Kurt Browning: Relax ai Campionati del Mondo del 1988

Kurt Browning in Tequila

Kurt Browning è andato ai Mondiali del 1988 con due obiettivi. Uno era quello di realizzare un salto quadruplo, ma di quello parlerò quando commenterò il programma lungo. L’altro era di migliorare la sua posizione nella classifica mondiale. Nel 1987 si era piazzato quindicesimo dopo un quattordicesimo posto nelle figure obbligatorie, un diciannovesimo posto nel programma originale a causa di una caduta nella combinazione e un quattordicesimo posto nel libero. Già alle Olimpiadi del febbraio 1988 aveva fatto un bel passo in avanti chiudendo ottavo (undicesimo, settimo e sesto nelle varie fasi della gara), ma ovviamente il desiderio era di fare sempre meglio.
Una bella doccia fredda sono state le figure obbligatorie, che lo hanno visto piazzarsi dodicesimo anche se il ritiro di Alexandr Fadeev, che era in testa, dovuto al riacutizzarsi di un infortunio precedente, aumentava le sue probabilità di finire nei primi 10.
La classifica parziale, prima del ritiro di Fadeev, era:
1 Alexandr Fadeev
2 Grzegorz Filipowski
3 Brian Boitano
4 Heiko Fischer
5 Brian Orser
6 Viktor Petrenko
7 Christopher Bowman
8 Vladimir Petrenko
9 Oliver Honer
10 Ralph Burghart
11 Petr Barna
12 Kurt Browning
13 Paul Wylie
14 Cameron Medhurts
15 Makoto Kano
Il programma obbligatorio, come già nella stagione precedente, era Relax, con musica di Frankie Goes to Hollywood. Un errore nella combinazione comunque gli ha impedito di ottenere i punteggi che avrebbe voluto lui, e anche se il settimo posto in quella fase di gara gli ha consentito di entrare nei primi 10, con un nono posto complessivo, fino a quel momento il Mondiale gli aveva dato meno di quel che avrebbe sperato. Questi i suoi punteggi:
5,1 – 4,9 – 5,1 – 5,2 – 5,1 – 5,1 – 5,2 – 5,2 – 5,0
5,5 – 5,4 – 5,4 – 5,6 – 5,5 – 5,4 – 5,6 – 5,6 – 5,4
Questo è il suo esercizio:


La classifica del programma obbligatorio:
1 Brian Boitano
2 Brian Orser
3 Viktor Petrenko
4 Grzegorz Filipowski
5 Petr Barna
6 Heiko Fischer
7 Kurt Browning
8 Paul Wylie
9 Christopher Bowman
10 Cameron Medhurst
11 Vladimir Petrenko
12 Neil Paterson
13 Oliver Honer
14 Paul Robinson
15 Lars Dresler
Il programma originale è stata per Kurt l’ultima gara da outsider. Con il programma libero ha dimostrato che da quel momento in poi tutti avrebbero dovuto prestargli una notevole attenzione. Ma di questo parlerò la prossima volta.

Advertisements
This entry was posted in pattinaggio and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s