Shannon Miller al Trinacria d’oro 1990

Nel 1990 ero orfana di Daniela Silivas. La ginnasta romena, i cui esercizi mi avevano colpita così tanto alle Olimpiadi del 1988, si era ritirata l’anno prima per colpa di un infortunio al ginocchio che l’aveva costretta a un’operazione e dei cambiamenti politici avvenuti nel suo paese, cambiamenti che avevano comportato la chiusura della palestra in cui lei si allenava. Ero riuscita a vederla in tre sole competizioni, Olimpiadi del 1988 ed Europei e Mondiali nel 1989, anche se con internet sto recuperando i vecchi esercizi. Da quel momento sarei sempre rimasta una fan della scuola romena di ginnastica, tifando per le varie Lavinia Milosovici, Simona Amanar, Andreea Raducan o Sandra Izbasa, anche se quando un’atleta mi colpisce davvero della sua nazionalità non m’importa nulla.

La prima che ho notato è stata una ragazzina americana in una competizione giovanile disputata in Italia, il Trinacria d’oro. Ai Mondiali del 1989 la squadra femminile americana era arrivata quarta con la sua prima atleta, Brandy Johnson, che si era piazzata solo settima nel concorso individuale. Lo so, nell’occasione la Silivas è arrivata addirittura dodicesima, ma soltanto perché non ha minimamente provato a rimanere sulla trave dopo da delusione del 10,00 (giustamente) ottenuto da Svetlana Boginskaya che le aveva matematicamente impedito di conquistare il titolo assoluto. La Johnson avrebbe poi vinto un bronzo al volteggio, specialità che non amo, e sarebbe stata l’unica medaglia femminile americana. La squadra avrebbe avuto solo altre due finaliste nel volteggio.

Tifare per un’americana? Terribilmente improbabile, c’erano altre atlete che mi piacevano di più. La stessa Boginskaya, che per me era una rivale ma che non potevo fare a meno di ammirare. Eppure nel Trinacria sono stata colpita da questa ragazzina di 13 anni. Avrebbe partecipato ai suoi primi Mondiali solo l’anno dopo, vincendo un argento alle parallele con cui avrebbe iniziato la sua collezione di sei medaglie d’oro (due nel concorso individuale), tre d’argento e due di bronzo fra Mondiali e Olimpiadi nelle competizioni individuali. Il suo nome era Shannon Miller. Ovviamente ha vinto la gara. Questo è il suo esercizio alla trave:

 

Advertisements
This entry was posted in ginnastica artistica and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s