Campionato del Mondo 1989: individuale femminile

Midori Ito

 

La gara dell’indivuduale femminile dei Campionati del Mondo del 1989 è stata la prima manifestazione di pattinaggio artistico che io abbia mai guardato. Non tutta la gara per la verità, solo il programma libero e solo dall’esercizio di Midori Ito in poi. Mi sono imbattuta nella gara per caso, mi sono fermata spinta da una moderata curiosità, ho sentito la commentatrice esaltarsi per quel triplo Axel come se fosse qualcosa di storico – era qualcosa di storico, ma il suo valore lo avrei capito bene solo in seguito – e mi sono incuriosita così tanto da rimanere a vedere la gara fino alla fine. Alla fine mi sono resa conto di essermi divertita, tanto è vero che il giorno dopo ho acceso la televisione apposta per guardare il galà. Ero diventata un’appassionata di pattinaggio artistico e danza su ghiaccio. Ma com’è andata la gara?

Ha vinto Midori Ito, capace di un esercizio tecnicamente fenomenale. Non sarei mai davvero diventata una sua tifosa, sono altre le atlete che hanno colpito la mia immaginazione, ma mi è sempre stata simpatica. Forse perché è stata la prima che ho visto, forse perché proveniva da un paese, il Giappone, che ancora non aveva fatto nulla di importante nel pattinaggio, forse perché tecnicamente era un fenomeno e non si arrendeva mai. Il suo tallone d’achille erano le figure obbligatorie, nelle quali quell’anno si era piazzata al sesto posto. E questo per lei era un piazzamento notevole. Nel 1984 era stata 16° nelle figure obbligatorie, 4° nel programma originale, 4° nel libero e complessivamente 7°. Nel 1985 non era andata ai Mondiali (a Tokyo!) per colpa di una frattura all’anca, nel 1986 era stata 19° nelle figure obbligatorie, 8° nel programma originale, 6° in quello libero e complessivamente 11°. Nel 1987 ancora 14° nelle figure obbligatorie, 3° nel programma originale, 4° nel libero e 8° in totale. Nel 1988 14° nel libero, 3° nel programma originale, 3° nel libero e 6° in totale. Alle Olimpiadi del 1988 aveva ottenuto il suo miglior risultato fino a quel momento, 10° nelle figure obbligatorie, 4° nel programma obbligatorio, 3° in quello libero per un complessivo 5° posto. Insomma, quando c’era da saltare o interpretare era fra le migliori, ma tracciare le figure sul ghiaccio proprio non faceva per lei anche se nel 1989 era migliorata significativamente. Un 6° posto nel primo giorno di gara la costringeva all’inseguimento ma non distruggeva le sue speranze di una medaglia. Ricordo che proprio in quello stesso anno Kurt Browning si era piazzato quinto nelle figure obbligatorie e poi si era laureato campione del Mondo vincendo sia il programma tecnico che quello libero. La Ito ha dovuto recuperare qualcosa in più, ma anche lei ha vinto i due programmi, tecnico e libero, ed è diventata la campionessa.
Il programma tecnico di Midori Ito:

Il programma libero:

Notare il punteggio tecnico, cinque 6,0 e quattro 5,9. Il punteggio artistico, due 5,9 e sette 58, al confronto sembra basso! Seconda si è piazzata la campionessa europea Claudia Leistner, prima nelle figure obbligatorie, terza nel programma originale e seconda nel libero nonostante una caduta. Il suo programma tecnico:

Il programma libero:

La Leistner, come si vede dalle immagini, aveva pattinato prima della Ito. Chi ha pattinato dopo è stata Jill Trenary, e purtroppo per lei la campionessa americana non ha retto alla pressione di dover pattinare subito dopo uno di quegli esercizi che hanno fatto la storia del pattinaggio artistico. Seconda nelle figure obbligatorie e nel programma tecnico, cosa che l’aveva posta temporaneamente in testa alla classifica, con il terzo libero è scivolata in terza posizione.
Il programma corto:

Il programma libero:

Il piazzamento che mi interessa, anche se all’epoca non lo sapevo, è quello di Kristi Yamaguchi, la prima donna per cui avrei davvero tifato dall’anno successivo. Nel 1989 non sono riuscita a vederla: ho iniziato a guardare le gare troppo tardi. Quell’anno Kristi si è piazzata quinta nella gara delle coppie di artistico insieme a Rudi Galindo e, al suo primo mondiale senior nel singolo femminile (l’anno prima era diventata campionessa del Mondo junior), è arrivata sesta. Dodicesima dopo le figure obbligatorie – e sono molto contenta che siano state eliminate – quinta nel programma obbligatorio, risultato che le ha consentito di salire in nona posizione, e quarta nel programma libero per il sesto posto finale. Ottimo esordio.
Il suo programma tecnico:

Il programma libero:

C’è una caduta, ma c’è anche una combinazione con il triplo Lutz – salto che non erano in molte a saper fare – alla fine del programma. Noto anche la nona posizione di Beatrice Gelmini, la sua migliore posizione di sempre in un Mondiale, e la decima di Surya Bonaly, ragazzina che avrebbe ottenuto notevoli risultati negli anni seguenti. La classifica finale:

1 Midori Ito, Japan, 4.0 (6, 1, 1)
2 Claudia Leistner, West Germany, 4.2 (1, 3, 2)
3 Jill Trenary, United States, 5.0 (2, 2, 3)
4 Patricia Neske, West Germany, 11.6 (5, 6, 6)
5 Natalia Lebedeva, Soviet Union, 11.6 (3, 4, 8)
6 Kristi Yamaguchi, United States, 11.8 (12, 5, 4)
7 Evelyn Großmann, East Germany, 16.6 (14, 10, 5)
8 Natalia Gorbenko, Soviet Union, 17.4 (4, 8, 11)
9 Beatrice Gelmini, Italy, 18.6 (11, 7, 10)
10 Surya Bonaly, France, 18.8 (16, 9, 7)
11 Karen Preston, Canada, 22.4 (17, 11, 9)
12 Simone Lang, East Germany, 23.8 (10, 13, 12)
13 Yvonne Pokorny, Austria, 27.0 (9, 14, 15)
14 Tamara Téglássy, Hungary, 28.8 (13, 16, 14)
15 Junko Yaginuma, Japan, 29.2 (15, 12, 16)
16 Charlene Wong, Canada, 29.2 (8, 15, 17)
17 Željka Čižmešija, Yugoslavia, 34.2 (7, 19, 20)
18 Yvonne Gómez, Spain, 34.6 (24, 20, 13)
19 Helene Persson, Sweden, 37.2 (21, 18, 18)
20 Petra Vonmoos, Switzerland, 38.0 (22, 17, 19)

 

Advertisements
This entry was posted in pattinaggio and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s