Goodwill Games 1990: programma libero maschile

Goodwill Games 1990. Non erano né Mondiali né Olimpiadi, ma il campo dei partecipanti era buono e i vincitori si sono tutti rivelati dei campioni. Solo nella danza si è piazzata terza una coppia che non ha vinto nessuna medaglia importante, battendo una coppia di giovani atleti che avrebbero ottenuto risultati straordinari negli anni successivi.

Fra le donne ha vinto Kristi Yamaguchi (in seguito due Campionati del Mondo, nel 1991 e 1992, e il titolo olimpico 1992) seconda Jill Trenary (prima ai Mondiali del 1990), terza Surya Bonaly (campionessa europea cinque volte di fila fra il 1991 e il 1995 e seconda ai Mondiali tre volte fra il 1993 e il 1995), quarta Karen Preston, quinta Nancy Kerrigan (argento alle Olimpiadi del 1994 e ai Mondiali del 1992, bronzo alle Olimpiadi del 1992 e ai Mondiali del 1991), sesta Tatiana Rachkova, settima Natalia Lebedeva (seconda agli Europei 1989 e 1990), ottava Margot Bion.

Nelle coppie di artistico hanno vinto i soliti Ekaterina Gordeeva e Sergei Grinkov (per loro in tutto due titoli olimpici, quattro mondiali e tre europei), secondi Natalia Mishkutenok e Artur Dmitriev (titolo olimpico nel 1992, mondiale ed europeo nel 1991 e 1992, secondi alle Olimpiadi del 1994, lui avrebbe conquistato un altro titolo olimpico nel 1998 con Oksana Kazakova), terzi Elena Bechke e Denis Petrov (secondi alle Olimpiadi del 1992 e agli Europei del 1991 e 1992, terzi ai Mondiali del 1989), quarti Natasha Kuchiki e Todd Sand (terzi ai Mondiali del 1991), quinti Michelle Menzies e Kevin Wheeler, sesti Sharon Carz e Doug Williams, settimi Calla Urbanski e Mark Naylor, ottavi Patricia MacNeil e Cory Watson.

Nella danza hanno vinto Marina Klimova e Sergei Ponomarenko (campioni olimpici 1992, mondiali 1989, 1990 e 1992 ed europei quattro volte di fila fra il 1989 e il 1992, secondi alle Olimpiadi del 1988, ai Mondiali quattro volte di fila fra il 1985 e il 1988 e ancora nel 1991 e agli Europei tre volte di fila fra il 1985 e il 1987, terzi alle Olimpiadi e agli Europei del 1984), secondi Maia Usova e Alexandr Zhulin (campioni del mondo ed europei nel 1993, secondi alle Olimpiadi del 1994, ai Mondiali del 1989 e 1992 e agli Europei del 1989, 1990, 1992, terzi alle Olimpiadi del 1992, ai Mondiali del 1990 e 1991 e agli Europei del 1991 e 1994), terzi Susan Wynne e Joseph Druar, quarti Oksana Grishuk ed Evgeni Platov (campioni olimpici del 1994 e 1998, campioni del mondo quattro volte di fila fra il 1994 e il 1997 e campioni europei tre volte di fila fra il 1996 e il 1998), quinti Michelle MacDonald e Mark Mitchell, sesti April Sargent e Russ Witherby, settimi Jacqueline Petr e Mark Janoschak.

In campo maschile si è piazzato ottavo Grzegorz Filipowski, ottavo dopo il programma tecnico e ritirato senza pattinare il libero. Primo a scendere sul ghiaccio dopo il riscaldamento è stato Todd Eldredge, quinto dopo il programma corto. Con il terzo programma lungo alla fine si è piazzato terzo. All’inizio del video c’è una breve intervista a Browning, l’esercizio inizia dopo 2’50’’:

Michael Slipchuk, settimo nel programma corto, settimo in quello lungo, ha conservato il settimo posto finale:

Sesto nel programma originale, sesto in quello libero, sesto alla fine, è stato Christopher Bowman:

Viktor Petrenko era in testa alla gara dopo aver eseguito un programma tecnico straordinario. Il suo esercizio inizia dopo 2 minuti, preceduto da un’intervista a Paul Wylie. Il programma era iniziato in modo perfetto: combinazione triplo Lutz-triplo toe loop, triplo Salchow, triplo Lutz, poi sono iniziati i problemi. Un Flip singolo invece di un triplo può anche andare se è l’unico errore, e il triplo loop tenuto lottando ci sta, ma quando il toe loop da triplo è diventato doppio e il secondo triplo Axel si è concluso con una caduta lo spazio lasciato a disposizione per i suoi avversari era tanto.
L’esercizio:

Technical merit: 5,8 – 5,8 – 5,7 – 5,7 – 5,7 – 5,6 – 5,7
Artistic impression: 5,9 – 5,9 – 5,8 – 5,8 – 5,8 – 5,7 – 5,8

Paul Wylie, che era quarto, ha pattinato il quarto programma lungo e ha mantenuto la quarta posizione. L’esercizio è seguito da un’intervista all’atleta:

Viacheslav Zagorodniuk, terzo dopo la prima parte della gara, con il quinto programma lungo è sceso in quinta posizione. Il suo video non è disponibile.

Ultimo è sceso in pista Kurt Browning, che partendo dalla seconda posizione ha presentato il suo nuovo programma, Sons of Italy. L’esercizio era talmente nuovo per lui che alla fine ha dichiarato che una buona parte della sua concentrazione si trovava nel ricordare cosa dovesse fare. La coreografia è di Bryan Powers, e nel corso del tempo avrebbe subito diversi perfezionamenti in modo da renderla il più coinvolgente possibile per i Mondiali del 1991. Il programma non è pattinato in modo perfetto: Kurt cade sulla combinazione iniziale, triplo Axel-triplo toe loop – era la prima volta che la presentava in gara, avendo iniziato a provarla solo un paio di settimane prima dei Mondiali – sul quadruplo toe loop mette giù anche il secondo piede – ma comunque tiene il salto, e ricordo che fino a quel momento solo lui era stato capace di atterrarlo perfettamente in qualche competizione – e poi fa un altro paio di errori minori, trasforma un ipotetico triplo loop in un doppio e non atterra perfettamente il doppio Axel finale, e l’insoddisfazione per un programma non eseguito al meglio si vede dalla sua espressione. L’esercizio è seguito da un’intervista a Browning.

Technical merit: 5,8 – 5,7 – 5,8 – 5,8 – 5,8 – 5,8 – 5,7
Artistic impression: 5,8 – 5,9 – 5,9 – 5,9 – 5,9 – 5,8 – 5,7
Con una preferenza di quattro giudici contro tre Kurt ha vinto la competizione.

La classifica finale:
1 Kurt Browning 2,0 (2, 1)
2 Viktor Petrenko 2,5 (1, 2)
3 Todd Eldredge 5,5 (5, 3)
4 Paul Wylie 6,0 (4, 4)
5 Viacheslav Zagorodniuk 6,5 (3, 5)
6 Christopher Bowman 9 (6, 6)
7 Michael Slipchuk 10,5 (7, 7)
8 Grzegorz Filipowski ritirato (8, rit.)

Advertisements
This entry was posted in pattinaggio and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s