvenuto parecchi anni più tardi, ma che si inserisce alla perfezione anche qui:

the forward edge can shoot away at any second and one can go Flop! Flop! Splat!

Pag. 86

Ouch! Ha l’aria dolorosa. Va bene, torno indietro e passo agli axel ritardati. Quelli sono semplici, giusto? In fondo sono solo un giro e mezzo.

Visto che io di tecnica ne so pochino, mi baso sulle parole di un campione.

Ballon is that effervescent nanosecond of movement that you see when a dancer jumps and at the peak of the jump there is a sudden and very slight added suspension, a split second of delay.[…]

Ballon is an appeareance as well as the feeling of weightlessness. It’s French for hang time. Skaters attempt to achieve the extra effect of ballon in a variation called a “delayed Axel.” It was originalli taught by Gustave Lussi, who had learned the principle of delay and suspension as a sky jumper.

Pag. 79

Gustave Lussi, per chi non lo sapesse, ha praticato salto con gli sci e, dopo essersi trasferito negli Stati Uniti, ha allenato numerosissimi campioni, Button compreso. Come ci dice Button,

Gustave Lussi had been a ski jumper and understood both flight and rotation.

In addition, he had an analytical mond, dissected everthing, and broke every moment down into component parts.

Pag. 91

Se togliamo la menzione del salto con gli sci, mi ricorda qualcuno. Però dovrei piantarla di divagare. Concludo con gli axel ritardati:

Delayed Axels were seen more frequently during time when single Axels were still of value. In actuality, delayed Axel is extremely difficult, requires a great level of control

Pagg. 79-80

E visto che a Hanyu le cose semplici non piacciono, lui ha iniziato a fare il suo axel ritardato con le braccia in quinta posizione, come ci spiega (anche in inglese) Alessandra.

Anche se sa che i pattinatori decidono quali elementi inserire nei loro programmi in base ai punti che ne possono ricavare, per Button

it is the overall quality–the smooth entry, the height, the distance, the turns, any space or delay between the turns, and the landing–that remain the most valuable elements in a jump

Pag. 80

Non è che Button ha intenzione di entrare nel comitato tecnico dell’ISU? Secondo me ci sarebbe un gran bisogno della sua competenza.

Quasi a metà libro Button parla delle sue esperienze in gara. Lo stile del libro è personale, ma il libro è sul pattinaggio, non su Button stesso, anche se lui può permettersi di scrivere in un certo modo perché o stato un campione. Nel 1947 Button è arrivato secondo al Campionato del mondo. Non era abituato a pattinare all’aperto, ha faticato ad adattarsi alle condizioni e si è accontentato dell’argento. L’anno successivo, anno olimpico, memore della precedente esperienza si è preparato meglio. Un mese prima delle Olimpiadi ha partecipato al Campionato europeo. Nel 1948 per la prima e unica volta gli Europei sono stati vinti da pattinatori non europei: Button fra gli uomini e la canadese Barbara Ann Scott fra le donne. Visto quello che era successo, l’ISU ha prontamente cambiato il regolamento limitando la partecipazione ai pattinatori europei, che in questo modo avevano la certezza di poter vincere almeno una gara all’anno.

L’ISU è sempre pronto con queste regole, nel 1902 Madge Syers ha vinto l’argento nel Campionato del mondo perché il regolamento non specificava che i pattinatori dovessero essere uomini. Certo, poi è nata la gara femminile, ma solo nel 1906, nell’immediato la mossa è stata di tenere le donne lontane da una cosa da uomini. A volte l’ISU è lento, ma a volte dimostra una prontezza notevole a intervenire.

1948, Campionato europeo, a Praga, su una pista, lo Zimni Stadion, priva di tetto.

The weather was poor and the soft wind that blew down the river and over the rink warmed the ide and melted it. There was water everywhere, and no one could see a figure that was skated. There was little to judge except positions and style

Pag. 101

Quindi nel 1948 il risultato della gara è stato deciso… con quale criterio? Button ha vinto il libero, ma nelle figure lui e Hans Gerschwiler erano molto vicini. Ci sarebbe potuto essere un risultato diverso se il distacco fosse stato maggiore? Se la differenza fosse stata grande sì. Ci sarebbe dovuta essere una differenza maggiore? E chi può dirlo? Button non he ha idea, probabilmente quando era vivo non ne aveva idea neppure Gerschwiler, e dubito che ne avessero idea i giudici. Suppongo che li abbiano piazzati vicini con l’idea di non fare torto a nessuno perché non erano in grado di dare un giudizio obiettivo, ma se – la mia è solo un’ipotesi, non un’accusa – Gerschwiler fosse stato molto più bravo, l’impossibilità a valutare correttamente la gara gli ha fatto perdere l’oro europeo. E magari anche l’oro olimpico, perché come possiamo sapere che i giudici nelle loro valutazioni non sono stati influenzati dal risultato di una gara che si era svolta solo un mese prima? L’unica cosa che sappiamo con certezza è che condizioni meteo avverse hanno portato a un risultato dubbio, uno dei tanti risultati dubbi della lunga storia del pattinaggio.

Andiamo avanti di un po’ di anni. Nel 1962 il Campionato del mondo si è svolto a Praga. La più forte coppia di artistico canadese era quella composta da Maria e Otto Jelinek. I fratelli Jelinek erano nati a Praga negli anni ’40 ma nel 1948, all’inizio della Guerra Fredda, la loro famiglia si era trasferita in Canada. Secondo la legge Cecoslovacca dell’epoca, ogni cittadino di sesso maschile doveva prestare servizio nell’esercito, compresi coloro che avevano abbandonato il paese. Questo significa che Otto Jelinek avrebbe dovuto prestare servizio nell’esercito cecoslovacco perciò, se fosse tornato a Praga, avrebbe potuto trovarsi in guai seri. In questo caso l’ISU ha preso nei confronti del governo cecoslovacco una posizione precisa.

The ISU said, in essence, “Not so, boys; the Jelineks are both Canadians and represent Canada in this event, and if you insist, we will move the event to another country.”

Pag. 142

Come dire… un tempo lo sport poteva far venire i governi a più miti consigli, e proteggere gli atleti. Per inciso, quell’anno gli Jelinek hanno vinto l’oro. Usciamo dalla politica (davvero?) per avvicinarci di più al pattinaggio.

ABC Sports was interested in “the story” more than anything else.

Pag. 144

In realtà lo sapevo, ne avevo già parlato commentando un passaggio del libro di Kelli Lawrence On Air, per la televisione è importante narrare storie. Davvero non c’è politica dietro gli interessi televisivi? Per ora lascio la frase di Button così.

A great skater is definited as someone who not only reaches the top but who also leaver the Fine Art of Figure Skating different and better just because they were there!

Pag. 145

Questa definizione mi piaceva troppo per ignorarla, mi vengono in mente diverse persone, in tutte e quattro le discipline, per cui è perfetta. Mi vengono in mente anche pattinatori, anche pattinatori che hanno vinto tanto, per cui una cosa del genere non può essere detta, ma lasciamo stare e torniamo direttamente a cose che non dovrebbero avvenire. Olimpiadi del 1972, vinte dall’austriaca Trixi Schuba, a detta di Button la migliore pattinatrice sulle figure obbligatorie che lui abbia mai visto. Anche altrove ho visto elogiare Schuba, ho il vago sospetto che nelle figure rasentasse la perfezione.

Her free skating was not superb. She had received marks of first place for the Compulsory Figures and eighth place for the Free Skating.

(Eighth place was a gift.)

Pag. 153

Qui Button ricorda male, Schuba è stata piazzata settima nel libero, all’ottavo posto è stata piazzata la statunitense Julie Holmes, un’altra pattinatrice che prediligeva le figure obbligatorie. Nella classifica finale l’oro è andato a Schuba (prima e settima) davanti alla canadese Karen Magnussen (terza e seconda) e a Janet Lynn (quarta e prima). Botton prosegue con gli errori dicendo che dopo le figure Lynn era settima, mentre al settimo posto c’era la svizzera Charlotte Walter.

Non è che io mi diverta a contraddire Button, per onestà se vedo una svista lo dico. Nessuna delle affermazioni sullo svolgimento delle gare che trascrivo va presa come la verità assoluta, ma alcune affermazioni sono abbastanza gravi da dover spingere a una riflessione. Ci sarebbe dovuta essere un’indagine a suo tempo, e l’ISU dovrebbe comunque interrogarsi non per modificare risultati ormai passati alla storia ma per scoprire se è avvenuto qualcosa che non sarebbe dovuto accadere e, se sì, come fare per evitare che questa cosa si possa ripetere. Va bene,

Janet had a reputation for not being able to do great figures. She was in seventh place after the figures. (As an aside, one of the judges later told her coach Slavka Kohout that a “block” of judges had kept her down in favor of the Austrian.)

Pagg. 153-154

Pur sapendo che Button non è stato preciso nell’indicare i piazzamenti, sono comunque andata a guardare le nazionalità delle pattinatrici e i nomi dei giudici. Fra parentesi indico i piazzamenti nelle precedenti edizioni del Campionato del mondo e, in grassetto, delle Olimpiadi, per capire se da una pattinatrice erano attesi risultati importanti anche prima della gara.

1 Schuba, AUT (9, 5, 4, 2, 2, 1)

2 Magnussen, CAN (12, 7, 7, nd, 4, 3)

3 Lynn, USA (9, 9, 5, 6, 4)

4 Holmes, USA (4, 3, 2)

5 Halmassy, HUN (17, 18, nd, 7, nd, 6, 8, 3, 5, 7)

6 Morgenstern, GDR (28, 20, wd, 11, 6, 5)

7 Trapanese, ITA (13, 25, nd, 13, 8 ,5)

8 Errath, GDR (9)

Christine Errath sarebbe diventata forte dopo, nel 1972 aveva quindici anni. Direi che, Schuba a parte, le pattinatrici più forti erano le nordamericane. Sì, Zsuzsa Halmassy aveva vinto un bronzo mondiale, ma erano trascorsi quasi tre anni e non si era più ripetuta a quei livelli. Vediamo la giuria. Il referee era lo svizzero Karl Enderlin, l’assistant referee Kinuka Ueno, dal nome direi giapponese. I giudici erano l’italiano Michele Beltrami, il russo Valentin Piseev, quel Piseev che ho citato un’infinità di volte, non certo per i suoi giudizi al di sopra di ogni sospetto, e che in seguito sarebbe stato eletto prima a capo della Commissione tecnica dell’ISU e poi a presidente della federazione russa di pattinaggio, quindi la tedesca dell’Est Walburga Grimm, la svedese Ingegarg Lago, l’austriaco Han Kutschera, la canadese Joan MacLagan, la statunitense Marcella Willis, il giapponese Ryuchi Obitani e l’ungherese Klara Kozari. Sarebbe bello conoscere i loro voti. L’ISU potrebbe farci il favore di pubblicarli, anche a distanza di decenni. Sarebbe bello conoscere la storia in modo approfondito. Comunque, come ha notato Button,

It was not easy to control the judges and difficult to thoroughly educate them.

Pag. 154

E su questo penso che siamo tutti d’accordo. Comunque anche stavolta sto andando per le lunghe, il che significa che ho deciso di suddividere i miei commenti sul libro di Button in due post diversi. Per ora mi fermo qui.

Posted in pattinaggio | Tagged | 3 Comments

Small Medals

Before they abolished figures, there were medals awarded to the top three free-skate placings; that tiny bronze medal is something I’m very proud of it. It inspired me in Paris the following year; it was another link in the chain.

Forcing the Edge, pag. 85

Who speak is Kurt Browning, the medal he refers to is the first one he has won in a World Championship. He had already participated in the World Championship in 1987 and the Olympics in 1988, but it is at the 1988 World Championship that he wrote a page of skating history. In that competition he became the first skater capable of landing a quadruple jump. After the compulsory figures he was twelfth, but with the seventh short program and the third free skate he climbed to sixth overall. The medals were won by Brian Boitano, Brian Orser and Viktor Petrenko. But there were other medals at stake, albeit less important.

With the second short program and the first free skate, Orser won the gold small medal, with the best short program and the second free skate Boitano won the silver, and Browning won the bronze, ahead of Petrenko, third in the short, fifth in the free. The following year the World Championship was held in Paris, and Browning won the first of his four world title. The small medal was instrumental in Browning’s wins, it convinced him that he was really strong.

I was unable to find accurate information on small medals. They are probably linked to the birth of the short program. Until 1972 the competitions were made up of compulsory figures and free skate. The figures, however, were boring to watch, very technical, so the television did not transmit them, even if it was the figures that were linked to the greater part of the final score. Skaters very good in figures, a very famous example is Beatrix Schuba, conquered a wide advantage and won important competitions despite not excellent free programs. The public did not understand the result, could not understand it with what they had seen, and believed that the results were biased. To reduce the importance of compulsory figures, since 1973 a third program has been added, the short program. The importance of the three programs was changed several times over time until 1990, the last year in which the figures were part of the competitions.

At least, this happened for Men and Ladies. Pairs and Ice Dance have a little different past: Pairs never had compulsory figures, for Ice Dance the figures were abolished in 2010.

He never won or finished second in a world or Olympic championship, but he was the world free skating champion (combined short and long program finishes) three times.

Figure Skating’s Greatest Stars, pag. 31

Who wrote is Steve Milton, the skater to whom he is referring is Toller Cranston. These are Cranston’s results:

RankCPSPFSSP+FS
1970WC1315 12 
1971WC1115 6 
1972OG912 5 
1972WC59 1 
1973WC5615?
1974WC38111
1975WC4432?
1976OG3712?
1976WC4512?

Two bronzes, at the 1974 World Championship and at the 1976 Olympic Games, but, as Milton said to us, three gold in the free skate (SP+FS). As we can see, Cranston was not really strong in the compulsory figures, but his importance for figure skating is way beyond his medals.

For several (not all) the World Championship of the ’80s. Wikipedia said to us who won the small pedal for the short program+free skate. According to Browning, the small medals were awarded before the abolition of the compulsory figures. Bur now at the World Championship (and also at the European Championship and Four Continents Championship) the ISU award to the skaters small medals for the short program and for the free skate. The small medals were really deleted and subsequently restored, or they were never deleted? I don’t know, I’d like that the ISU someday would publish a book with all the data and the stats.

What I know is that for the skaters even the small medals are important, these medals give to them strength and confidence. Since I like numbers, I checked who won the most small medals, assuming that since 1991 one has been assigned per every program, as is done now.

If this is true, the skater who won the highest numbers of small medals is Michelle Kwan, 18, from 1995 to 2005. Kwan really stand out with a huge number in a lot of year. It’s true that if a skater has competed in a lot of championship he could have won more medal of a skater who competed in less championship, but the longevity of an athlete, especially now, with the increased risk of injury because jumps have more rotations, for me is another sign of his greatness. Remaining at the top for so many years (and every year Kwan has won at least one small medal, only in 1994, when she made her debut at the World Championship at a very young age, did she not win anything) is difficult, and it’s difficult phisically and mentally.

I checked only the Men’s and Ladies’ competitions. With 12 small medals there is Irina Slutskaya. With 10 there is Carolina Kostner. Yuna Kim and Mao Asada are tied with 9. For the men I complied a file Excel (I’m sure to I’m sure I’ve done it for the ladies too, but I can’t find it anymore. I no longer even find a file I had done on the year-end rankings, sometimes finding files on my computer is really complicated).

The gray or light blue colored background indicates that the skater did not participate in the competition (or, in some cases, that he did not compete in the free skate). I checked all the placings of the skaters who have won at least one small medal, highlighting the medals with the three colors. This way we can see where the medals stand in their entire career. Some skaters have participated in the World Championship even before 1991, however even considering a small medal in each of the seasons in which they have obtained important results, no one reaches 10. With different rules, Browning would reach 11, but up to when there were compulsories figures the small medal was one, so he stops at 9. Petrenko won only another small medal, in 1990. Previous skaters, however strong, won less small medals because at that time was awarded only one for World Championship.

There are skaters who had a long career, but were among the best in the world only for a few years. Michal Brezina competed in 11 World Championship, but only in two of his first three he was really competitive. Javier Fernandez started as a not so strong skater, but when he became strong, he was really strong. In his last four partecipation, he always competed for a medal, even if in the 2017 he ended outside the podium. But his gold small medal say to us that he was strong.

In the last three columns I did some sum. The last column is the number of small medals won by every skaters. In green I highlighted the two skaters who won the most, 12, the same number as Irina Slutskaya. They are Patrick Chan and Yuzuru Hanyu. Only Michelle Kwan won a higher number.

The third to last column indicates the number of times each skater has participated in the World Championship. The next column indicates in how many editions of the World Championship that skater has won at least one small medal. For example, Alexander Abt participated in three World Championship, but only in one did he win a small medal. I highlighted in blue when a skater has won at least one small medal in all the World Championships in which he has participated. Three, Yuma Kagiyama, Tatsuki Machida and Kazuki Tomono (curious, all Japanese. Japan has a lot of really strong skaters, and sometimes even one of the best skaters in the world isn’t able to go to the World Championship because in his nation there are several skaters stronger than him) have participated in only one World Championship, so the number is not very significant. Two, Yuzuru Hanyu and Alexei Yagudin, has won at least a small medal in all the World Championship in which they partecipated, 8 Hanyu and 6 Yagudin (Evgeni Plushenko almost did the same, in 2005 he has retired because of an injury). They are the only one that if they went to a World Championship, they were always one of the best skaters in the World.

Posted in pattinaggio | Leave a comment

Salome Chigogidze: strange marks

I know, I’m paying a lot of attention to Salome Chigigidze. I have already published two posts about her, this and this. The reason is simple: when I started doing statistics on the national bias of judges – you can find an explanation of my method here – she stood out. She has judged many competitions, and almost always had a very high bias.

Now Chigigidze was suspended for national bias following incorrect marks awarded at the last World Championship. As I explained in the second post to which I added the link, according to referee Philippe Meriguet there was nothing strange in her way of voting, it was the ISU Disciplinary Commission that said that Chigogidze has a little exaggerated and suspended her. Her story leads me to two simple questions: could it have been noticed before that her marks were incorrect? If so, are there other judges who assign wrong marks and who should be stopped? I’ll answer the first question first.

Chigogidze had already received a Letter of Warning on April 30, 2020, due to the suspicion of National Bias in her marks at the European Figure Skating Championships (which I talked about in the first post I linked to) and the Youth Olympic Games 2020 (which I talked about in the second post). So at least in Spring 2020 the ISU knew that Chigogidze’s marks were biased, but despite this she was allowed to judge the 2021 World Championship. To suspend a judge takes a long time, and perhaps it would be appropriate to shorten this time, also because Chigogidze did not start assigning biased marks in 2020. The table I published for the first time before her suspension shows us her bias values, and as I could have calculated these values, the ISU could have calculated them as well. I am not saying that these numbers should automatically lead to the suspension, but they should push the Disciplinary Commission to do a thorough check. Now I did a more thorough check (not complete, that would take too long).

SkatingScores allows us to see all the competitions judged by each judge, which is very useful for my checks. The competitions judged by Chigogidze can be found here.

If we look at the rankings according to the judges, the strangest marks are highlighted by a different color, green for marks that are too high compared to the average of the other judges, red for those that are too low, so the oddities are also seen at a glance. For the Slovenian stage of the Junior Grand Prix circuit I limited myself to do some sums and to look at the rankings according to Chigogidze. We thus discover that, if she had been the only judge, the Georgian Nika Egadze would have finished the competition in tenth place and not in fourteenth.

Who knows if the referee Franco Benini pointed to the ISU that her marks were a bit strange. We have the best marks in the free skate for Performance. 4.68 in the official protocol, 6.00 for Chigogidze, 3.75 according to the Slovakian Edviga Fialkova. I don’t know how skated Egadze, I don’t know which mark is right (Fialkova’s mark was 0.93 points under the average, Chigogidze mark was 1.32 point over the average) but it’s acceptable a difference so wide?

In the 2017 Junior World Championship Chigogidze’s bias is limited to the short program due to the simple fact that Irakly Maysuradze, with his 35° place, did not qualify for the free skate. When you have a very low base value, the 45° among 45 skaters, you fell on the triple axel, your combination count nothing (1Lz+COMBO), you made a mistake on one of the spins and even the jump preceded by steps, only a double, was not so good, a friendly judge cannot do so much.

The Cup of Austria 2017 is even more fascinating.

In this case I have not highlighted anything, what SkatingScores tells us speaks for itself. In both programs, only two skaters received a lot of help from Chigogidze, the Georgian Nika Egadze and the Russian Evgeni Semenenko. Semenenko? I expected Egadze, but why Semenenko? To understand more, I went to look at who was the Russian judge, and found out that he was an old acquaintance of ours, Alla Shekhovtseva (or Shekhovtsova, transliterations of names from languages that use another writing method often create problems). How judged Shekhovtseva? In this way:

Only two skaters were helped in both programs: the Japanese Sena Miyake (Japan had no judges in this competition) and the Russian Semenenko. In the short program Shekhovtseva showed particular sympathy for Egadze and for the Danish Nikolai Molgaard Pedersen (with him in the free skate she remained quite in line with the other judges), while in the free her sympathies went to the French Luc Economides (but ih the short program she didn’t hepled him) and to Nik Folini (also helped in the short program, but not so much as to be highlighted by SkatingScores).

Sometimes a judge can help a skater he doesn’t care about to muddy things up, not make it clear that he is voting in a specific way. The highest marks for Semenenko are predictable, but remember that saying that certain marks are predictable is not the same as saying they are correct. Those for Miyake surprise me, I take note. Perhaps they mean nothing, perhaps not. Those for Egadze, even if they only arrived in the short program, make me think. Isn’t there a certain sympathy between the Russian and Georgian federations?

This is the short program protocol for Semenenko and Egadze. I pointed out when the two judges who gave the highest mark – and therefore one of the two mark entered in the score – were Shekhovtseva and Chigogidze. The ranking of Egadze has not changed, despite these marks, because the gap from the skaters who preceded him was great.

I had already noticed that in the Components the marks are often very creative, here we can see a certain commonality of judgment. Even where I didn’t do circles, Shekhovtseva and Chigogidze remained far above average, but a third judge anointed them in appreciating the skater. I also note that the Italian judge, Franco Benini, who at least in the short program did not help Nick Folini, still appreciated Semenenko very much, just as Shekhovtseva appreciated Folini.

Did referee Philippe Meriguet notice the strange marks? I don’t know, but I’m afraid not. This time I don’t do sums up and go ahead. But I started getting tired of reading Meriguet’s name as a referee.

Having noticed this detail, I took a step back and returned to the 2017 Junior World Championship, a competition that now i Think I was putting aside a little too quickly just because the Georgian skater had not skated well. Let’s see the scores Chigogidze awarded to the Russian skaters.

Chigogidze awarded to Alexander Samarin high marks in both programs, high marks in the short program and slightly low marks in the free skate to Dmitri Aliev, and low marks in both programs to the American Vincent Zhou. This is the final rank according to her:

Aliev remains second, but for Chigogidze Samarin would have deserved the gold, Zhou would have deserved only the bronze. Here it is difficult to talk about national bias because she is registered for the Georgian federation, the skaters for the Russian one, but some doubts arise. I am not saying that Chigogidze always helps the Russians, if the comparison is between a Russian and a Georgian she helps the Georgian, but if it is between a Russian and a skater from any other nation, perhaps it is good to look carefully at her marks. Junwan Cha, who finished fifth, not so far from the bronze, was also penalized by Chigogidze.

Cha was greatly helped by Korean judge Sung-Hee Koh, another who, it seems, needs a close check. Cha could count on the Korean judge. Zhou did not have a US judge. The Russian judge, Tatiana Sharkina, judged only the short program, and for her the best were the Russians. It’s national bias? I should check Sharkina, but the judges are becoming many and it is difficult to keep up with everyone. Since another name was very familiar to me I did another check.

I checked the ranking of the ten best skaters, at least according to the official result. The first list on the top left is the real ranking with the scores of the short program, the free skate and the total. Then there are the evaluations of the individual judges, grouped into two blocks, depending on whether they judged both programs (left) or only one (right). I highlighted in green the skaters to whom they would have assigned a better ranking, in red those to whom would have assigned a worse ranking.

Okay, according to Koh, Cha deserved the gold. I like Cha more than the other four skaters, but… really? Only two judges felt that Samarin deserved gold and Aliev silver, even the Korean placed Zhou ahead of the Russians. And, honestly, I’m not at all surprised by this discovery. Even before starting to do the math, I was sure that this would be the result. To believe that Samarin and Aliev were the best were Chigogidze and the Kazakh Yuri Guskov, and that the Kazakh judges help Russian skaters (and that Guskov is not the most impartial judge in the world) is something I have known for a while.

I really, really need to find time for Guskov. I checked the behavior of all the judges of all the nations in the Men’s competitions of the Olympic Games, World Championship (only senior), European Championship, Four Continents Championship and Grand Prix series (only senior) towards the best skaters of Canada, China, France, Italy, Japan, Russia, Spain and United States from 2016-2017 season. I need to publish this data, but first I need to look at them closely.

Even without a closer look, these are the most blatant bias (over 10 competitions, bias above +4.00 points or under -4.00 points):

Chinese judges with Chinese skaters, an average of +11.58 point over the official score;
Spanish judges with Javier Fernandez (I watched only the most important skaters, and Spain is the only nation that had only one strong skater), +9.57;
Kazakh judges with Russian skaters, +6.84 points;
Russian judges with Russian skaters, +4.79 points;
American judges with American skaters, +4.60 points;
Italian judges with Italian skaters, +4.47 points;
Spanish judges with Japanese skaters, -4.26 points;
Georgian judges with French skaters, -5.61 points;
Kazakh judges with American skaters, -5.97 points.

There isn’t a bias of Georgian judges on Georgian skaters because I didn’t checked Georgian skaters, otherwise I’m sure that this would have been one of the higher number. I know that changing the names of the skaters I used for the maths the numbers will change, but this is a start for some other checks. For example, now I don’t trust in Kazakh judges.

Let’s not forget that the 2002 scandal is about a French judge who aided a Russian pair, and that in some cases, see Sviatoslav Babenko and Alfred Koritek, the judges have been caught talking each other. Agreements between judges or federations have always existed, so it is the duty of the ISU to question the judges and the regularlity of the competitions whenever the marks seems strange.

For now I watch the protocol of the free skate, a panel of judges in which there wasn’t a Russian judge but there were Chigogidze and Guskov.

I highlighted the highest marks in green, the two lowest marks in red. If three judges gave the same low mark I used orange. With Guskov and Chigogidze that often lined up on the lowest marks, obviously one of the two marks would be in the score. In the Components I highlighted two marks of the Austrian judge Ursula Stahl, but since the last line tells us that Stahl assigned Zhou the third position in the Components, she was strict with every skater. The only three strict with Zhou were the Kazakh, Georgian and Korean, and we know that the Korean rooted for Cha.

In the free skate Guskov aided Aliev in the GOE and in the PCS, Chigogidze only in the PCS, not in the total. Most interesting are Samarin’s scores, particularly in the PCS.

Also Masako Kubota, the Japanese judge, liked Samarin’s program, mostly on the GOE. But to me Guskov and Chigogidze deserves attention also in other competition, not only for their compatriote but also for the way in which they judged the Russian skaters and their rivals.

Agreements between judges are harmful not only because they bring absurd marks into the score, but also because if several judges give strange marks, these marks seems correct. For example, if we look at this SkatingScores scheme, Sharkina’s bias in the short program in favor of Russian skaters is high, 2.47 points, but not very high, it is still less than those 3.00 points that I think should lead to immediate control. The Korean, with 4.53 points (and another 8.70 in the free skate) is the absolute dominator, but also Chigogidze, with his 4.19 points, stands out, and they are not the only judges with high bias. But why is Sharkina’s one acceptable unless checked closely? I watch only Aliev’s short program.

I highlighted only the three (or four, when the third or the fouth mark are the same) highest marks in the somponents. Sharkina is only 1.03 points over the final PCS. Why? Because Guskov’s marks and Chigogidze’s marks raised the score.

For the moment I leave aside this competition and possible agreements between the judges and go back to Chigogidze alone. For the 2017 Minsk Arena Cup, a Junior Grand Prix competition, I limit myself to making two totals and noting that for Chigogidze the Georgian Maysuradze, and not the Russian Igor Efimchuk, deserved the bronze. Eleven points more to the Georgian, four less to the opponent, and for her the medal would have to change owners.

At the Challenger Series Minsk Arena-Ice Star Sergei Voronov scored 250.10 points, Morisi Kvitelashvili 227.31. Gold to Russian, silver to Georgian. Is a difference of 22.79 points too big to try to overturn the result? Well it depends. It depends on how convinced you are of your ideas and how the judges panel is composed. Let’s start with the referee, the Estonian Zanna Kulik. Kulik is one of those judges who at the Sochi Olympics judged the women’s free skate (but not the short program, she was added for the second segment of the competition), so she experienced the situation of being in a controversial judges panel.

The Russian judge is Igor Dolgushin, one who does not convince me too much. I have already done a quick check on him, but I have the feeling that I have looked at him a little too superficially. I’ll have to look at him more carefully. The German judge is Elke Treitz, who I suspect was a fan of Aljona Savchenko even more than I was, and I have been rooting for her since before she won her first European championship. But I don’t judge the competitions, Treitz does. The Ukrainian judge is Yury Balkov, and a book could probably be written about Balkov. There is at least one other name I will have to ponder, but not now. In fact, if there are many suspicious judges in a panel of judges, all take the votes of the others for good, because if a check starts, you don’t know where it can go.

So, how Chigogidze voted? So:

I only highlighted the marks assigned solely by Chigogidze, but also in the other cases with Voronov Chigogidze was on the strict side, with Kvitelashvili she was on the generous. Result? According to her, Voronov deserved 238.66 points, Kvitelashvili 242.40. A huge difference. Chigogidze should have been disqualified – not suspended, disqualified – as early as 2017.

What say to us Chigogidze’s story? That the ISU is very slow to detect biased judges and to suspend them. The ISU could have seen that Chigogidze is biased in 2017, they suspended her in 2021, 4 years later. 4 years. How many skaters were robbed of the result of their efforts by Chigogidze?

And there’s another problem. Chigogidze received a Letter of Warning in 2020. A judge isn’t suspended if he is guilty. A judge is suspended if he is guilty several times in a certain time. Why Chigogidze was suspended? Because she was recognised as biased in January 2020 and in March 2021. If after the letter of warning she didn’t judged any competition, she could not receive other complaints, her warning would have expired, and she would never be suspended. Chigogidze is only one of the two Georgian international judges. If a Georgian judge is selected for an important competition, the Georgian Federation send her (or Yulia Levshunova, another really biased judge). So if after a warning Chigogidze judges a competition her usual way, she can be suspended. But if a judge from a big federation receive a warning, the federation can send to the competition other judges. In some times, the warning expire, and at this point the judge, again innocent like an angel, can judge another competition.

Let’s imagine a little. What could happen if a judge from a major federation received a warning for absurd marks in PyeongChang? His federation could have kept him (or her) at rest, assigning him (her) only a few local competitions, in order to send again him (her) at the most iimportant competitions when the warning expired. Does anyone come to mind?

The big federations can play on this mechanism. The warning should be given not only to the judge but also to his federation, it should be given more quickly, and it should not be expire, at least the one for the federation. Is a certain number of judges biased? All judges of that federation should be suspended. Otherwise, the strongest federations keep doing what they like.

Several months ago I calculated the national bias of all the judges from the 2016-2017 to the 2019-2020 season in the Olympic Games, World Championship (junior and senior), European Championship, Four Continents Championship, Grand Prix competition (Final included, junior and senior), Challenger Series and World Team Trophy. I put the data here. The text is in Italian, but if you scroll you’ll find all the names in two columns. On the left the names are in alphabetical order, on the right they are ordered from the highest to the lowest bias. There are some small mistekes on the way in which some name is written, when I found them I corrected them.

The list is a starting point for a more accurate control, preferably on the judges who have judged many competitions and who have a high bias. Indeed Chigogidze in this list is at the top, in the first screenshot. In the second there are Philippe Meriguet and Elke Treitz, whom I mentioned in this post, and they are all ahead of Weiguang Chen, suspended after the PyeongChan Olympics. ISU, wouldn’t it be worth doing some checks? Feng Huang, also suspended after PyeongChang, is in the seventh screenshot. Wouldn’t it be worth checking all the judges who have a higher bias than him? To make things easier, I quote their names here:

Helen Beale, AUS

Sarah Hanrahan, GBR

Lee Tae Ri, KOR

Akos Pethes, HUN

Francesca Mineo, ITA

Silaoglu Tanay Ozkan, TUR

Bing Han, CHN

Larry Mondschein, USA

Elena Lisova, RUS

Allan Bohem, SVK

Jia Yao, CHN

Corinna Gundlach, GER

Philippe Meriguet, Fra

Natalia Khakimova, UZB

Anna Kantor, ISR

Hui Liu, CHN

Hea-Kyung Kim, KOR

Guona Zhao, CHN

Elke Treitz, GER

Weiguang Chen, CHN

Zhanna Shemet, BLR

Guangying Qin, CHN

Ece Esen, TUR

Clement Perrigouard, FRA

(Sharon Rogers, USA, retired)

Jeff Lukasik, CAN

Valery Maksaev, UKR

Adriana Domanska, SVK

Danuta Dubrowko, POL

Xixia Liu, CHN

Kari-Anne Olsen, NOR

Malgorzata Sobkow, POL

Attila Soos, HUN

Anastassia Makarova, UKR

Natalia Bogush, RUS

Valeria Rosa, ITA

Yuolia Levshunova, (BLR) GEO

Alexandere Gorojdanov, BLR (already suspended and retired, if nothing has changed from my last information)

Sissy Krick, GER

Alexei Beletski, ISR

Ekaterina Zabolotnaya, GER

Malgorzata Grajcar, POL

Limin Jao, CHN

Sylvain Guibord, CAN

Isabella Micheli, ITA

Eric Hampton, USA

Georg Krummenacher, SUI

Michela Cesaro, ITA

Larissa Shuljateva, EST

Rengin Gunaydin, TUR

Erica Topolski, CAN

Anna Chatziathanassiou, GRE

Virpi Kunnas-Helminen, FIN

Daniel Delfa, ESP

Kuo-Chih Chen, TPE

Karol Pescosta, ITA

Kathaleen Cutone, USA

Leslie Keen, CAN

Marina Souchkova, RUS

Hans-Ulrich Luethi, SUI

Katarzyna Zakowska, POL

Irina Medvedeva, AZE/UKR

Yoon Kyung Lee, KOR

Lorrie Parker, USA

Zoia Yordanova, BUL

Ludmila Mikhailovskaya, UKR

Eva Szilagyi, HUN

Gloria Morandi, ITA

Janis Engel, USA

Feng Huang, CHN.

I stopped to a judge that was suspended and that had an average bias of 8.90 points. All the judges that I named deserves a serious check, and also some judge that isn’t among them. I don’t have enough time do check them all, so I will check the judges who inspires me the most. But the ISU should check them all, and also the others. Guskov’s bias is only of 6.00 points, but I don’t trust in him. And he isn’t the only one. Also crossed checks must be done. For now I only do the link at some data that I’ve already published.

In the last post that I linked you can find the average bias of every judge. But if you want to know from which competitions come my numbers, I published all the data in 7 posts. The judges are listed in alphabetical order: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7.

Posted in pattinaggio | Tagged | 3 Comments