Jana Novotna: il 1993 dalla Fed Cup a Brighton

Fed Cup, Francoforte, terra, 19-25 luglio

1T batte Amanda Coetzer 6-1, 6-4. Confronti diretti 1-0.

La Repubblica Ceca batte il Sud Africa 2-1 (vittorie di Helena Sukova su Rosalyn Fairbank e di Amanda Coetzer/Elna Reinach su Andrea Strnadova/Radka Zrubakova).

2T battuta da Sandra Cecchini 0-6, 6-2, 6-3. Confronti diretti 1-1.

Insieme a Helena Sukova batte Sandra Cecchini/Francesca Bentivoglio 6-2, 6-2.

La Repubblica Ceca batte l’Italia 2-1 (vittoria di Helena Sukova su Francesca Bentivoglio).

Q battuta da Nathalie Tauziat 6-1, 0-6, 6-3. Confronti diretti 3-2.

La Francia batte la Repubblica Ceca 3-0 (vittorie di Julie Halard su Helena Sukova e di Isabelle Demongeot/Pascale Paradis su Andrea Strnadova/Radka Zrubakova).

.

Toronto, cemento, 16-23 agosto, tier I, 750.000 dollari.

È la testa di serie numero 5.

1T bye.

2T batte Marianne Werdel 6-1, 6-2. Confronti diretti 3-0.

3T battuta da Nathalie Tauziat (tds 12) 2-6, 6-4, 6-3. Confronti diretti 3-3.

Gioca il doppio con Larisa Neiland. sono la testa di serie numero 1.

1T bye.

2T battono Manuela Maleeva/Lisa Raymond 6-3, 6-4.

Q battono Rika Hiraki/Mercedes Paz 3-6, 6-2, 6-3.

S battono Rosalyn Fairbank/Chanda Rubin 7-6, 7-6.

F battono Arantxa Sanchez/Helena Sukova (tds 2) 6-1, 6-2.

.

WTA 8, media 133,21.

.

New York. Con Arantxa Sanchez disputa un’esibizione in favore dell’associazione Arthur Ashe. Il tennista americano era morto il 6 febbraio 1993 di AIDS, malattia contratta a seguito di una trasfusione di sangue effettuatagli nel corso di un’operazione cardiaca.

.

US Open, cemento, 30 agosto-12 settembre, 3.967.250 dollari.

È la testa di serie numero 8.

1T batte Angelica Gavaldon 6-2, 6-4.

2T batte Iva Majoli 6-3, 6-0.

3T batte Laura Golarsa 6-4, 6-3.

Di questo incontro ha parlato Massimo Lopes Pegna in un articolo per La gazzetta dello sport: “Laura  Golarsa però ha fatto una buona figura contro la più forte avversaria, finalista quest’anno a Wimbledon. E ha avuto anche l’onore di giocare nel mitico stadio Armstrong: «Pensavo fosse più difficile giocare sul centrale – dice Laura – Quando si è abituati a giocare in campi minori, trovarsi nello stadio dà la sensazione che le misure siano diverse. Ma ho superato in fretta lo smarrimento».

Dopo una brutta partenza (si è trovata subito sotto 0-4), la Golarsa ha saputo recuperare e sul 4-5 si è trovata sulla racchetta una palla per il 5 pari, che la potente avversaria ha però annullato con tre servizi vincenti consecutivi. Nel 2° set le occasioni sono state ancora più ghiotte: la Golarsa è salita 2-1 e ha avuto a disposizione quattro palle per il 3-1. Ma ancora una volta le ha gettate al vento: «È questo il rimpianto più grosso – spiega –. Contro di lei ho giocato due match a Wimbledon: abbiamo vinto una volta a testa. Ogni tanto in passato regalava qualche punto, oggi non lo fa più». Anche ieri, però, la Novotna qualche regalo l’ha fatto. Dopo il mancato 3-1, le due giocatrici si sono scambiate due volte il servizio. Poi, sul 3 pari, la ceca ha ripreso il comando delle operazioni e ha concluso 6-3.”

Jana non ha smesso di fare regali, semplicemente dal 1989, anno della vittoria della Golarsa, è cresciuta parecchio, il che significa che per perdere da una giocatrice del livello della Golarsa di regali ne doveva fare davvero tanti. Comunque Laura dice che in passato Jana regalava qualche punto, e io mi domando quanti ne abbia regalati in quel lontano incontro di terzo turno conclusosi con il punteggio di 7-6, 2-6, 6-4. Non l’ho indicato come uno dei match buttati via da Jana perché non ne ho un resoconto e ricordo ben poco di quel che ha detto Rino Tommasi nel commentarlo, oltretutto all’epoca io tifavo vagamente per la Golarsa e non avevo idea di chi fosse la Novotna. Però il primo set lo ha perso al tiebreak, e il terzo 6-4, e l’ho vista più volte dominare un set fino a quando non è arrivata a 4, magari con qualche palla per il 5 (3 in due game diversi all’ultimo Wimbledon, giusto per citare il caso più famoso) e poi buttare tutto alle ortiche.

4T battuta da Kimiko Date 6-4, 6-4. Confronti diretti 1-1.

Gioca il doppio con Larisa Neiland. Sono la testa di serie numero 2.

1T battono Linda Harvey Wild/Judith Wiesner 6-2, 6-2.

2T battute da Sandy Collins/Marianne de Swardt 4-6, 6-2, 6-1.

.

La classifica aggiornata al 13 settembre:

media punti
1 Graf 376,43 6399,27
2 Sanchez 238,06 4285,02
3 Navratilova 226,79 9248,30
4 Seles 212,36 2548,27
5 Martinez 163,23 2447,87
6 Sabatini 159,80 3036,14
7 M.J. Fernandez 146,03 2190,37
8 Novotna 138,56 2355,57
9 Capriati 123,67 1731,44
10 Huber 109,35 1859,00

.

Lipsia, indoor, 27 settembre-3 ottobre, tier II, 375.000 dollari.

È la testa di serie numero 3.

1T batte Miriam Oremans 6-7, 6-1, 6-1. Confronti diretti 2-0.

2T batte Christina Singer (WC) 6-2, 6-4.

Q batte Magdalena Maleeva (tds 6) 6-3, 6-2. Confronti diretti 1-0.

S batte Conchita Martinez (tds 2) 6-1, 6-1. Confronti diretti 2-0.

F battuta da Steffi Graf (tds 1) 6-2, 6-0. Confronti diretti 3/18.

Gioca il doppio con Larisa Neiland. Sono la testa di serie numero 2.

1T battono Sabine Lohmann/Beate Reinstadler (q) 7-6, 6-1.

Q battono Renata Kochta/Caroline Schneider 6-2, 6-0.

S battono Anke Huber/Barbara Rittner 3-6, 7-6, 6-3.

F battute da Gigi Fernandez/Natasha Zvereva (tds 1) 6-3, 6-2.

.

WTA 8, media 143,10

.

Zurigo, indoor, 4-11 ottobre, tier I, 750,000 dollari.

È la testa di serie numero 2.

1T battuta da Sandra Cacic (q) 2-6, 7-5, 6-1.

Gioca il doppio con Larisa Neiland. Sono la testa di serie numero 2.

1T battono Natalia Medvedeva/Barbara Rittner 6-3, 6-4.

Q battono Kristie Boogert/Emanuela Zardo 6-2, 6-2.

S battute da Zina Garrison/Martina Navratilova 7-5, 7-6.

.

WTA 8, media 136,85.

.

Un articolo di Simon O’Hagan datato 16 ottobre 1993 e intitolato Profile: Serious intent of a ‘choker’ – Jana Novotna. Al suo interno il giornalista presenta il torneo di Brighton e di Jana, con ovviamente ampio spazio dedicato all’ultimo Wimbledon (http://www.independent.co.uk/sport/profile-serious-intent-of-a-choker-jana-novotna-1511203.html):

IT IS already one of the enduring images of 1993. A tearful young blonde-haired woman, her face a picture of anguish, is given a royal shoulder to cry on. ‘One day you will do it,’ the distressed woman’s comforter is saying. ‘I know you will.’ The hearts of 14,000 onlookers and millions watching on television go out to her.

Jana Novotna says she doesn’t remember very much about the Wimbledon final she lost to Steffi Graf on 3 July. Which is probably just as well. As defeats snatched from the jaws of victory go, this was a collector’s item. Novotna led 4-1 and 40-30 in the final set, the championship a mere five points away. Graf, the hottest favourite for many years in a tournament deprived of Monica Seles, was surely going to be beaten by the No 8 seed. And it would have been no fluke. Edged out of the first set 7-6, Novotna had stormed her way through the second 6-1 and kept up her remarkable form well into the third.

As she prepared to serve for the point that would have given her a 5-1 lead, there was no indication of catastrophe. In a kiss- of-death line of commentary like no other, John Barrett told viewers, ‘I think the belief is here. At moments like this in the past she has tended to choke on her leads. But I don’t think it’s going to happen today. We’ll see.’

We did indeed. Novotna blasted her second serve three feet out. Deuce. Then a simple volley that landed about six feet out. Advantage Graf. Finally, a smash that wasn’t even close to getting over the net. Game Graf. 2-4. Within 15 minutes it was 6-4 to Graf, and one of the great ‘bottle jobs’ was complete.

At least, that is how it looked. But not to Novotna. After the match she refused to accept that she had ‘choked’, and she maintains that view three months on. ‘All I was doing was going for my shots,’ she says. ‘That’s the way I play. It had worked in the semi- finals and quarter-finals. OK, I gave her a chance with the second serve and the easy volley. But I’ve looked at the tape of the final and I would play it like that again. I only have positive memories of Wimbledon. I’m very proud of what I achieved there.’

Sue Barker, the former British Wightman Cup player and Wimbledon semi-finalist, says there is a fine line between losing your rhythm and caving in. ‘No player wants to be thought of as a bottler, and if you’d asked me on the morning of the final whether I thought Jana was one, I wouldn’t have said so,’ Barker says. ‘But she does rather have that label now, and she’ll have to work twice as hard to lose it.’

This week Novotna is back in Britain for the first time since Wimbledon to compete in the Autoglass Classic in Brighton. Graf was due to be there, too, but has pulled out injured. And with the organisers’ attempt to lure Martina Navratilova or Arantxa Sanchez Vicario looking a forlorn one, the field is there for Novotna’s taking. She had ‘flu last week, so may not be at the top of her game, but is looking forward to playing in front of a British crowd again. She seems genuinely not to have suffered from the kind of experience that lesser characters might have had a great deal of trouble recovering from.

Perhaps the key is that the emotional Novotna is happyto be emotional. Breaking down in front of the Duchess of Kent wasn’t embarrassing. ‘It was a very beautiful moment for me and I think for everybody,’ she says. ‘I think it’s good to show your emotions. It can lift you up.’ Novotna’s tears can be seen as a mark not so much of instability as of stability; as evidence of a healthy capacity for self-expression.

That comes from a secure upbringing in Brno inher native Czechoslovakia, where Novotna was born 25 years ago. Her father is an engineer, her mother a schoolteacher, both sporty but not particularly tennis-minded. Novotna, who as a child enjoyed playing football, first picked up a racket when she was eight. She joined a local club and knew by the time she was 14 she wanted to make a living out of tennis.

Since 1987 she has been doing exactly that, and proving with seven titles to be among the very best of the group which has always struggled to bridge the gap to Navratilova, Seles and Graf. But Sue Barker thinks she is getting closer all the time, and could even be ‘on the brink of greatness’.

Novotna’s tennis has manyvirtues, according to Barker, including ‘one of the best second serves in the game’, which is something of an irony. ‘She likes to serve-volley both points, so she does sacrifice a few double faults,’ Barker says. ‘But she’s got a great return of serve, which she takes really early. Her volleying is sharp. She’s a very aggressive player and she has to accept that she’s going to lose a few matches because that’s the way she plays the game.’

Novotna’s development has beenoverseen by arguably the second best woman player to come out of Czechoslovakia after Navratilova – Hana Mandlikova. ‘She’s the person I can trust and count on,’ Novotna says of her coach. It’s a close relationship, and between tournaments Novotna will often base herself at Mandlikova’s home near Antwerp in Belgium, ‘where the facilities are so much better than in Czechoslovakia’.

Home is just for holidays. It was there, where her old school friends ‘admire me for what I’ve achieved but still treat me just like they always did’, that Novotna headed for a week after her Wimbledon exploits. Then she had to prepare to represent her country in the Federation Cup in Frankfurt. Her performance there was moderate – one win and two defeats. She followed that by reaching the last 16 of both the Canadian and US Opens and then, a fortnight ago, she came good again to reach the final of the Leipzig tournament. The only trouble was, it was against Graf. Graf won 6-2, 6-0.

Despite that defeat, and in an era when burn-out is affecting more andmore women players before they are even out of their teens, what is noticeable about Novotna is the sheer enthusiasm she still has for the game. To that extent she has benefited enormously from not turning professional until she was grown up, and reckons she still has four more years of good tennis inside her. ‘There are moments when I’m really tired and you travel so much that you’re living out of a suitcase, but I never really dislike it,’ she says.

She hasn’t made any particular friends on the tour, but that, she says, is true of all the leading players. ‘It’s not really possible to be friends with the girls in the top 10 when it matters so much how you play against each other.’ But there is plenty to enjoy. ‘There is always excitement and the feeling you get when you are rewarded for all your hard work.’

Hard work and giving 100 per cent, whatever the cost – these are things Novotna admires inher great heroine Madonna. And it’s not difficult to see them as defining characteristics in a woman who could yet go from being one of the most famous Wimbledon losers of all to one of its most popular winners.

.

Nell’autunno Matchball ha pubblicato un’intervista alla Novotna firmata da Daria Ruggeri e intitolata Jana contro Jana:

“Accade spesso di farsi trarre in inganno dalle apparenze. Questa, probabilmente, è la ragione per cui la vera Jana Novotna è conosciuta da pochi.

Indossare una «maschera» per Jana è una forma di difesa nei confronti degli altri. Molti sono convinti che la ceka non sia una persona gentile né simpatica perché ha un aspetto sempre corrucciato quand’è in campo. Un luogo comune, che è circolato per anni nel tour accompagnato dalla chiacchiera che per parlare con lei bisognasse ascoltare anche Hana Mandlikova, la sua coach dal 1990.

La verità è che la 25enne di Brno è così dotata tennisticamente da essere stata classificata numero uno del mondo in doppio con tre differenti compagne – Helena Sukova, Gigi Fernandez e Larisa Savchenko-Neiland – così talentuosa che potrebbe stare tra le prime 5 del mondo anche in singolare – ma che non sempre il suo gioco funziona alla perfezione.

Non è facile trovare il modo di controllare le emozioni e i timori che si agitano nella mente e nell’anima: un problema, questo, che sembra essere il leit-motiv delle grandi giocatrici d’attacco ceke. Ricordate la Navratilova da giovane, o la stessa Mandlikova? Forse perché i loro schemi sono collegati alla fantasia, e solo nel momento in cui riescono ad essere fredde e concentrate diventano imbattibili.

Jana, ad esempio, ha battuto quasi tutte le prime giocatrici del mondo: Graf, Sanchez, Sabatini, Seles, Navratilova, Mary Joe Fernandez e Garrison, Ha vinto il titolo di doppio agli Australian Open, Roland Garros e Wimbledon con la Sukova, e solo la sconfitta nella finale degli US Open ’90 per mano di Gigi Fernandez e Martina Navratilova le ha impedito di realizzare lo Slam della specialità. Per scoprire le sue vere qualità – Jana è dotata di un forte temperamento, è sensibile ed è fornita di una grande senso dell’umorismo – occorre però saper andare oltre le apparenze.

«Può fare quasi tutto – dice di lei il suo ex-coach Jan Kruz – può giocare da tutti i lati del campo. Può colpire in slice, in spin e di piatto. Forse non è troppo rapida ma ha un grande anticipo ed è una grande combattente!»

Eppure, spesso limiti psicologici e fisici le impediscono di rendere al meglio, come è successo clamorosamente durante l’ultima finale di Wimbledon, ceduta in maniera rocambolesca – e amarissima, per Jana – a Steffi Graf.

«I miei problemi? Penso dipendano da tutto – risponde Jana quando affrontiamo il problema – Ma la parte mentale, la psicologia, è una parte molto importante nel tennis. La risposta va forse cercata anche nel fatto che io sono una giocatrice a tutto campo. Posso giocare da fondo, a rete, fare servizio e volée… Il punto è che così diventa molto difficile, perché ho troppe cose su cui lavorare. Se volessi essere una regolarista lavorerei sul mio dritto, sul rovescio e basta. Ma proprio perché devo lavorare su così tanti aspetti può accadere che in un torneo o in un singolo match uno di questi elementi non funzioni a dovere. Ho una grande varietà do colpi a cui evo pensare. E così, a volte capita che perda anche da giocatrici classificate peggio di me».

Ho sempre pensato che colpissi istintivamente…

«Lo faccio, in effetti, e proprio per questo quando qualcosa non va il mio gioco diventa più vulnerabile di quello di tante altre giocatrici!»

Ti capita spesso di non riuscire a concentrarti durante un match?

«Non succede spesso, magari in doppio, ma in singolare riesco a concentrarmi molto bene. Non siamo degli automi ed a volte sei stanca, hai giocato più di due ore o giochi in posti dove c’è molto rumore e movimento».

Lo scorso anno hai subito un intervento alla gamba per rimuovere una fastidiosa ciste. Sei stata un po’ di tempo in ospedale. Hai imparato qualcosa su te stessa durante quel periodo?

«Sì, a vedere il tennis sotto un’altra ottica. Era la prima volta che mi ricoveravano. Pensavo: Bene, a questo punto quale valore ha il tennis? Non è molto importante. Mi guardavo intorno e vedevo della gente veramente molto malata, con problemi seri e ciò mi faceva riflettere e guardare a questo sport in maniera diversa. L’unico inconveniente è che certi pensieri non durano a lungo, purtroppo».

Quando osservi la classifica e vedi alcune giocatrici con meno talento di te meglio piazzate in classifica, non ti mordi le mani?

«Questa è una buona domanda. Mi sono fatta spesso questa domanda. Mi dico: Come può essere prima di me? Io gioco meglio, ed ogni volta che ci incontriamo la batto. Ma è molto solida e probabilmente mentalmente più forte di me. Ed è per quello che si trova in quella posizione. È molto difficile accettarlo, quando dentro di te senti di essere la migliore. Allora mi arrabbio molto con mé stessa». Qualcuno ha detto che sei molto seria, molto professionale, ma che hai un aspetto sempre arrabbiato sul campo. Forse non sanno che sei gentile, sensibile e con un grande sense of humor.

«Certo che lo sono. A volte il mio problema è che sono molto gentile fuori dal campo, molto sensibile, e davvero non è possibile esserlo quando sei in campo. Se vuoi veramente vincere non devi esserlo. Credo sia difficile per il pubblico riconoscere chi è sensibile e chi non lo è solo guardando al comportamento in campo».

Quando eri un po’ più giovane sembravi molto timida. Oggi qualcosa t i ha cambiato, sembri un po’ più aperta e diplomatica…

«Sono ancora timida, ma ho imparato che non puoi parlare a tutti nello stesso modo. Lo impari quando vivi sul circuito. Devi sapere quando puoi dire di sì e quando devi dire no, quando puoi parlare con qualcuno e quando non parlarci. Ma anche se sono diplomatica la mia personalità non è cambiata».

È stato il tipo di vita che ti ha spinto a cambiare o qualcosa che ti ha ferito?

«No, è il tipo di vita che si conduce in questa professione. Viaggi molto, incontri gente differente, che non conosci veramente e questo ti insegna a mantenere un po’ le distanze».

Quando eri una bambina forse hai sognato di diventare una campionessa. Come immaginavi il mondo del tennis? Come immaginavi la tua carriera?

«Quando ho iniziato a giocare l’ho fatto per divertimento e non per diventare una professionista. Non ne ho avuto l’intenzione fino a 16 anni, quando crescendo ho compreso  che con il tennis avrei potuto fare una bella vita, come del resto hanno pensato molti miei colleghi nati in Cecoslovacchia. Ma pochi anni dopo, quando ho cominciato ad allenarmi con Hana ho cambiato questa prospettiva così… venale. Da quel momento il tennis per me ha significato solo trofei, titoli ed essere una professionista».

Allora non hai mai sognato…

«Credo sia stato meglio così. Non ho avuto modo di coltivare grandi aspettative e tutto quello che ho realizzato è stato come un sogno che diventava realtà»-

Quale tipo di comportamento ti infastidisce nelle persone che hai intorno?

«Difficile… Ti posso dire che la gente che non mi conosce non può avere il diritto di giudicare il tipo di persona che sono. La cosa più importante è che i miei amici mi conoscono come persona e ciò mi rende felice».

Cosa non ti piace in una persona che ti avvicina?

«Mi piace pensare che la gente si comporta con me come io farei con loro. Se io volessi chiedere un autografo non urlerei certo… Probabilmente mi avvicinerei e chiederei cortesemente un autografo o una foto. Se la gente si comporta così, di solito con me ottiene ciò che desidera. Non sopporto le persone che mentono, le bugie».

So che hai un po’ paura di volare…

«Un po’… tanto! Guardandomi non riconosceresti alcun segno esterno di nervosismo, ma dentro… Mi domando: «Chi me l’ha fatto fare? Perché non sono a casa? Soprattutto quando c’è turbolenza!»

Ti sarebbe piaciuto nascere in un altro paese?

«Sarebbe stato interessante. Forse non avrei giocato a tennis, avrei fatto qualcos’altro. Non lo so, non ci ho mai pensato, perché tanto non è possibile cambiare niente. Sono nata in Cecoslovacchia, sono cresciuta là e sono molto fortunata ad avere abbastanza soldi per fare ciò che voglio. Questo mi rende tranquilla e rende le cose più facili».

Forse non avresti imparato questo tipo di tennis…

«Ah, sì… Forse sarei stata una regolarista. Ma mi ci vedi?»

So che ti sono sempre piaciute le moto: ne hai ancora?

«Le ho vendute tutte. Non mi piacciono più: sono pericolose. Ora ho altri interessi».

Di che tipo?

«Mi piacciono molto i mobili. Mi piace disegnarli: quando avrò una casa mia spero di potermi disegnare tutto l’arredamento».

Ti ho chiesto delle moto perché volevo sapere che sensazioni provavi nel guidarle.

«Le stesse sensazioni che provo quando scio. Quando vengo giù dalle discese ho una magnifica sensazione di eternità, di essere libera, di essere sulla vetta. Tutto è sotto di te. Tu corri, fai scivolare gli sci e voli, voli sulla neve e nessuno ti può fermare!». L’erba, a volte, può essere molto più pericolosa.

.

Brighton, indoor, 18-24 ottobre, tier II, 375.000 dollari.

È la testa di serie numero 1.

1T batte Rika Hiraki 6-3, 6-1.

2T batte Claudia Porwik 6-1, 6-0. Confronti diretti 3-0.

Q batte Elna Reinach 6-1, 6-1. Confronti diretti 3-1.

S batte Patty Fendick (tds 5) 4-6, 6-0, 6-3. Confronti diretti 4-3.

Il servizio di Matchball è stato scritto da Patrick Lauson e si intitola Jana fuori dal tunnel. Comincio con il match di semifinale, anche se Lauson ha parlato prima della finale: “L’incontro migliore visto all’«Exhibition Centre» durante la settimana è stato però quello giocato dalla Novotna contro Patty Fendick, l’americana che nella prima semifinale, con un gioco leggerino ma piacevole, ha messo in difficoltà la ceka togliendole il primo set e costringendola a fare prodezze per vincere il terzo.”

Io quest’incontro l’ho visto e in effetti la Fendick ha giocato davvero bene, al punto da farmi diventare una sua (molto moderata) tifosa. Lo avevo pure registrato, in modo un po’ artigianale, visto che non avevo il videoregistratore (né un cavalletto). Era il mio sistema dell’epoca: le due casse dello stereo impilate una sull’altra, un elenco del telefono per arrivare all’altezza giusta e un quadernone ad anelli per dare l’angolazione precisa, la videocamera in cima e poi iniziavo a registrare, fermando il nastro dopo ogni punto. La difficoltà era che non potevo esultare – né imprecare – perché altrimenti avrei registrato la mia voce, il problema che si tratta di un formato di nastro che ora non riesco più a vedere. Comunque il 6-3 finale non deve ingannare, fino all’ultimo non sapevo se Jana avrebbe vinto oppure no. Nel match ha fatto 3 (0) ace, 3 doppi falli e 7 (3) break.

F batte Anke Huber (tds 2) 6-2, 6-4. Confronti diretti 3-2. Ha fatto 5 (2) break.

Il servizio: “Non c’è il gatto, i topi ballano. Nella fattispecie il gatto sarebbe  Steffi Graf, che di questo torneo ha fatto una specie di proprietà privata (sei vittorie in sette partecipazioni, di cui le ultime cinque consecutive), e che non ha potuto allungare la sua serie perché bloccata da un gesso, conseguenza del recente intervento chirurgico al piede che le ha dato fastidio per tutta la stagione. Il topo, invece, è Jana Novotna, la fin troppo bersagliata «Cuor di coniglio» che nei confronti di Steffi ha un vero e proprio complesso di inferiorità.

Tutti ricordano come, non più tardi di tre mesi fa (e non più lontano di un centinaio di kilometri da Brighton) la 25enne ceka ha gettato alle ortiche il titolo di Wimbledon, perdendo contro la Graf una finale già vinta per poi abbandonarsi a un pianto disperato sulla spalla della Duchessa di Kent. Scavando un po’ più in là negli archivi va ricordato inoltre che Jana, contro Steffi, aveva perso un match incredibile (avanti di un set, 3 break-point sciupati sul 4-4 nel secondo, poi un break buttato nel terzo, ancora 5-4 e 30-0 a suo favore ma senza mai riuscire a chiudere) proprio nella finale di Brighton dell’anno scorso, e che nelle settimane precedenti aveva combinato frittate più o meno simili nei tornei di Lipsia e di Zurigo, sempre in finale, sempre al terzo set, e naturalmente sempre contro la Graf.

Stavolta però Steffi non c’era, e per la Novotna vincere a Brighton dev’essere stato più o meno come svegliarsi da un incubo, liberarsi da una maledizione. «Niente a he vedere con Wimbledon – ha però detto un po’ seccata la vincitrice – quella era tutta un’altra cosa, un’altra atmosfera. La vittoria in questo torneo non è certo una rivincita per quella sconfitta».

Staccarsi di dosso l’etichetta di perdente, dopo la finale dell’ultimo Wimbledon, non le sarà affatto facile. E lo sa bene. «Quando perdi un paio di match combattuti, come è capitato di perdere a me, è facile ritrovarsi marchiati per tutta la vita. Io sinceramente non penso di essere una che se la fa sotto nei momenti caldi (sarà vero? …ndr) ma mi sono stancata di parlarne, di dover a tutti i costi dimostrare il contrario». Jana ha ragione, i commenti perfidi sulle sue scarse doti di combattività sono stati parecchi, e duri da digerire. Ma qualcosa di vero ci deve pur essere, se a 25 anni una giocatrice dotata di così grande talento ha ottenuto solo qui a Brighton – un torneo da 375.000 dollari di solida tradizione, ma un po’ in declino – il primo titolo di una certa rilevanza della sua carriera.

In finale dall’altra parte della rete si è comunque trovata una tedesca, la bionda picchiatrice da fondo campo Anke Huber. […] in finale si è ritrovata di fronte al gioco a tutto campo della Novotna, che l’ha sovrastata col servizio e con la volée. Il match è durato 1 ora e 29, e ha avuto una sola vera emozione: il break conquistato dalla tedesca nel secondo set, con il quale si è portata 4-3; stavolta però Jana ha reagito bene nel momento difficile, ha rimontato subito e chiuso a suo favore la pratica.”

Una precisazione: quella di Zurigo era stata una semifinale, non una finale. Non ho il resoconto del match di Lipsia 1992, finito 6-3, 1-6, 6-4, ma il commento sulle tre frittate mi tenta molto circa l’opportunità di inserire anche quell’incontro fra i match sciupati da Jana.

.

WTA 8, media 141,50.

Advertisements
This entry was posted in tennis and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.